Annunci

Pedofilia quotidiana

corradoaugiasVedo che continua ad infuriare la polemica su Augias e la sulla sua pretesa difesa della pedofilia, mentre quasi tutti gli altri temi sono come sprazzi i mezzo ai gattini dei social. Ed è questo che colpisce, perché una società con enormi problemi di declino e di involuzione, mentre non ha nulla o quasi da dire contro il sinergico ritorno al medio evo sociale,  trova invece corale capacità di indignazione e interrogazione solo su temi arcaici (in senso proprio e non negativo) e su quelli che ineriscono la sessualità. In questo senso Augias ha detto una cosa sensata e allo stesso tempo una straordinaria cazzata perché aggredendo la cultura dell’immagine che pervade le famiglie più fragili di fronte all’infuriare dell’ideologia dell’apparire, ha dato la sensazione di giustificare la pedofilia oltre che lo stupro e l’assassinio di Fortuna Loffredo. Ma non esiste alcuna relazione tra una famiglia che concia una bimba come una futura velina e la pedofilia, così come non esiste tra una minigonna succinta e la violenza carnale. Le due cose non vanno assieme e il tentativo di unirle facendo  il solito “discorso intelligente” è stato disastroso, inaspettato da uno abituato all’attenta alchimia del consenso salottiero.

Ma di bambini e bambine conciate come aspiranti tronisti ne vediamo tutti i giorni nella pubblicità e negli appositi reality per la cui partecipazione le famiglie si scannano. Sembra che il compito di dare alle nuove generazioni un’educazione e una cultura sia una roba da passatisti e da brutti, mentre ciò che conta è il protagonismo più sciocco, considerato come l’apice dell’essere. Che poi magari ci scappa pure il ministero. Un’intera condizione infantile, esposta tutti i giorni allo spettacolo della violenza, del consumismo più sfrenato, dell’agitarsi quasi sconcio di corpi persino nei quiz più innocui, alla totale svalorizzazione e irrisione del sapere, della fatica, della competenza, dell’intelligenza, della costanza e del lavoro divenuti ormai ostacoli per il successo che arride invece al più totale dilettantismo, eppure l’unica cosa che sembra colpire le cervici genitoriali e quelle dell’intellighentia è la connessione alla sessualità quando essa è esplicita. Senza pensare che la sessualità è determinata dal modo di essere globale della persona, non può essere confinata in qualche giardino appartato.

La cosa diventa chiarissima se al posto dei bambini prendiamo gli adolescenti: in molti Paesi a 16 anni si può  guidare, votare, firmare contratti di lavoro, affittare case, soprattutto essere sfruttati, ma benché sessualmente maturi da tempo è reato avere rapporti con persone più grandi che grazie alla loro esperienza “si possono approfittare”della ragazzina (o del ragazzino in un numero più raro di casi). Sembra che invece gli adulti non si approfittino per nulla del lavoro minorile, il mercato non si approfitti imponendo  una mentalità e una struttura di consumo, i media non si approfittino della malleabilità mentale dei più giovani per sterilizzare fin da subito l’idea di speranze e diritti, i produttori di auto e motorini non temano di esporre gli adolescenti a rischi statisticamente rilevanti e non conti nulla che essi siano allevati per essere strutturalmente ostili gli uni agli altri.

E’ chiaro che si vive nell’illusione puramente ideologica di poter separare la vita sessuale da tutto il resto, di creare un mondo anaffettivo, egotico, narcisista e scioccamente desiderante, salvando al contempo le dinamiche tradizionali. Ma è evidente invece che tutto si tiene e che la forma dei rapporti sarà omologa alla persone che si vanno creando. E anche questo in fondo è stupro pedofilo, uno stupro quotidiano e inavvertito.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Pedofilia quotidiana

  • Anonimo

    Sinceramente, anch’io, ho trovato stonato il commento di Augias perché, ferma restante, tutta l’analisi ineccepibile sopra riportata, davanti ad un dolore immenso come quello provocato dalla tragedia di Caivano non mi sembra il momento di voler “filosofeggiare” su l’opportunità o meno di abbigliare i bambini sui dettami delle mode che ci vengono imposte dalla scatola ” lavacervelli”. Tali consigli, li gradirei in un talkshow che avesse per oggetto il mondo dei bambini in generale ed in particolare la difesa della loro genuinità.

    Liked by 1 persona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: