Archivi tag: Zingaretti

Vacciniamoci contro i cretini

unnamedSe c’è un campo di indagine seria e onesta che sta emergendo dalla finta pandemia è proprio ciò che è successo in Italia con un abnorme numero di morti in alcune aree lombarde: ovvero il possibile legame tra vaccinazione antinfluenzale o contro la  meningite e una particolare debolezza nei confronti del coronavirus e/o di molti altri altri ceppi virali. La correlazione è così forte che persino il vaccinista capo, ossia Anthony Fauci nella recente audizione al senato Usa, non ha potuto evitare di dire  che ci sono consistenti sospetti in questo senso. Ciononostante la gloriosa repubblica degli affari sommersi non solo si è mossa per imporre regole ridicole atte a smerciare le mascherine sulle quali hanno investito fratelli, cognati, amici dell’onorevole società politicante , ma sta radunando le sue teste di legno per imporre la vaccinazione antinfluenzale obbligatoria. Ad anticipare tutti è stato il povero Zingaretti che basta guardarlo per capire dove sta sul piano cartesiano di Cipolla, ossia nel meno meno dei cretini pericolosi, ma adesso il milieu politico per farci vaccinare tutti ha ingaggiato un personaggio di autorità assoluta quanto a sapere e sagacia, ossia quella signora Gelmini che credeva ci fosse un tunnel tra il Cern di Ginevra e il laboratorio del Gran Sasso dove correvano affannati i neutrini.

C’è da essere rassicurati ad avere menti così affilate che badano alla nostra salute e soprattutto agli affari e alle tangenti che vengono da un settore sanitario letteralmente divorato dagli squali. Ma la Gelmini e i suoi compari di Forza Italia nella loro infinita saggezza evitano di prendere una posizione e fanno un discorso laterale per bypassare qualunque obiezione e interrogativo: il vaccino antinfluenzale non è necessario perché eserciti una qualche protezione ( che in effetti è scandalosamente scarsa, intorno si è no al 10 per cento nelle persone anziane)  , ma “renderebbe più agevole la certezza della diagnosi in relazione al Covid-19 e darebbe sollievo alle nostre strutture sanitarie”. Toc toc (dio come rimbomba), ma l’avete capito o no che le strutture sanitarie sono andate in tilt per l’errore di diagnosi che ha scambiato per polmoniti interstiziali le micro embolie  e che una volta chiarite le cose, peraltro rese difficili dal divieto governativo di autopsia, non esiste più alcun problema e  ora gli ospedali sono vuoti? Questo senza accennare al fatto che è stata proprio la pessima gestione della crisi  avuta dalla crisi ha provocato i veri morti da Covid. Bè certo chiedere a queste persone di capire qualcosa è davvero un affronto alla natura, ma va notato che semmai, dopo aver fumato dieci pipe di oppio, si possa dare un qualche credito a queste parole il tutto appare davvero paradossale: si obbligano i cittadini a  mettere a rischio la propria salute per aiutare il sistema sanitario. Cioè siamo nel mondo alla rovescia.

Che poi il coronavirus possa tornare il prossimo autunno è una pura illazione sospesa tra l’operazione politica e gli allarmi di virologi che non ne hanno azzeccata una, semplicemente perché hanno fatto previsioni senza alcuna conoscenza certa e si sono buttati a fare gli sciamani a pagamento. Ma evidentemente sui vaccini antinfluenzali c’è una rete di raccolta soldi che potrebbe venire meno in seguito ai dubbi suscitati dall’epidemia e quindi si mettono le mani avanti, tanto più che un vaccino per il coronavirus non sarà possibile prepararlo visto che varia rapidamente per adattarsi agli ospiti umani ed è possibile anzi probabile che finisca per abbassare e di molto il carattere patogeno. Diciamo però che tutta questa è robetta, affarucci sporchi e briciole di un banchetto di potere sui quali accorrono i pesci piccoli, ancorché repellenti nel tradire qualsiasi barlume di etica e di dignità: la vera posta di tutto questo è la capacità di controllo sociale che le elite hanno ottenuto grazie al virus. Prima hanno ridotto l’uomo e i suoi valori ad una dimensione puramente biotica nella quale il piacere atavico della merce diventa l’unica cosa che conta davvero, poi hanno minacciato tale dimensione con i trionfi della morte planetaria. Non c’era bisogno di inventarsi nulla, solo mostrare ciò che normalmente accade e che viene messo sotto il tappeto.


L’uomo mascherato

bCT926JQ_400x400Mi rendo conto che cercare di capire qualcosa in questo gran baccano di morte artefatta,  introdurre qualunque elemento di razionalità sia di per sé una sfida all’autorità e dunque degno di censura, perché anche un solo granello di lucidità potrebbe precipitare allo stato solido una soluzione sovrassatura di confusione e retorica: dopotutto c’è anche caso di accorgersi che il Covid più che un virus, peraltro non più preoccupante di quello della suina di una decina di anni fa,  è un’ occasione per spezzare definitivamente ciò che rimane di conquiste  e speranze sociali,  di portare il discorso sui meri ” diritti creaturali” del vivente  che furono all’inizio degli anni ’80 l’arma con la quale si portò al patibolo il pensiero del conflitto storico e sociale, lasciando come residuo quello debole, troppo debole in effetti contro il capitale. Ma per carità non voglio inerpicarmi su un terreno filosofico e torniamo al sodo, ovvero al racconto dell’epidemia che oggi alla reclusione forzata, inutile a salvare vite, ma solo a nascondere il vero stato della sanità – in Lombardia però ne abbiamo avuto qualche esempio –  ma anche destinata ad endemizzare il Covid, nuovo strumento di governo e di paura. Da qualche giorno viviamo la saga della mascherina che molti governatori vorrebbero rendere obbligatoria  benché essa sia sconsigliata dall’Oms, dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo della malattie e persino dal Ministro della salute, perché non solo non ferma il virus, ma dà un falso senso di sicurezza, può anzi aumentare il rischio di contagio con la sua manipolazione e infine costituisce possibile causa di assembramenti per procurarsele a prezzi da mercato nero, peraltro  non sono più sopportabili da una popolazione lasciata senza aiuti e senza lavoro. Quest’ultima cosa la dico per chi ancora non abbia capito la presa in giro di Conte.

L’unico caso in cui il suo uso è ufficialmente consigliato è quello in cui si si abbia la certezza di essere portatori del Covid 19, eventualità quasi metafisica perché i tamponi vengono fatti con il contagocce in maniera rapsodica come si sarebbe detto una volta,  sono inaffidabili potendo rilevare sequenze di rna virale appartenente ad altri coronavirus o addirittura ad altre famiglie di virus a Rna, perché manca il personale e i mezzi per analisi corrette a tappeto e non esiste nemmeno la volontà di procedere in questo senso perché si potrebbe scoprire che il virus è molto diffuso, facendo crollare la letalità che gli viene artatamente attribuita (ma già così piuttosto bassa). E se la gente dovesse perdere la paura addio nuovo ordine mondiale e addio agli affari ultra miliardari per il vaccino di incertissima utilità che Bill Gates si appresta a produrre dopo aver opportunamente annunciato cinque anni fa la pandemia da coronavirus. Trovando anche degli imitatori come il povero Zingaretti, non proprio un fulmine di guerra, che ha appena comprato 2,5 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale che non c’entra una minchia con il coronavirus e che anzi potrebbe essere sospettato di avere effetti negativi in caso di Covid. Spero almeno ci siano stati buoni affari.

Però la ragione per imporre le mascherine, al di là degli affarucci sottobanco dei governatori esiste eccome: la gente sta a casa, vede la televisione e i suoi epicedi funerari ma fra le sue conoscenze gli ammalati di coronavirus non ci sono e men che meno i morti  a parte le zone dove proprio gli ospedali hanno diffuso l’infezione ai ricoverati più gravi, insomma potrebbe cominciare a coltivare un senso di irrealtà e allora occorre un simbolo, un marchio che ribadisca la condizione in cui siamo, che fughi con la sola forza della sua presenza ogni possibile dubbio e fomenti ancora di più la paura. Com’è noto l’uso generalizzato della mascherina nacque nel 1919 in Giappone all’epoca della vera epidemia di influenza spagnola: allora dei virus si sapeva poco, anzi la distinzione con i batteri si limitava al fatto che erano di gran lunga più piccoli e peraltro la loro scoperta era stata fatta non sugli animali, ma sulle piante con il mosaico del tabacco che attaccava le foglie di questa pianta causando perdite economiche grandissime tra i grandi proprietari delle piantagioni. Ovvio che precauzioni utili contro batteri servissero a ben poco contro i virus,  ma diversamente da quanto accade in occidente esse non sono mai state percepite come un segnale di protezione individuale contro gli altri, una specie di  homo hominis virus, ma come  segno di coesione comunitaria. E perciò furono e sono tutt’ora simbolicamente molto usate in Asia come segnale di appartenenza, anche se non servono.

Del resto ormai in Italia politici e amministratori si trovano di fronte a una sorta di spirale, quanto più le misure prese sono state esagerate, inutili se non controproducenti e letali per l’economia tanto più non possono essere sconfessate e anzi debbono essere ribadite con un’escalation di cui la mascherina obbligatoria è l’ultima trovata. Esattamente come la quasi ovvia entrata in letargo del virus, man mano che avanza la bella stagione, la nebbia con le polveri fini in sospensione diminuiscono e le difese immunitarie anche delle persone con gravi patologie si rinforza, verrà senz’altro spacciata come una evidenza della bontà della strada scelta. Anche se il fatto che si voglia cancellare la scuola anche per l’anno prossimo rivela che i provvedimenti draconiani e il panico sono servite a mantenere il circolo il virus che peraltro è così debole da colpire solo in tarda età e/o seriamente malate, richiedendo perciò più attenzione sanitaria alle fasce a rischio e non segregazioni. In compenso potremo celebrare la scomparsa di qualsiasi altra patologia: i tumori, gli infarti, gli ictus e insomma tutto ciò di cui solitamente si muore non esistono più. Ma verrà il momento in cui molti dovranno togliersi la mascherina.


Finché la Barca va

medusabozzettoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ma ve li ricordate i giorni non  lontani,  quando venivano pudicamente definite “impopolari” quella misure di obbligatoria austerità ad alto contenuto educativo e pedagogico che dovevano riportare sulla retta via della severità la marmaglia che aveva voluto e avuto immeritatamente troppo.

Già allora altro non erano che intimidazioni e punizioni rivolte contro il popolo, solo che adesso  che  il rigore ha preso la forma di onorevoli compromessi, accettati da tutti di buon grado come atti di incrollabile fede cieca nell’Europa, si sono arricchiti di una loro nobiltà  dovendo contrastare sovranismo e populismo, il primo anche nella qualità di riluttanza a dare in cessione poteri e competenze dello Stato, il secondo che si manifesterebbe con riottosi malumori nei confronti  di un ceto dirigente che ha disatteso le aspettative di benessere a lungo promesse.

Si muove così la destra, quella davvero interessata a stabilire l’eclissi della sinistra, a dimostrare che la lotta di classe è finita per lasciare il posto a contenziosi tra organizzazioni e “aziende”, tra differenti comportamenti, inclinazioni, modi della comunicazione, gusti, compresi quelli musicali. E che si afferma interpretando le convinzioni e le aspettative di chi vive e ancora sopravvive ai piani alti ma anche di chi ha perso beni e risorse, ma di persuade di goderne ancora perché resta beneficiario dello stile di vita e dell’ordine sociale liberale e liberista, si riconosce nella narrazione progressista perché è fautrice della libertà, purché sia quella formale e personale, ha davanti un piatto semivuoto ma si appaga delle spezie del riconoscimento e dell’ammissione delle “diversità”, ha rinunciato alle pretese di uguaglianza per accontentarsi dell’emancipazione e del confronto con chi sta peggio, subito declassato a ignorante, inadeguato e immeritevole.

Adesso ha anche la sua base, osannata dalla stampa e vezzeggiata dai rappresentati di vari potentati che seguono con occhi incantati e luccicanti di fervida indulgenza le gesta dei loro delfini, e che non occorre sia elettorale tanto finisce per accodarsi alle file dei votanti per il male minore, dimenticando che si tratta comunque di un male, soprattutto adesso che l’urna appartiene alla liturgia delle ceneri democratiche, nella prospettiva che vengano selezionati e circoscritti i target degli aventi diritto secondo criteri relativi all’istruzione, all’età, al censo, alla localizzazione geografica e magari al colore degli occhi e della carnagione.

E ha i suoi maître à penser, stilnovisti contro beceri, educati contro bifolchi, incliti contro incolti, osservatori entusiasti di tutto quello che si muove sotto le fronde della quercia dell’ecologia del politicamente corretto,  forti della coscienza di essere moralmente superiori, aperti al nuovo e all’altro, lungimiranti, cosmopoliti, e quindi critici malevoli – ma è giusto così e non si potrebbe fare altrimenti – di quella plebaglia indistinta che si agita tra i fori cadenti – che non ci sono più fucine stridenti e i solchi si bagnano soprattutto del sudore di immigrati e precari senza diritto di parola . che rimprovera loro la pretesa di innocenza a fronte della indifferenza sussiegosa mostrata davanti alla cancellazione dal lavoro dei suoi valori e dei suoi diritti,  al sacco del territorio, al degrado della sanità, all’oltraggio perpetrato nei confronti dell’istruzione pubblica, alla svendita del patrimonio pubblico e dell’industria nazione, al dirottamento degli investimenti dalla manutenzione dei beni comuni, dall’impegno sulla ricerca e la formazione, verso il salvataggio di banche criminali e la corsa agli armamenti.

Ieri mi sono imbattuta in due di loro, ambedue figli celebrati di autorevoli padri. Uno è quel Fabrizio Barca, noto per la sua ossessione per il Progresso tanto da volere che tutto diventasse smart, la Costituzione, il Parlamento, le città, i siti archeologici a cominciare da Pompei dove la luce modernità avrebbe potuto illuminare il degrado e l’abbandono, come d’altra parte si vorrebbe fare in ogni angolo del nostro sventurato Paese, e pure i partiti, tanto che gli si deve una visita pastorale e ossianica nei luoghi della memoria del Pd, circoli e sezioni, per stabilirne la fine ingloriosa e mettere mano a altro movimento, un Forum Disuguaglianze e Diversità,  per strutturarsi sui territori e “costruire ponti tra culture differenti che si ritrovano nell’articolo 3 della Costituzione”  e combinando “le conoscenze dei mondi della ricerca e della cittadinanza attiva”, proprio come un Calenda qualsiasi,  cui i cassamortari dell’impresa di Zingaretti guardano con  invidia.

Dalle pagine di Micromega intervistato da Russo Spena che si arrabatta come può per dimostrare la sua esistenza in vita, ci ammonisce: basta con la sinistra moderata,  serve radicalità per battere Salvini. Come dire che per battere la destra cattiva serve quella buona, quella che per radice grammaticale evoca la Bonino e il suo proselitismo europeista, perché serve pensare a aggiustamenti e accorgimenti per modernizzare, aggiornare e dare appeal all’indiscusso e imprescindibile sistema capitalistico dettando quelle “mission di indirizzo del quale ha bisogno”,  imponendo una cultura che veda “la giustizia ambientale e sociale come i veicoli dello sviluppo”, dettano regole “per le imprese migliori, innovative, che non pagano salari di fame, che non scaricano sul lavoro la volatilità del mercato” rispondendo alle “sfide della gig economy, del precariato diffuso, dell’uso dell’intelligenza artificiale“. Per riassumere, la proposta è quella solita, lo dice il cognome stesso, visto che si starebbe tutti “sulla stessa barca”, tant’è scegliere il “compromesso di classe”, convertire il conflitto in cooperazione, ammansire l’avidità e la ferocia neoliberista con la poetica dello Stato padre e – quando ci vuole – padrone.

L’altro, anche lui intervistato dall’inossidabile Luca Telese in forma di  agile volumetto sul Turbopopulismo in aperta concorrenza con gli slogan di Bauman, è Marco Revelli che  ci somministra edificanti memoriette degli anni giovanili dalle quali apprendiamo che il popolo lui lo ha conosciuto da fanciullo e poi ha imparato via via a diagnosticarne le virtù trasformatesi, lascia intendere, in vizi, dalla ribellione dei soldati mandati al macello, dalla partecipazione alla Resistenza, dalla volontà di riscatto e affermazione sociale del dopoguerra alle esuberanze dei residenti di quelle geografie leghiste che con meticolosità  da anatomopatologo analizza nelle sue mappe sociologiche.

A tutti e due proprio non va giù che il popolo ingrato e incollerito non li stia a sentire, non li veda e non li segua in veste di avanguardia illuminata preferendo qualche arruffapopolo da strapazzo, che stia come una torma di barbato o peggio come un branco di cani arrabbiati a minacciare le loro redazioni, i loro studi in selettive facoltà universitarie, i loro think tank e i loro laboratori, mal difesi dalle trincee del bon ton, dai reticolati dell’educazione e dell’acculturazione, dai cancelli della ragionevolezza borghese, quelli dietro ai quali si trincera una classe che non si arrende a essere stata impoverita, bistrattata e che vuole ne sia riconosciuta la sua appartenenza grazie a una pretesa superiorità rispetto a gentaglia incivile e marginale, risentita, diffidente, odiatrice, violenta e rancorosa, in una parola populista. Gentaglia che vive nelle periferie materiali e morali senza nemmeno le cifre ribelliste dei primi gilet gialli, degradati anche quelli a qualunquisti sovversivi, a tourbillon antisistema, quelli che, a pagina 63 del pamphlet a quattro mani, il Revelli definisce i “margini che si sollevano” sfrontatamente, per lo spirito di vendetta  dei dimenticati e dei numeri secondi.

Come nei luna park, ci invitano a mirare sulle sagome di Salvini, di Trump, dei gran maleducati e gran cialtroni ai quali spareremmo volentieri tutti, ma è meglio stare attenti perché dietro ci siamo già noi, i Tartari.

 

 


Anima…li

images Anna Lombroso per il Simplicissimus

Marco Revelli qualche giorno fa sulla destra e il governo: “..credo che Zingaretti abbia ragione” dice, ” si ha di fronte una destra orribile, quella che abbiamo visto a Piazza San Giovanni, che grida viva gli italiani quando si tratta di andare contro i migranti e viva gli indiani quando sono pieni di soldi. Questa destra fa impressione nei suoi comportamenti e nei cattivi sentimenti che diffonde nel Paese. Il governo dovrebbe essere consapevole di questo e concentrarsi a fare poche e giuste cose: una buona manovra economica, una buona legge elettorale proporzionale, un clima civile nel Paese… “.

E ancora Ezio Mauro e Stefano Folli, giustamente citati da Travaglio,   intitolano i loro editoriali  “L’agonia di un’alleanza senz’anima” e “Un governo senza più anima”, intendendo forse che quello di prima ce l’aveva, ancorché nera, e dunque che alla componente superstite va attribuita ogni responsabilità.

Non so bene a quando far risalire la svolta manichea impressa al pensiero comune: da una parte i buoni e dall’altra i cattivi, da una parte la biologia individuale del bestione e dei suoi pari, dall’altra una cerchia sociale ragionante, matura e civile, da una parte i razzisti ignoranti e rancorosi, dall’altra gli accoglienti, generosi e compresi delle loro responsabilità personali e collettive.

E poco importa che andando a guardar bene sarebbe più opportuno dividerli tra buonisti, in azione anche a Capalbio, nei palazzi municipali dei sindaci Pd intenzionati a realizzare al meglio gli imperativi di tutela del decoro e dell’ordine pubblico, di contrasto all’immigrazione clandestina importatrice di attitudini malavitose e delle deplorevoli abitudini di barboni e straccioni, e cattivisti che fanno lo stesso, ma più coerentemente con una rivendicazione ideologica, emettendo grugniti e suoni inarticolati da gran maleducati quali sono.

I secondi, secondo la nuova tendenza che guarda a una declinazione culturalista del dualismo cartesiano, rappresenterebbero nella nostra identità nazionale  la parte più istintiva, meno razionalmente consapevole, più immediata, meno riflessiva, più animalesca, asociale e quindi anche distruttiva. E  i primi invece la parte più nobile, meno animalesca, meno bassa, legata alla razionalità autoconsapevole e alla civiltà, dalla quale solo può nascere una socialità ottimale, cooperativa, matura, quella di Zingaretti, secondo Revelli? di Renzi? della Boldrini, di Calenda, di Draghi, della Fornero, della Boschi, di Franceschini, di Landini, eccetera eccetera?

Ormai anche nel rispetto delle leggi si deve osservare obbligatoriamente il dualismo tra buoni e cattivi, più che tra trasgressione e rispetto delle regole.

Perciò i buoni sono naturalmente e doverosamente utili, sanno quanto sia necessario piegarsi alla ragionevolezza e al compromesso in modo che la legalità possa essere sopportata senza comportare troppi rischi e  danni, concedendo, tanto per fare un esempio concreto, immunità e impunità ai padroni in modo che la manina della Provvidenza secondo Adam Smith sparga anche sui tarantini un po’ di polverina d’oro di benessere, dando sostegno a imprese belliche e avventure coloniali suscettibili di recare civiltà a prezzo di vite che nel mercato globale valgono poco o niente.

Mentre i cattivi fanno lo stesso ma cantano spudoratamente Faccetta Nera e la stuprano nemmeno fossero dei Montanelli qualsiasi,  collocano nel loro pantheon attivisti neri e assassini cui i buoni elargiscono protezione e risorse, occupando una città con metodi mafiosi proprio come altrove, a Venezia per esempio, o in Val di Susa,  hanno fatto cerchie di imprenditori che agiscono nella legalità concessa loro da misure eccezionali, saccheggiando il territorio, corrompendo, speculando sul bene comune e svendendolo.

E infatti i buoni, che non hanno mai reclamato l’applicazione di misure e regole che ci sono, senza vergogna alcuna ne esigono di nuove, speciali e eccezionali, come i tribunali pensati per l’occasione incaricati di adottare come strumento “giudiziario” la censura più che la prevenzione, mai prevista peraltro visto che sono partecipi della fine dell’istruzione pubblica e delle garanzie che rappresentava, della manomissione della storia manipolata per dare fiato a quella pacificazione che per anni ha equiparato ragazzi di Salò  e partigiani, in modo appunto da farci intendere che saremmo tutti uguali e da assolvere da colpe e reati “politici” e non solo, banchieri criminali e pensionato che ruba due mele, con la differenza che i primi godono di un trattamento particolare, di leggi ad personam, bail in, parentele eccellenti, prescrizioni opportune, i secondi pesano di più nel piatto della bilancia e non godono delle stesse prerogative.

Eh sì, non c’è come l’eclissi dalla morale per far alzare la testa e la voce alla moralona, quella che assolve dalle colpe individuali e generali, e esonera dalle responsabilità chiamandosi fuori.  E che adesso si declina con l’accontentarsi: i buoni si appagano con imitazioni e approssimazioni, l’ecologia dei giardinieri che lasciano impuniti i padroni assassini e avvelenatori dell’Ilva, i trapanatori di montagne, i distributori automatici di cemento, persuadendoci che la salvezza risieda nel raccattare sacchetti di plastica in spiagge dove non possiamo andare per via di concessioni arbitrarie. O  del donnismo che si limita alla lotta al patriarcato, come se non fosse uno dei capisaldi dello sfruttamento capitalistico, e che si propone di promuovere il ricambio automatico di maschi prevaricatori con femmine  prevaricatrici, nella convinzione che i diritti primari siano ormai consolidati e che sia il momento di quelli aggiuntivi, come se davvero fosse così, come se esistesse una gerarchia e come se la lesione o la cancellazione di uno non comportasse una ferita insanabile a tutti gli altri.

E per non dire del pentolone dove si cucina a fuoco lento la battaglia contro l’antisemitismo, quello che viene propagandato e gonfiato come una bolla tossica purché non comprenda la paccottiglia islamofobica, anche quella antisemita, eccome, ma variamente tollerata, e meno che mai la leggenda degli ebrei che occupano i posti di comando grazie a banchieri strozzini che Rockfeller, Bce, Bank of China, J.P Morgan e HSBC Holdings plc gli “spicciano casa” muovendo tutte le leve di potere, accreditando l’ipotesi cretina che siano più capaci, quindo razza eletta,   proprio nello stesso filone narrativo dei Protocolli dei Savi di Sion. E alla quale diventa naturale rispondere con la coincidenza fatale tra ebrei della diaspora, quindi italiani, francesi, tedeschi, e governo, stato e popolo di Israele, che avrebbero, unici al mondo, la colpa di non aver appreso la lezione della storia.

Come se colonialismo, imperialismo, repressione e ferocia rappresentassero  fattori antropologici  distintivi di una razza:  “un gruppo d’individui di una specie contraddistinti da comuni caratteri esteriori ed ereditari: r. equine, bovine, canine; patate di r. olandese” secondo la Treccani, portatrice di istinti malvagi peculiari, che avrebbero la meglio su ragione e memoria trasformando il torto subito in diritto di infliggerlo. Fosse così, buoni e buonisti, non dovrebbero dimenticare  il passato  che ci riguarda da vicino, quello di milioni di emigranti sfruttati, costretti alla fuga in cerca di un po’ meno sfortuna di quella di essere nati in Friuli, in Basilicata,  in Calabria. E avrebbero dovuto dire no alla partecipazione a imprese belliche o coloniali che condannano altri sud all’esilio e che confermano la pena alla povertà  del nostro, dissanguato dalla pretesa di stare al tavolo dei grandi a tutti i costi per far più grande una minoranza, quella sì cattiva.

A forza di accontentarci delle briciole abbiamo rinunciato alle battaglie per il pane. E a poco a poco l’accidia e mediocrità come livelli desiderabili della sopravvivenza hanno fatto far pace al buono e al cattivo che c’è in tutti. E il cattivo, miseramente, vince.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: