Archivi tag: globalismo culturale

Grande fratello Netflix

7399029160_f2c7e7a31fSpesso accade che i grandi fratelli della nuova era non si annuncino come tali, che appaiano i compagnoni delle serate pizza e film, come distributori di “contenuti” talmente facili e affabili che alla fine non ci si accorge nemmeno di essere diventati dei meri contenitori per l’ideologia dei ricchi. E’ la storia d Netflix che è  tutt’uno con il globalismo e la cui trasformazione da semplice distributore planetario a produttore in proprio di serie e film  da distribuire dovunque ,ne ha seguito le tracce. L’incipit stesso di questo cambiamento è avvenuto in maniera molto significativa con House of Cards una serie a carattere politicante, ma totalmente priva di qualsiasi concetto politico e tratto da una trilogia letteraria intitolata Gli intrighi del potere scritta da Michael Dobbs che è stato consigliere personale della Thatcher oltre che eminente rappresentante del partito conservatore. Il concetto espresso e propalato in tutto il mondo è che la politica non è altro che gestione dell’economia e dunque non è terreno di idee, prospettive, speranze, visione diverse e alternative. ma  è solo una questione amministrativa per la quale la corruzione dei gestori è un fatto spiacevole, ancorché interessante dal punto di vista narrativo, ma non fondamentale poiché non mette mai in questione il sistema e i suoi fondamenti.

E’ forse a questa produzione che si deve la nascita del populismo e del qualunquismo  propagandistico  delle elite che da noi, tanto per fare qualche esempio concreto, viene espresso dalle sardine. Ma del resto non c’è da stupirsi se solo si guarda al fondatore e capo di Netflix, Reed Hastings, una sorta di specchio vivente del gran fratellismo vip contemporaneo: ha fatto parte del consiglio di amministrazione di Facebook da 2011 e fino all’anno scorso, è stato  parimenti membro del direttivo Microsoft, come tutti i miliardari si dedica alle cosiddette organizzazioni no profit e last but no least è uno dei noti sostenitori delle charter school, ovvero scuole private quanto all’insegnamento e all’orientamento di base, ma che godono di fondi pubblici . Non si sa quali siano le reali competenze che lo hanno proiettato in questo brillante cursus honorum visto che si è laureato a quasi trent’anni in informatica e non si è mai considerato, almeno secondo le sue stesse parole, un uomo d’affari fino ai 45. Ma di certo non si può trascurare il fatto che  ha seguito un corso di addestramento per gli ufficiali del Marines senza tuttavia arruolarsi, preferendo entrare nel Peace corps, famigerato strumento della politica di Washington che ha al suo attivo innumerevoli tentativi di controrivoluzioni, rivoluzioni colorate, colpi di stato come quello contro Allende e attraverso Nathaniel David ha lasciato il suo zampino anche nel caso Moro. Tutto questo meriterebbe molti post a parte, ma insomma definiscono bene la formazione del capo di Netflix che oggi persegue gli stessi scopi con l’intrattenimento.

Qual’è la filosofia di questo network? Quello di produrre “contenuti” come dicono gli acculturati della mutua, non solo in Usa, ma in diversi Paesi, tentando con questo di cancellare la sensazione di imperialismo culturale e facendo apparire come prodotto proprio cose che sono state studiate altrove: in realtà, mentre gli scenari, le ambientazioni, gli attori appaiono diversi, la sostanza narrativa, le storie e i rapporti umani sono sempre gli stessi, indifferenziati ,standardizzati,  di purissima marca americana, tanto che spesso le stesse storie vengono ripetute in diverse versioni per i vari Paesi, cosa di cui il fruitore tipo, legato a una determinata area e non in possesso di una Vpn non si rende ben conto. Oddio spesso ci sono degli incidenti, come quella mini serie in cui si ipotizza invasione morbida della Norvegia da parte dei russi, senza tenere conto che questo Paese è già stato invaso moralmente e militarmente dagli americani. Oppure gli incensi profusi qui e la nei confronti degli Usa e dei velati veleni nei confronti dei loro nemici. Ma pochi si accorgono di questi strappi nella tela: l’idea di fondo è quella di erodere in maniera morbida e attraente  le diverse culture e sistemi di rapporti sociali e personali, per imporne una soltanto: il globalismo rilascia passaporti per ogni tipo di colore e di identità, ma di certo non possiede quello per la diversità culturale reale e non folcloristica, che sarebbe un controsenso. Il diverso è tale solo se non è davvero. Esiste solo una visione del mondo ed è quella del neoliberismo: ma evitando di proporre questa antropologia da una sola fonte produttiva, si fa in modo che il virus venga coltivato anche in altre provette, evitando sia la noia dell’uguale che la sensazione impositiva  e rendendo tutti finti protagonisti. La cosa notevole è che i produttori stessi, portatori di diverse patologie dal suprematismo capitalistico all’eccezionalismo americano, non sono del tutto consapevoli della malattia, si ritengono portatori sani.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: