Annunci

Archivi tag: Coresa del Sud

Kim e Tarzan

trump-kim-kJAI-U43420247933538o3G-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443Basta una giornata a zonzo per sentire cose che gli umani non possono nemmeno immaginare. E non si tratta della cintura di Orione, ma dell’incontro di Singapore fra Trump e il leader nordcoreano Kim. Le radio – un media che esploro solo raramente – in tutte le loro espressioni dai paludati notiziari e talk della  Rai, alle emittenti cosiddette più scaciate e libere da interferenze dell’intelligenza, hanno interpretato l’incontro fra i due capi di Stato come una vittoria di Trump che avrebbe posto le basi per la denuclearizzazione di Pyongyang la quale per definizione, per obbligo contrattuale è pericolosa  Evviva evviva il direttor. Ora se c’è una cosa è chiara come il sole è che il capo di quella che si ritene e forse è la più grande potenza militare del mondo e tra l’altro l’unica che abbia realmente utilizzato l’arma nucleare è andato a Singapore a trattare con il leader di una nazione, precedentemente minacciata di distruzione totale e genocidio.  E non a trattare, come si è continuato a dire tutto il giorno per poter giustificare il plauso, l’annullamento del programma atomico di Kim, ma la denuclearizzazione dell’ intera penisola coreana, ivi comprese le centinaia di testate Usa presenti sul territorio di Seoul

Difficile immaginare una sostanziale calata di braghe così evidente perché l’arma nucleare sviluppata dalla Corea del Nord, per quanto possa fare il solletico agli Usa, è una potenziale minaccia di distruzione certa per la colonia americana del Sud  e forse anche per alcune delle zone del Giappone, rimettendo cosi in gioco gli equilibri in essere fin dagli anni ’50 nel Nord pacifico. In mancanza di un minimo di razionalità e buona volontà da parte americana Seoul non potrebbe che cercare di fare da sola nella ricerca di un accordo con Kim mettendo le basio per una liberazione dalla soffocante tutela americana in un contesto nel quale, tra l’altro, la divisione non è mai stata pienamente accettata. Dunque Trump non può che fare buon viso a cattiva sorte e rimanere in prima fila come garante della Corea del Sud, ben sapendo tuttavia di  non potere togliere le proprie testate nucleari dal Paese pena un’oggettiva perdita di deterrenza nei confronti della Cina, ma anche una perdita di prestigio che certo l’apparato militar – industriale Usa tenterebbe in ogni modo di sabotare. Perciò adesso finge di trattare, magari pensando di preparare un attentato a Kim, cerca di mostrare la faccia migliore in vista delle elezioni di medio termine e sprigiona un improbabile ottimismo da tutti i pori, compresi quelli del tormentato scalpo. Ma in realtà il presidente americano si  trova in un cul de sac visto che non può dare attuazione concreta a un futuro accordo di denuclearizzazione della penisola: in poche parole ha in mano solo le chiavi di una guerra che sarebbe distruttiva per tutti, ma non ha quelle della pace, anche perché la pace non è mai stata un’opzione degli Usa, specie in questo settore del pianeta e implicherebbe un indebolimento della credibilità militare statunitense.

Infatti l’accordo sottoscritto  a Singapore non prevede alcun reale impegno, ma solo qualche petizione di principio da concretizzare faticosamente in futuri incontri tutti da organizzare: ma intanto Kim è riuscito a strappare il palcoscenico, a mostrarsi un leader molto diverso dalla macchietta che ne fa l’informazione occidentale, ad accreditare la Corea del Nord , considerata alla stregua di un cacca di Mosca, come un Paese con il quale anche la potentissima Casa Bianca deve fare i conti. In che senso tutto questo possa essere interpretato come una vittoria di Trump lo sa il cielo, anche se certo le posizioni pregiudiziali  non hanno bisogno di ragioni. In realtà abbiamo semplicemente assistito a un altro piccolo passo verso la frantumazione imperiale che ormai è nelle cose.

Annunci

La Corea di Trump e la nuova via della seta

La_Nuova_Via_della_Seta-_tra_politica_e_finanza_globaleSe non si fosse soffocati dall’indignazione, lo spettacolo dell’informazione occidentale occupata a pubblicare foto taroccate della presunta Auschwitz siriana o a farci meditare sul pericolo nucleare coreano, potrebbe divertire: impagabile assistere al dramma recitato da una compagnia di guitti, scritto da idioti, pagato dai grandi fratellini multinazionali. Minacce,  costruzione di pretesti, hitlerizzazione avanspettacolari non sono certo una novità, ma le ultime escalation del recitativo occidentale mostrano una natura diversa da quelle del passato: diventa sempre più evidente che le carte del giocatore principale non sono più così buone come al tempo in cui poteva fabbricarle in proprio e dunque si impone un continuo rialzo della posta, appena al di qua del limite della guerra, per impaurire gli avversari più grossi e indurli a passare la mano.

Tuttavia il bluff funziona principlamente con le opinioni pubbliche prese facilmente per il naso dai media che sono così poco interessati a fornire un quadro realistico della situazione che nemmeno la conoscono più, tanto basta recitare il solito rosario con effetti a volte comici, quando il solito Zucconi sulla solita Repubblica scrisse che Clinton aveva offerto riso in cambio della denuclearizzazione: proprio un peccato che la Corea del Nord produca molto più riso dell’Italia con meno della metà della popolazione.  Ma insomma veniamo alla questione: intanto la Corea del Nord non ha le capacità di colpire gli Usa con ordigni nucleari perché i suoi missili possono arrivare al massimo in Sud Corea e forse in qualche parte del Giappone, ma questo comunque già da anni: i test per migliorare le prestazioni dei vettori non cambiano per ora questa realtà che non giustifica affatto l’improvvisa fumata anti coreana. In seconda istanza le minacce americane sono facilmente decostruibili: anche il bombardamento e la distruzione delle basi nucleari nord coreane non basterebbe ad evitare una distruzione di Seoul e del Sud Corea, da parte di un esercito del nord armato fino ai denti in termini di mezzi e missili di teatro convenzionali: questo è talmente vero che il nuovo leader sud coreano, nel bel mezzo della crisi ha ventilato l’ipotesi di restituire agli Usa il sistema antimissilistico Thaad, allestito da meno di un anno. Un segnale, costruito su un pretesto formale, per far sapere a Washington che sta esagerando. Insomma è chiaro che una neutralizzazione della Nord Corea non può avvenire senza un grande dispiegamento terrestre, molto pericoloso non solo per la pace globale, ma anche per il prestigio degli Usa che già le hanno prese di santa ragione in quell’area.

Si dice che la pressione in realtà non è rivolta a Pyongyang ma a Pechino dove tuttavia la situazione è perfettamente conosciuta e dove le vere carte in mano a Trump e ai suoi diciamo così “consiglieri”sono ben conosciute: i richiami alla Corea del Nord sono il minimo sindacale per mantenere buoni rapporti con gli Usa, ma sapendo benissimo che si tratta di un gioco delle parti. Ciò che sta a cuore a Washington è creare un certo livello di tensione proprio nell’area che più di altre comincia a mostrare propensione per interscambi che fanno a meno del dollaro. A parte le relazioni con la Russia, la Cina è massicciamente presente in Asia centrale, dove letteralmente costuisce e gestisce le reti elettriche, sta costruendo una nuova via della seta dall’Asia meridionale al Pamir con giganteschi progetti di iinvestimenti in infrastrutture. Questo non significa soltanto un inevitabile aumento di influenza politica, ma prestiti, debiti, assetti economici necessariamente al di fuori del dollaro a cui naturalmente dovrebbero prima o poi adeguarsi le roccaforti Usa, Giappone e Sud Corea.

In poche parole una perdita di influenza americana  proprio a partire dalle ragioni strutturali di tale influenza, ossia il dollaro come moneta di scambio universale. Una vera bomba atomica diffusa. Allora si prendono le portaerei e le si mostrano come una bandiera, si minacia la nuora perché suocera intenda. Si, la Cina arriva col suo piano Marshall, porta tecnologia e sviluppo e una nuova geografia di legami, ma i marines sono sempre con i pantaloni al vento, quindi attenti a voi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: