Annunci

Twitter il censore

LO-Sent-Is This Tomorrow_thumb[1]Di una cosa dobbiamo prendere atto senza equivoci o tentennamenti: la realtà neo liberista è ormai così sideralmente lontana dall’ auto narrazione affidata ai media e alla loro persuasione, che la censura e la repressione delle tesi non ufficiali divengono una necessità per tutti i regimi a vocazione elitaria ancorché definiti democratici. Un censura e una repressione che ovviamente si dirigono verso gli unici spazi comunicativi ancora non totalmente conquistati, quelli della rete. sebbene siano  ormai sulla buona strada per essere silenziati dal denaro e dal gigantismo delle major.

Ovviamente  il modo di agire nell’ambito di democrazie sia pure sempre più finte, è trasversale, si traveste in abiti civili e  si compone di campagne contro il cosiddetto complottismo, contro il sedicente e non ben definito odio, di leggi atte a intimorire i singoli o le piccole realtà informative con la scusa della difesa dell’onorabilità, della dignità, dell’oblio e via dicendo. Ma tutto questo non è molto efficace quando le fonti di informazioni, come la russa RT,  sono ampiamente diffuse, non facilmente raggiungibili dai rigori della legge o dai sotterfugi dei servizi e causano non pochi guasti alla narrazione imperiale. Così abbiamo sentito levarsi a Bruxelles le voci della peggiore Europa decise a progettare autarchie comunicative, esclusioni dei media russi e adesso persino Twitter  che ogni giorno fa correre miliardi di stratosferiche cazzate ha annunciato di non voler più prendere inserzioni a pagamento dalle testate del gruppo Rt per, udite udite, “proteggere l’integrità dell’esperienza degli utenti”. Va bene essere un po’ ottusi, ( e vi garantisco per esperienza personale che è difficile trovare di peggio di questi autistici dell’informatica) ma dire papale papale che si vogliono proteggere i sudditi da voci dissonanti rispetto a quelle dell’impero Usa e dei suoi vassalli è davvero un po’ troppo. Da quando twitter è divenuto il garante della verità pubblica?

O forse lo è diventato il congresso Usa che non accetta più gli accrediti dei giornalisti di Sputnik (la testata più nota del gruppo RT) come se non fossero giornalisti, ma rappresentanti di un governo estero ( e qui si nasconde oltretutto una grande coda di paglia), lo è forse  Macron che ha fatto subito dopo la stessa cosa, da attento homme à tout faire dell’universo bancario e finanziario? No di certo, ma questo atteggiamento inqualificabile è coperto dalla solita balla, alla quale non crede più nessuno, secondo cui  RT “ha contribuito a influenzare la campagna elettorale come piattaforma per i messaggi del Cremlino al pubblico russo e internazionale” . Ed è proprio qui che cascano gli asini, proprio su questa ambigua pezza a colore messa sulla voglia di censura. Che altro scopo avrebbe l’informazione e la sua varietò se non quella di influenzare? Proprio per questo la libertà di espressione ha un senso. Ma con tutta evidenza non è l’idea di informazione che hanno i regimi neoliberisti che ormai temono l’indecoroso spiaggiamento di miti, narrazioni, pompose banalità, bugie, antropologie narcisistiche da export di fronte alla dura realtà concreta.

Ormai il mondo cosiddetto libero vive di questo e sa bene di essere impotente senza la proiezione dei suoi cartoni animati. Lo dimostra molto bene l’Ocse a cui è andato benissimo che gli Usa considerassero agenti stranieri i giornalisti dei media russi, ma adesso che Mosca ha replicato con la medesima misura, corre ai ripari dicendo che non si dovrebbe fare così, che è una pratica pericolosa: ci ha messo due mesi per fare questa pensata così straordinariamente acuta. Ma era necessario far balenare la possibilità di fare un passo indietro per il timore che questa oscena pratica, sguaiatamente inaugurata dagli Usa, si diffonda, specie in quelle aree dove la pressione comunicativa è vitale per gli interessi dell’impero: cosa ne sarebbe dell’occidente senza poter liberamente propalare le sue leggende dichiarate verità assolute, senza poter picchiare duro con le quelle strategie informative che vediamo dispiegarsi in Siria, in Medio Oriente, in Venezuela, nel Golfo Persico e nel Mar Giallo oltre che ovviamente nelle colonie acquisite e al proprio interno? In ogni caso è del tutto evidente che in pochi anni la famosa libertà di espressione finirà definitivamente al macero, assieme al welfare, ai diritti del lavoro, alla rappresentanza. E magari la colpa sarà attribuita a Putin.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Twitter il censore

  • diderot39

    Mi scuso, il video con Sarkozi e Spectre e’ il seguente

    Mi piace

  • diderot39

    Non solo Twitter, ma anche youtube ormai censura all’ingrosso videos non confacenti al messaggio neo-liberista, e al programma Coudeneuve-Kalergi per la forzata mescolatura razziale, con minaccia di rappresaglie a chi rifiuta la forzatura.
    In Inghilterra, la scorsa settimana youtube ha censurato il seguente video (vedi link al fondo), trasbordato sull’ancora poco nota rete video alternativa “minds,” perchè lo si possa vedere.
    Il produttore del video ha messo in evidenza il contenuto di tutti i grandi messaggi pubblicitari di Natale in Inghilterra.
    Per i grandi magazzini inglesi, la pubblicità di Natale, e’ una specie di cerimonia pseudo-religiosa, che viene annunciata con pompa e fanfara … la pubblicità della prossima pubblicità, quasi fosse un rito sacro…
    Ebbene, come da video, tutte le ‘sacre’ pubblicità dei grandi magazzini, quest’anno, esibiscono coppie miste con uomo negro e donna bianca, con l’aggiunta di coppia omosessuale con bambino adottato.
    Piu’ una storia Cenerentolesca, con ragazza bianca che si innamora a prima vista di negro (leggi principe azzurro), perde la scarpa in treno e lui ritrova la scarpa e la donna, con tutta l’Inghilterra che si commuove all’episodio.
    L’unica famiglia bianca è rappresentata come formata da stupidi e idioti, dove la moglie non sa nemmeno che per mettere il tacchino in forno bisogna rimuovere uno dei piani metallici ivi contenuti.
    Evitato naturalmente ogni accenno al fatto che Natale, dopo tutto, e’ una tradizione religiosa cristiana.
    Del resto, negli US of A, dal 1989 è illegale esibire in luoghi pubblici scene cristiane natalizie – leggi Presepio. Mentre di fronte alla Casa Bianca viene eretto un enorme candelabro giudaico, la Menorah – simbolo che celebra la Hanukkah, massacro effettuato da giudei maccabei su altri giudei che avevano fraternizzato e si erano assimilati ai greci, tradendo la fedeltà assoluta alla razza, rimasta oggi tale e quale.
    E migliaia di altri simili candelabri vengono innalzati in tutti i luoghi pubblici del paese dalle migliaia di organizzazioni giudaiche associate alla difesa della razza.
    Sono pessimista, ma non so quanto ci voglia ancora perchè la gente si accorga di cosa sta succedendo.
    Il video di cui sopra, esplicativo delle pubblicità, e’ in inglese ma le immagini sono autentiche. L’altro breve video si spiega da solo.
    Video sulle pubblicita’ di Natale. https://www.minds.com/MarkCollett?ref=signup-modal&ts=1510971835965
    Breve video di Sarkosi che minaccia oscuramente chi rifiuta di miscelarsi con negri e islamici. Cui segue dichiarazione di papessa sionista, annunciante che saranno i giudei a guidare la (forzata) miscelatura razziale (dei goym).
    A leggere sta roba sembra incredibile, ma il video e’ autentico e la papessa verificabile.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: