Tredicesima addio

E’ successo in Grecia, poi in Portogallo, è appena successo in Spagna e non c’è dubbio che succederà in Italia. L’Europa ha di bello che è totalmente sfatta, ma prevedibile e tristemente tetragona nelle sue ricette: dovunque ha chiesto una diminuzione degli stipendi della pubblica amministrazione oltre che delle pensioni e dovunque sono state sacrificate le mensilità extra, il modo più semplice per tagliare i redditi con un colpo di machete. Ma anche il più ipocrita, perché,  in questo modo si può far sempre credere che si tratti di un provvedimento di emergenza, temporaneo e che un giorno ritorneranno in busta paga.   Ma non accadrà: quel reddito non sarà comunque più recuperato.

Anche in Italia ci si appresta a farlo visto che la situazione invece di migliorare peggiora di giorno in giorno. Certo il governo non lo annuncia ufficialmente, preferisce che dapprima la prospettiva si diffonda come voce, diventi parte del panorama dei timori e dei relativi sacrifici, che insomma ci si abitui in qualche modo a confrontarsi con questa prospettiva prima di annunciare l’inevitabile: la decurtazione o l’eliminazione della tredicesima. Non è un caso che le prime indiscrezioni siano venute oggi, di fronte al plateale fallimento delle manovre messe in atto in questi mesi. Stranamente a conferma della loro consistenza, escono fuori da una parte che non ci si aspetta, ovvero la Confesercenti: “Troppe voci, troppo insistenti, parlano in questi giorni di un’ipotesi allo studio per fare cassa: il congelamento delle tredicesime dei dipendenti pubblici e di buona parte dei pensionati”.

E’ ovvio che i commercianti siano allarmati: senza la mensilità aggiuntiva (composta comunque di un risparmio forzoso sulle altre 12, mica una regalia) mancherebbero all’appello 8 miliardi, come minimo, che tradizionalmente finiscono nel giro dei consumi. Ed è ancora più chiaro che siano sul chi vive i sindacati i quali si sono affrettati ad unirsi al carro delle preoccupazioni. Probabilmente si è preferito uscire allo scoperto prima che si siano prese delle decisioni definitive, per  cominciare a costituire un fronte di resistenza e magari far notare che l’operazione costituirebbe un nuovo colpo al Pil e a quella “economia reale” che tardivamente viene invocata. Anzi non è escluso che la strana voglia di elezioni anticipate che si affaccia adesso nel centro sinistra dopo otto mesi in cui solo parlare di urne era come macchiarsi di alto tradimento, non sia estranea al ribollire nella pentola del massacro di provvedimenti che vanno a colpire direttamente l’elettorato piddino e che è molto meglio tirare fuori dopo una tornata elettorale.

Di fatto finora non ci sono state risposte credibili all’allarme: il governo sostanzialmente tace, affidando un “lo apprendo adesso” a un personaggio inesistente come il terremotato Patroni Griffi e ancor peggio a una smentita da ufficio stampa con nessun ministro che voglia sputtanarsi. E anche questo è significativo. Del resto se l’anno scorso le tredicesime si sono salvate è stato dovuto forse al fatto che l’esecutivo tecnico si è insediato il 16 novembre, troppo tardi per fermare le tredicesime e troppo brutto come biglietto di presentazione. Ma l’indicazione era chiarissima nella celebre lettera della Bce giunta da Francoforte il 4 agosto e rimane di fatto vincolante:  “Inoltre, il Governo dovrebbe valutare una riduzione significativa dei costi del pubblico impiego, rafforzando le regole per il turnover e, se necessario, riducendo gli stipendi.”

Se qualcuno pensa che si tratti di parole a cui prestare una relativa attenzione, cui dare il significato di suggerimenti di massima, può tranquillamente leggere l’intera lettera (sono appena due paginette) per rendersi conto di come le “indicazioni” siano ordini, mandati poi in fotocopia a tutti gli altri piigs. Di fatto essi sono stati pedissequamente seguiti dal governo, persino nella scaletta temporale.  La missiva integrale è qui: Lettera Francoforte  e non lascia dubbi sul fatto che si stia concretamente pensando a un taglio netto delle retribuzioni. Del resto l’approvazione del fiscal compact avvenuta pochi giorni fa in Parlamento quasi in segreto e col silenzio complice dei media, ci obbliga a tali esborsi annuali  per la restituzione del debito da rendere una misura di questo tipo più che probabile, anzi quasi inevitabile a meno di un aumento dell’Iva di più di due punti.

Il testo della famosa missiva la potete leggere adesso o magari rimandare la lettura al periodo natalizio, quando almeno alle fatiche dello shopping si potrà sostituire qualche più istruttiva attività.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

10 responses to “Tredicesima addio

  • Claudio's

    Cosa aspettiamo ad insorgere contro questo stato ladrocorrotto, che sta uccidendo la nostra Vita e la nostra Speranza?
    Basta parole!!!
    Ci vogliono solo i fatti!
    Fuori i parlamentari dalle stanze del potere!!!
    C.

    "Mi piace"

  • laurarocatello

    25 luglio 2012

    .
    TERRIBILE!!!!!!!!!!!!!!!!

    Lauretta

    "Mi piace"

  • lucab

    io penso che in Italia i dipendenti pubblici siano troppi (poi si puo’ discutere quali siano troppi e quali troppo pagati, vedi vari generali delle forze armate), tuttavia tagliare le tredicesime e’ il solito approccio italiano. Anziche’ essere chiari e licenziare dove serve, si tagliano gli stipendi di tutti. Cosi’ anche chi lavora, poi si sentira’ in diritto (giustamente!) di diventare fannullone.
    Ma dopotutto un posto sicuro e’ meglio di niente e questi sono voti

    "Mi piace"

  • cordialdo

    Il governo dei buffoni alleato e sostenuto da quello dei ladri di Stato e dagli approfittatori e speculatori privilegiati hanno come unico obiettivo quello di ridurre i lavoratori a reddito fisso ed i pensionati alla miseria. A loro non passa neanche di introdurre una patrimoniale sui grandi patrimoni e sulle rendite parassitarie.
    Ma chi aspetta questo disastrato popolo italiano a scendere in strada in modo rivoluzionario e riappropriarsi del proprio potere previsto dalla Costituzione attuale che l’attuale maggioranza vuole manomettere anche nella prima parte, quella dei diritti fondamentali???

    "Mi piace"

  • carlo di c

    ho pensato che la tredicesima sarebbe stata “congelata” (è un eufemismo) quando hanno comunicato che la terza rata dell’ IMU si sarebbe pagata a metà dicembre quindi prima di quando viene pagata la tredicesima…. nulla è fatto a caso.

    "Mi piace"

  • luke

    Voglio vedere fino a che punto questo popolo di vigliacchi è disposto a sopportare tutto ciò.

    "Mi piace"

  • annamaria

    se ciò si avvererà vorrà dire che noi non pagheremo IMU, canone rai, bollo auto, tasse universitarie, bollette varie ecc, ecc…

    "Mi piace"

  • cyranaforever

    tutti sembrano essersi dimenticati che per la maggioranza degli italiani la tredicesima serve a pagare la seconda rata dell’IMU: “consumi di fine anno addio”, la pietra tombale l’aveva già messa questa tassa modulata in modo così iniquo che più iniquo non si può nemmeno col candeggio. Il vero problema è: tagliando la tredicesima, come si riuscirà a pagare il saldo dell’IMU?

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: