Annunci

La riscossa rulla sulla pista di Alitalia

287084c7f87e356285607f14971d2ff3-kP2-U11002377527992YDH-1024x576@LaStampa.itNon se lo aspettavano né i ministri di malavita, né il governo della ricettazione globale, né i sindacati della resa con mugugno e mancetta, né l’informazione magliara o semplicemente cretina che recita il rosario della competitività senza nemmeno rendersi conto di quello che dice: i lavoratori di Alitalia hanno detto No all’accordo che prevede quasi mille esuberi e la riduzione dell’ 8% degli stipendi del personale volante raggiunto sotto il ricatto dei libri in tribunale. E l’avversione a questo ulteriore massacro è ancor più significativo perché anche il personale di terra ha votato a maggioranza conto.

Forse si ricomincia a comprendere ciò che quarant’anni fa era ovvio: se se tagliano le gambe a qualcuno con il tuo assenso domani le taglieranno anche a te, E probabilmente si comincia anche ad avere la sensazione che le rese parziali alle cosiddette logiche di mercato, opportunamente aggiustate caso per caso, significano uno scivolare senza fine ai livelli di povertà, verso le più indignitose mete della presunta produttività, come del resto accade negli Usa dove persino i giovani piloti delle compagnie interne sono costretti a vivere con i sussidi e per giunta devono restituire i prestiti contratti per le varie scuole di volo. Il resto, ovvero che la crisi Alitalia sia stata dovuta non certo all’abbondanza del personale o ai suoi stipendi, ma a vertici e azionariati incapaci di costruire qualsiasi strategia o qualsiasi futuro è sotto gli occhi di tutti quelli che non si massaggiano i bulbi col prosciutto delle frasi fatte.

Naturalmente, visto che dirigenti e azionisti incapaci di pensare non possono essere toccati, l’informazione si strappa le vesti, magari anche quelle comprate con i contributi pubblici in via diretta o indiretta, si lamentano che per salvare l’ennesima volta Alitalia occorreranno soldi pubblici. Certo che occorreranno, ma occorrono per la verità anche per quelle che sembrano essere le pietre preziose del neoliberismo volante, ossia le compagnie low cost che pagano al minimo i dipendenti ed evadono bellamente i tributi: non vivrebbero nemmeno un giorno se non raccogliessero i contributi degli enti pubblici per aprire scali qui e là. Per quanto riguarda l’Italia abbiano la menzogna di Del Rio che quantifica in 40 milioni questi esborsi, una cifra talmente ridicola da essere inferiore persino a quella della sola Sardegna che a quanto pare si attesta come testimonia la stessa Ue sugli 80 milioni. Persino un giornale come la Stampa si vergogna di una cifra come questa è la raddoppia ad 80 milioni, sperando che questa minimizzazione sia più credibile, ma siccome molti accordi sono segreti, altri sono persino caduti sotto la lente di Bruxelles, altri sono follia come i 25 euro a passeggero pagati a Ryanair dall’aeroporto di Verona, per non dire dei 30 milioni di Brescia e Pisa  è presumibile che tali contributi in soldi pubblici abbiano superato complessivamente, i 300 milioni all’anno negli ultimi 7 anni. Calcolando, per difetto, una media di  5 euro a passeggero e moltiplicandolo per gli 80 milioni di passeggeri delle low cost si arriva anche a 400. Con anche denunce di illegalità da parte dell’ipocrita Bruvelles. Altro che libero mercato e altro che Alitalia che con quei soldi sarebbe stata strasalvata e con essa anche molti aeroporti giunti sull’orlo della bancarotta con questo sistema la cui salvfica efficacia sulle economie locali è tutta da dimostrare se non si vogliono fare i soliti discorsi un tanto al tocco. Altro che le lamentazioni in salsa anni ’80 degli addetti all’informazione di mia nonna.

Per questo è importante la battaglia di Alitalia che non coinvolge solo i lavoratori della compagnia o il settore dell’aviazione (una resa costituirebbe immediatamente un motivo di ulteriore abbassamento salariale anche presso Ryanair, Vueling, Air Berlin e via dicendo), ma una resistenza alle logiche di impoverimento progressivo che investono tutto il mondo del lavoro.  E anche alla presa in giro del “mercato”.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

6 responses to “La riscossa rulla sulla pista di Alitalia

  • learco

    “Più articolata la posizione di Confindustria, espressa da una serie di servizi su IlSole24Ore, che insiste molto sul prestito-ponte e poi vedere se si trovano altre soluzioni. Anche qui non c’è un’improvvisa svolta “buonista”, ma solo preoccupazione per uno dei soci più importanti di Confindustria, ossia Benetton. Il “padrone” degli aeroporti romani, attraverso le sue entrature istituzionali, sta facendo notare che la stragrande maggioranza del traffico aereo su Fiumicino dipende dai voli Alitalia. Un blocco della compagnia sarebbe dunque un danno economico pesante, almeno nell’immediato. Ovvio che una destinazione come Roma non resterebbe a lungo “scoperta”, e chi gli slot occupati attualmente dalla compagnia verrebbero facilmente venduti ad altre. Ma ci vuole tempo: le altre compagnie interessate dovrebbero decidere di ampliare il proprio parco rotte, investire nei servizi di terra dedicati (check in, ecc), comprare gli slot “all’asta”, destinare personale verso l’Italia, ecc, ecc, ecc. Nel frattempo, Fiumicino languirebbe e i ricavi di mr. Benetton anche.”

    http://contropiano.org/news/politica-news/2017/04/26/la-nazionalizzazione-no-siete-un-governo-amministratori-condominio-091206

    Mi piace

  • learco

    “Per tutto questo sfacelo, in attesa delle nuove idee brillanti in gestazione a Palazzo Chigi, c’è una sola spiegazione.
    Purtroppo è quella più miserabile.
    Per la classe dirigente (non solo politica) italiana l’Alitalia è sempre rimasta l’ultimo baluardo delle partecipazioni statali, lo scrigno che custodisce le gemme più ambite da gente che è miserabile anche quando ruba: assunzioni per la cognata o l’amante, biglietti omaggio per rotte intercontinentali o perlomeno passaggi in prima classe con il biglietto economy, contratti per società di comunicazione di amici, appalti di ogni tipo.
    Lo hanno fatto i politici per decenni, poi anche i mitici privati si sono uniti al rito. Non hanno nemmeno la grandezza di aver distrutto un’azienda sbagliando una scommessa imprenditoriale.
    L’hanno sacrificata alla certezza che un amico ottenesse la fornitura degli snack di bordo.”

    http://temi.repubblica.it/micromega-online/l%e2%80%99appalto-degli-snack-ha-ucciso-l%e2%80%99alitalia/

    Mi piace

  • Anonimo

    “E probabilmente si comincia anche ad avere la sensazione che le rese parziali alle cosiddette logiche di mercato, opportunamente aggiustate caso per caso, significano uno scivolare senza fine ai livelli di povertà, verso le più indignitose mete della presunta produttività, come del resto accade negli Usa dove persino i giovani piloti delle compagnie interne sono costretti a vivere con i sussidi e per giunta devono restituire i prestiti contratti per le varie scuole di volo. ”

    Capitalismo… vedasi il film Wall Street, con Michael Douglas.

    Mi piace

  • La riscossa rulla sulla pista di Alitalia – Onda Lucana

    […] via La riscossa rulla sulla pista di Alitalia — Il simplicissimus […]

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: