Annunci

Archivi tag: tecnologie

Buon anno del porco

cinAnna Lombroso per il Simplicissimus

Gioviale cosmopolitismo? Pittoresca adesione a un ideale di accoglienza? Da ieri Via Condotti a Roma è addobbata a festa per celebrare il Capodanno cinese, Altrettanto succede a Milano e in altre città.

Ci sono ricorrenze che minacciano di scomparire, la cui data sul calendario da rossa diventa nera non a caso, 25 aprile, 2 giugno, per intenderci, diventate fastidiosi obblighi da assolvere sbrigativamente o meglio ancora da rimuovere in qualità di minaccia per la pace sociale. Altre si sono trasformate in un paradosso, come il Primo maggio che solennizza il Lavoro che non c’è e il lavoratori che al massimo possono rievocare quello che hanno perduto. Per il resto come si sa qualsiasi anniversario è stato convertito in fescennino  commerciale con tanto di bottiglia di cognac e cioccolatini, mimose, colomba e panettone, perfino zucca da quando il culto die morti è diventato ilare occasione per pizza e birra, dolcetto e scherzetto, come l’8 marzo memore di un incendio funesto, e via via le feste dei papà, delle mamme, dei nonni, spunto per appositi consigli per gli acquisti, svendite d’occasione e deplorazione per chi non ha ricordato la giuliva solennità, in attesa che le promozioni per il giorno della memoria prevedano le praline “Perlasca” o peggio il brandy Terezin.

Personalmente ho in antipatia i festoni di Natale che campeggiano sulle vie del centro, impolverati e malinconici fino a  febbraio inoltrato fino a ora sostituiti da altrettanto desolate cascate di stelle filanti e lancio di coriandoli, poi da vetrine invase da sconsolati pulcini interrotte anticipate da mazzolini di mimose, con il loro indimenticabile sentore di marcio e cimitero.

Meglio dunque qualche drago, qualche stendardo rosso che almeno fa allegria. E fa anche giustizia di quell’instancabile chiacchiericcio a riprovazione di un’invasione non del tutto pacifica: e non se ne può più, si sente dire, di quei negoziacci  a 1 euro che hanno abbassato il livello delle strade cittadine. È ora di finirla che al posto dei nostri bacari, delle nostre hosterie, dei trani e della pizzerie si vedano “La città imperiale”, “Mandorli in fiore”, e aleggi dappertutto il puzzo irrancidito degli involtini primavera! E giù a protestare come non si è fatto con la sostituzione della trattoria sotto casa con il “Burgher”, del supermercato francese dove si vende il parmesan al posto del prestinaio e del pizzicarolo, per non parlare dell’italiano rimpiazzato da un gergo per cretini globali di tutte le latitudini. Peggio mi sento quando di parla di prodotti informatici, dell’anatema contro smartphone e cellulari esplicitamente made in China cui sarebbe doveroso preferire quelli prodotti là ma pudicamente distribuiti da imprese tedesche, inglesi, scandinave che non ricordano nemmeno più cosa vuol dire studiare, sperimentare, applicare ricerche e brevetti e si accontentano di attaccare etichette, stoccare e fare i magazzinieri e i postini, e quando chiunque acquisti su internet o in un centro commerciale, tutti ormai dichiaratamente stranieri, è abilitato a sapere cosa si cela dietro a certi made in Italy, o made in England: nel migliore dei casi un’attività di assemblaggio di parti o un marchio pagato per aggirare ostacoli all’importazione e far pagare di più i citrulli che ci cascano.

Non stupisce che mentre è in corso il definitivo declino, politico e morale, dell’impero Occidentale tra le “promesse” trumpiane di olocausti atomici, guerre di rafforzamento istituzionale purché altrove, tra repressione di tentativi e sussulti democratici, di autonomismi e separatismi, bolle che scoppiano e fallimenti bancari, il cittadino medio di quest’area dopo aver perso tanto, si compiaccia di possedere ancora un’insensata percezione della sua superiorità retaggio di più fauste ere coloniali, alimentato da impresari del sospetto, della paura e dell’isolamento, che si invigoriscono creando demoni, alimentando conflitti e concorrenza sleali nelle quali siamo condannati a perdere, perché è inevitabile succeda così se non si vuol vedere oltre il guardare, se ci si convince che non si ha nulla da apprendere dagli altri. E se si pensa di conservare una malintesa identità  grazie alla cooptazione economica dell’Europa nei trattati di cooperazione che altro non sono che di dipendenza e subalternità, ancora più risibili oggi che dopo una serie di colloqui informali, si attende a fine mese l’incontro tra Trump e Xi Jinping, che la Cina ha in corso di approvazione una legge sugli investimenti esteri che permette agli operatori oltre confine di avere la maggioranza e di non trasferire tecnologia, che i servizi e i prodotti finanziari americani avranno accesso al mercato cinese, mentre parte del risparmio cinese (nell’ultimo decennio pari  al 492% del pil, con il debito societario salito al 188% del pil) approda a Wall Street.

Proprio non si vuol capire che non è un caso che i colossi statali abbiano nel 2018 hanno fatturato 4300 miliardi di dollari, 1/3 del pil cinese, a conferma dell’importanza dello Stato nell’economia, della sua forte programmazione economica, centralizzata e regionale, della sua  capacità di orientamento, investimento  e redistribuzione, proprio l’esatto contrario di ciò che ha imposto il mercato come unico decisore, autore dei danni cui si chiedono soluzioni e panacee. Con alcune recenti misure licenziate a fine anno le detrazioni  fiscali mensili ammontano  a 400 yuan (50 euro) per master o corsi di formazione, 1.000 yuan per spese affitto, 1.000 yuan per ciascun figlio a scuola, 1.000 yuan per cura di ciascun genitore e detrazioni annuali per spese mediche pari a 60 mila yuan (7.500 euro). La sanità è a carico dello stato al 70% e per il 30% del lavoratore che anticipa mensilmente le spese mediche in previsione di un credito di imposta pari al costo sostenuto alla fine dell’anno. Questo in vista della promozione del sistema universale della sistema dell’assistenza che mutuerà la formula italiana e francese.

Così magari saranno soddisfatti quelli che pensano che i cinesi sanno solo copiare e taroccare. Mentre noi ci beviamo tutto, che siano comunisti, che siamo meglio di loro, noi che gli imitiamo perfino il Capodanno.. per quanto questo sarà l’anno del maiale e sui porci non temiamo concorrenza.

Annunci

Asocial network

Building-a-Social-NetworkIeri ho parlato di Zuckerberg, della sua falsa donazione per i terremotati dell’Italia centrale consistente in un coupon di 500 mila euro per pubblicità su Facebook, oggi mi soffermerò di più sulla sua creatura  (in realtà rapita in culla ad altri) che in tantissimi usiamo tutti i giorni, partendo da uno spiacevole ed enigmatico episodio che ha visto il social network bloccare per una settimana la pagina del canale televisivo iraniano in lingua spagnola, HispanTV, perché l’emittente televisiva che serve le moltissime persone di origine ispanica che lavorano in Iran, ha osato mettere in pagina spezzoni di un video, Detras de la razon, che riguarda la condizione delle donne in Arabia Saudita.

Certo ci sono cose più importanti di cui parlare oggi tra cui il golpe “democratico” in Brasile, ma ho scelto questo argomento perché probabilmente tutto ciò che è accaduto negli ultimi cinque o sei anni è stato favorito, anzi reso possibile dai social network e dai sistemi informatici globalizzati che fanno tutti capo in Usa, che sono retti sulla base delle sue leggi  e che hanno regole fatte apposta per permettere ogni abuso, pur in assenza di responsabili visibili, accertati e resi noti agli utenti. In realtà Fb come Google+, Twitter, You Tube parlo dei più importanti, hanno una natura ambigua, una natura bifronte perché potrebbero e dovrebbero mettere in contatto le persone, ma secondo una tonnellata di studi specifici, favoriscono l’isolamento; potrebbero e dovrebbero essere un mezzo di espressione, ma in realtà creano un gregge, anzi una mandria che può essere condotta e diretta facilmente da pochi cani da guardia, influencer noti, altri meno noti che nascondono la loro vera natura dietro le spoglie di un’apparente libertà, inserzionisti veri o fasulli, persuasori e manipolatori che basano la loro azione sull’istinto gregario, sulla ricompensa dei like che del resto sono in compravendita, insomma sui livelli comportamentali più basici che fanno assomigliare i movimenti sui social network a quelli degli stormi di uccelli o mandrie di renne. Non sono solo immagini è il risultato di altre tonnellate di ricerche che fanno dei social network un campo di ricerca etologica più che etnologica.

Così è facile non tanto il controllo di un’informazione specifica cosa che del resto viene anche buono quando si devono lanciare campagne di irrazionalità assoluta sulla base di notizie create e video fabbricati,  quanto quello di diffondere sentiment generalizzati, siano essi la paura, la nascita e l’ascesa di personaggi una volta improponibili, ideologie per il suicidio di classe, mentalità contemporanee, linguaggi, l’appoggio a nemici del popolo che magari si nascondono sotto le spoglie della sinistra, la moltiplicazioni dei cani e dei porci, se mi è consentito dire, per far credere che piccole minoranze rappresentino la maggioranza  dentro un meccanismo auto avverante almeno per un po’ (vedi caso Ucraina). Per carità niente di nuovo sotto il sole, ma i social network hanno reso possibile in tempi brevissimi ciò che una volta si poteva realizzare in anni o attraverso colpi di stato dichiarati o era semplicemente irrealizzabile.

Voglio essere chiaro: entrambe le due nature dei social network sono reali e coesistono, quella di mettere in contatto e isolare, quello di permettere la diffusione delle idee e quella di controllarle e indirizzarle, ma il lato oscuro rischia man mano di essere prevalente a causa del dis -orientamento di cui questi sistemi soffrono, ovvero quello di essere globalizzati e allo stesso tempo di essere fondati su una cultura e su un ambiente specifici che impongono un certo tipo di rapporto e di interazione pretendendo che tutti vi si adeguino e lo adottino. Ogni manipolazione è possibile a partire da questo piano che tra l’altro esige un’unica lingua e i valori, la mentalità che essa esprime oltre a un concetto di social network basato sui contatti individuali, dal momento che la società è vista solo come interazioni di individui. Mi sono chiesto spesso perché non siano nati social network localizzati, riguardanti un Paese o alcuni essi di essi, perché ad esempio non vi sia un social network italiano o europeo che forse avrebbe reso meno libera di fare ciò  che vuole, l’oligarchia al comando. E’ un mistero perché le tecnologie ci sono, alcune anche gratuite (come quella su cui è basata Linkedin per esempio) e comunque le spese non sarebbero tali da non consentire un ritorno economico anche su una base pubblicitaria ridotta. Ci fosse stato un  facebook brasiliano probabilmente non si sarebbe arrivati alla destituzione di Dilma Rousseff, avvenuta grazie grazie alla diffusione di uno stato d’animo che fa apparire le ricette del massacro sociale quelle giuste per superare i disagi sociali. Comunque sarebbe stato più difficile visto che gli stormi di suggestioni del genere non potevano partire direttamente dalla California, così come del resto è accaduto per i fatti di Colonia. Mi chiedo se sia solo un caso che gli unici grandi social indipendenti e diversi dai big brothers della silicon valley esistano solo nei Paesi resistenti all’impero e se non sia nocivo per quelle società che  opposizioni e grida di dolore non nascano davvero nella dialettica locale, anche se parliamo di Paesi continente, ma siano instillati dall’esterno acquistando spesso un carattere di artificiosità e di ambiguità.

Comunque sia la convinzione  che qualcosa o è globale o non è , suona davvero sinistra perché è fonte solo di conformismo terraqueo tra i più vacui, costruito proprio per evitare di incontrare l’altro e per uccidere la biodiversità delle idee, delle culture  e delle espressioni. Mi chiedo se chi la porta avanti sarebbe dello stesso parere se questa globalità non nascesse negli Usa ma  in qualche altro luogo del mondo. Sono convinto di no, perché ciò che consideriamo come globalizzato e universale non è mai stato così caratterizzato e localizzato.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: