Annunci

Archivi tag: ceto politico

Il Niger

alfano pinottiLa situazione di un’Italia in procinto di essere commissariata non appena passate le elezioni e la grande paura delle oligarchie talmente avide e rimbecillite da resuscitare persino Berlusconi, sono la densa fanghiglia lasciata dalle inondazioni neo liberiste, denunciano lo stato pietoso del Paese. Talmente pietoso che fa persino ridere. Oggi apprendiamo che il governo del Niger, al contrario di quanto dichiarato dal mirabile ministro degli Esteri, non sapeva nulla del contingente inviato sul suo territorio, ufficialmente per tentare di fermare i flussi migratori,  in realtà in appoggio alla Francia e al suo tentativo di tenersi ben stretta le aree uranifere del Paese oltre che – per l’ennesima volta – dare appoggio alle mire americane di fare del Niger una sorta di piattaforma per le proprie azioni in Africa.

Anzi il governo di Niamey non solo non ne sapeva nulla visto che Angelino Alfano, ministro per nostra disgrazia e vergogna, non ha detto nulla in merito o non è riuscito a spiegarsi, nella sua visita di due settimane fa in Niger per inaugurare l’ambasciata italiana nel Paese sahariano, ma si è detto contrario a questa iniziativa unilaterale. Così adesso ci troviamo impegnati in una missione sostanzialmente inutile, costosa e che potrebbe rivelarsi anche pericolosa, partendo con un gigantesco passo falso, visto che la presenza di truppe italiane mandate laggiù con il pretesto ufficiale di addestrare truppe e appoggiare il governo locale contro la guerriglia salafita (peraltro finanziata da Rhiad con la quale siamo pappa e ciccia tanto da rifornirla di armi da usare con gli yemeniti) non è la benvenuta: andiamo nel Sahara con un contigente armato in appoggio a un governo che ufficialmente non ci vuole, in mezzo a una popolazione che non ama di certo i francesi e le loro basi militari. E il cui scontento cresce di giorno in giorno visto che Parigi ha preteso dal Niger – per inciso uno dei Paesi più poveri del pianeta – il raddoppio delle spese militari per proteggere meglio i suoi giacimenti. O per meglio dire quelli dell’Areva, la multinazionale francese che opera nel settore nucleare e che ha già provocato delle devastazioni ambientali nel Paese africano, ma che gode di una forte lobby parlamentare all’Assemblea nazionale. Forse i 150 milioni di aiuti al Niger di cui ha blaterato il nostro governo sono di supporto esterno a queste scelleratezze di Parigi? O non sono invece, com’ è assai più probabile, la copertura umanitaria per spese militari che non si vogliono rivelare ai cittadini?

In ogni caso l’intreccio di motivi che ha portato al rafforzamento delle basi francesi e all’arrivo di dronisti americani, non ha per nulla nuociuto al terrorismo salafita che anzi si alimenta proprio di queste situazioni e della continua rapina di risorse da parte degli occidentali, deplorate persino dal governo in carica. Il Niger insomma è una delle tante zone nelle quali la lotta tra sfruttati e sfruttatori rischia di diventare endemica, così come la nostra presenza militare. Ora, lasciando parte ogni ingenua idea di giustizia che è del tutto fuori luogo nel mondo neo liberista, cercando di aggrapparci a un minimo di realismo quali interessi ci spingono a buttare soldi in Niger visto che già i francesi stanno sfruttando da anni il pretesto di fermare i trafficanti di esseri umani per rimpolpare  i loro contingenti senza alcun effetto visibile? Qual è la contropartita se non quella di un ceto politico che cerca di lucrare in qualche modo credibilità sul ruolo subalterno e servile a cui costringe il Paese, facendolo invece passare per protagonismo?

Forse non occorreva questo incredibile episodio per rivelare la natura cialtronesca del milieu politico che ci ritroviamo e che si presenta alle elezioni forte solo del più sfacciato clientelismo. Alfano avrebbe dovuto essere cacciato almeno una decina di volte dalla sua poltrona per manifesta inettitudine, ma questa volta ha superato davvero se stesso, riuscendo a creare un pasticcio dentro un pasticcio.

Annunci

Gratta gratta e vinci i corrotti

gratta-e-vinciCi vorrebbe davvero un cambiamento della Costituzione per mettere in chiaro che questa Repubblica è fondata sulla corruzione, altro che sul lavoro. Mentre gli italiani o almeno il 90 per cento di essi è costretto a stringere la cinghia per obbedire a demenziali diktat europei cui nessuno ha pensato di opporsi, mentre la razza padrona, i clan che si spartiscono il potere tra politica, economia e finanza raschiano il fondo del barile e pretendono ancora più precarietà, ancora meno scuola e sanità, ancora più tagli alle pensioni e ancora più tasse, ci si permette di buttare soldi dalla finestra. Una cosa è certa questa operazione di smaltimento di civiltà voluta, ordinata e imposta dai poteri neoliberisti non avviene gratuitamente: i gestori del disastro e della svendita pretendono la percentuale per continuare a sopravvivere.

Questo lo sappiamo dalle molte inchieste che esplodono un po’ dovunque come geyser anche se poi, tra ritardi voluti e leggi di cortesia per i ladri, risultano tutti riverginati, ma lo sappiamo anche dalle molte assurdità che vengono inferte a un Paese che ha accettato regole di bilancio e di spesa corrente che lo costringono a rinnegare giorno dopo giorno le conquiste del lavoro: si spendono e spandono miliardi per costruire nuove ferrovie  su tratte in cui i vecchi binari sono già oggi sottoutilizzati, addirittura accollandosi la maggior parte di spese rispetto a partner poco disponibili come è il caso della Francia e della Torino – Lione, si comprano i caccia più costosi e più mediocri della storia per motivi che ancora sfuggono a qualsiasi seria analisi, ci si affanna a dotarsi di blindati che costano il doppio dei più evoluti carri armati disponibili sul mercato, si continuano a spendere miliardi per opere che già si sono rivelate inefficaci, sbagliate progettualmente e inefficienti come il Mose di Venezia al solo scopo di perpetuare centri di potere e di cassa continua, per non parlare delle schifezze cui devono sottostare le manifestazioni come l’Expo. Ma se tutto questo costituisce un ritratto nero della Repubblica, ci sono fatti che sfidano qualsiasi ritegno e sono di fatto un autodafè tombale del ceto politico.

Proprio ieri si è saputo che il governo ha rinnovato a Lottomatica  – ovviamente senza nemmeno l’ombra di un’asta – la concessione del gratta e vinci per 9 anni in cambio di 800 milioni, la stessa cifra pagata per i nove anni precedenti che già di per sé è un’incongruenza visto che pur in una situazione di declino 12 punti di inflazione ci sono tutti. Ma la cosa supera ogni immaginazione pensando che la Sisal, di proprietà inglese, aveva proposto la stessa cifra più 50 milioni di anticipo, solo come base d’asta. E visto che i grattini sono considerati un grande affare, è matematicamente sicuro che un’asta avrebbe portato il prezzo molto più alto: l’Italia e il Paese al mondo con maggiore densità di gioco nelle lotterie istantanee e da sola assorbe  un quinto di tutti i gratta e vinci stampati sul pianeta. Purtroppo questi biglietti nemmeno siamo capaci di stamparceli da noi visto che essi sono prodotti in Florida e trasportati via nave a Livorno. Del resto a parte le percentuali dello Stato e dei tabaccai tutto se ne va in Usa, visto che la società di fatto opera sulla borsa di New York e ha la sede in Gran Bretagna: il nome Lottomatica ( che gestisce pure il lotto e le sue estensioni informatiche) è solo uno specchietto per le allodole o forse per mungere meglio i poveri italiani.

Ora dico va bene siete stati così scemi da non riuscire a conservare in Italia quei 90 miliardi l’anno che vengono buttati  facendosi coinvolgere in meccanismi psicologici ingannevoli studiati a tavolino per alleggerire le tasche dei cittadini (vedi nota), ma perché mai rinunciare a qualche  centinaio di milioni in più che di certo male non fanno? Visto che come assevera il Fatto, nessuno risponde a questa domanda e i respomsabili si fanno di burro, la soluzione è fin troppo ovvia: o coloro che hanno gestito la questione sono dei cretini assoluti o qualcuno ha unto le ruote con abbondante grasso da paradisi fiscali. Certo c’è anche una terza ipotesi, ovvero che i cretini siano anche corrotti, ma ormai non ci può stupire più di nulla.

Nota Potrebbe sembrare paradossale ma il successo del gratta e vinci è sostenuto non solo dall’immediatezza della scommessa, ma proprio dall’idea molto realistica che il gioco sia essenzialmente perdente. Così quando accade, circa in un quinto dei casi, che si vinca la stessa cifra pagata per il biglietto ci si convince di essere baciati dalla fortuna, che non è troppo difficile azeccare il grattino giusto e che in fondo il colpo grosso potrebbe essere dietro l’angolo. Ci si abbandona all’emotività e non si pensa al fatto che in realtà quella vincita alla pari è del tutto inesistente anche se statisticamente figura come tale, che è a costo zero per il banco e così si continua a grattare sempre di più,


Flusso ematico zero

de-girolamo-alfano-lorenzinSullo scippo dell’Ema Anna Lombroso ha  già scritto in questo blog suggerendo che proprio il marcio uscito fuori con l’Expò il cui nocchiero è oggi sindaco della città, è stato il contesto e il pretesto in cui è maturato lo sgambetto dell’Olanda, reso peraltro un gioco da ragazzi dall’inettitudine dei nostri negoziatori che rispondono ai nomi di Alfano, Lorenzin, Gozi, Maroni. Oddio non è che l’Agenzia europea del farmaco, nata con l’esplicita intenzione di rendere più facile la vita alle aziende farmaceutiche, sostituendo le varie agenzie nazionali e dunque la necessità di superare molti più test, si sarebbe trovata poi male in compagnia degli speculatori dell’Expò, vista anche la figuraccia fatta dall’Ema quando si è rifiutata di rivelare i dati sui farmaci antiobesità dichiarati validi, ma insomma l’argomento dell’improvvisazione e dei ritardi forse lucidamente voluti per favorire lavori in emergenza, il suo ruolo l’ha giocato.

Certo è strano che il vittimismo italiano si eserciti su questa vicenda, peraltro abbastanza marginale (l’Agenzia è solo un organismo burocratico, la ricerca si fa altrove in migliaia di laboratori e dunque le ipotesi della famigerata Bocconi che le canna tutte, riguardo a un ritorno di 1 miliardo e 700 milioni, sono quanto meno sconcertanti per la superficialità ancorchè proprio per questa loro natura riprese da tutti i fogli e fogliacci dello stivale) mentre sia praticamente passato sotto silenzio il trasferimento della Fiat ad Amsterdam che da ogni punto di vista è molto più importante e strategico: ma questo non è che l’effetto della perdita di prospettiva e di sensus sui di un Paese che strepita per uno scippo in tram e se resta zitto zitto quando gli svuotano il conto in banca.

Però non tutto il male viene per nuocere e da questa vicenda possiamo trarre due evidenti insegnamenti: il primo è che in Europa non contiamo più nulla, come del resto ci si può aspettare quando si dispone di un ceto politico servile e cialtronesco per dire il meno, disposto ad accettare e incassare qualsiasi cosa nella consapevolezza della propria nullità, dello stato in cui ha ridotto il Paese e anche del fatto che la sua legittimità proviene più da Bruxelles che dalle urne.  Il secondo è che l’Europa è un coacervo di interessi contrapposti dove vige la legge del più forte oltre che quella della monetina, dove governano camarille e accordi sottobanco, pasteggiano lobbisti e oligarchi, dove l’Unione è spesso solo un pretesto per far valere prospettive globaliste di caduta sociale. Perché non è esattamente vero che le tesi neo liberiste vedano gli stati come il fumo negli occhi: sono le comunità, le cittadinanze democratiche, i popoli, le nazioni  il loro vero nemico, ma la capacità di controllo e repressione sia all’interno che all’esterno esercitato dagli stati per sostenere lo status quo sono i benvenuti. Proprio pochi giorni fa discutevo sull’effetto paradosso che sta avendo l’egemonia culturale neo liberista che da una parte considera solo gli individui, quasi negando l’esistenza stessa della società e dall’altro sta mettendo in piedi meccanismi di sorveglianza e “padronanza” che la Stasi nemmeno poteva immaginare.

Comunque sia è difficile lamentarsi della difficoltà che incontriamo ad accreditarci come virtuosi dopo essere divenuti il Paese dei pasticci e felici fruitori di un ceto politico senza nessuna credibilità e indisponibile a battere i pugni o anche a far valere le potenzialità italiane, nemmeno quando esse sono evidenti come in questa vicenda dell’Ema: la nostra industria del farmaco è seconda solo a quello della Germania anche se le aziende e il loro contenuto di sapere sono quasi tutte finite in altre mani grazie ai buoni uffici del signor Berlusconi Silvio e dei suoi stallieri politici, dunque la collocazione della burocrazia europea del settore a Milano aveva un senso. Ma sapendo come vanno le cose da noi proprio questa logica ha finito per nuocere. Siamo davvero i punitori di noi stessi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: