Abbiamo brindato tutti al 2011. Ma credo più con scaramanzia che speranza. E già i primi giorni dell’anno confermano che la lunga agonia di Berlusconi rischia di lasciare il posto a un berlusconismo eterodiretto. spartito a metà fra le cricche e la finanza internazionale.

La vicenda Fiat ci dice che la maggiore industria nazionale sta per emigrare, non prima però di aver sparato a zero sui diritti dei lavoratori e di aver trasformato il proprio Paese di riferimento in una sorta di domestica delocalizzazione. La pressoché totale assenza del governo in una questione vitale come questa e le sconcertanti incertezze dell’opposizione ci fanno capire che la politica non ha la capacità, le idee e la determinazione per opporsi a processi che con tutta evidenza non sono più governati a Torino.

Le voci che danno un Tremonti in ascesa e possibile successore di Silvio con o senza le elezioni, ci riportano allo stesso scenario: il ministro dell’economia è al tempo stesso presidente dell’Aspen italiana, una sorta di loggia massonica dell’economia che dietro inoffensivi discorsi, è invece un tavolo internazionale dove i potenti parlano e prendono decisioni. Tanto per dare un quadro più intuitivo di Aspen, alcuni tra i soci italiani sono Enrico Letta, Mario Draghi, Giorgio Napolitano, Romano Prodi, Massimo D’Alema, Fedele Confalonieri, Lucia Annunziata, Paolo Mieli, Francesco Caltagirone, Cesare Geronzi, Franco Frattini, Gianfranco Fini, Gianni Letta, Luca di Montezemolo, Sergio Marchionne, Emma Marcegaglia, Tommaso Padoa Schioppa, Giuliano Amato, John Elkann, Lucio Stanca.* Insomma avete capito. Anche che se non sarà Tremonti, sarà qualcuno di molto vicino a lui nel tavola rotonda di Aspen.

E non sorprenderà a questo punto di sapere che membri dell’Aspen France siano anche Dominique  Strauss Kahn, direttore generale del famigerato Fondo monetario internazionale, oltre che protagonista nel tentativo di assassinio, per eccesso di moderazione, dei socialisti francesi e Jean Claude Trichet, presidente della Bce.

Intendiamoci non è che si tratti di una società segreta, occulta, dove si trama nell’ombra: è solo il tavolo di poteri forti e comunque il tavolo di molte decisioni. Che poi esso sia “decorato” con personaggi che non c’entrano nulla, che sono lì per bellezza, è solo uno dei tanti sistemi di mimetizzazione.

Ma con un Parlamento così debole, di nominati con aggiunta di innominabili, ciò che si delinea dopo Berlusconi è berlusconismo sotto tutela degli organi dell’ultraliberismo internazionale i quali hanno deciso che il Cavaliere con la sua senilità morbosa, è una mina vagante.

Dunque gli spazi di manovra per un cambiamento in senso riformista (non osiamo nemmeno pensare progressista) sono molto scarse senza un popolo dietro. Così che in Piazza SS Apostoli a Roma, dove ha sede Aspen, si fregano le mani per il ripensamento che il Pd ha avuto sulle primare perchè divenute troppo pericolose. Troppo popolo. Figuriamoci il resto.

Ah scordavo SS nel nome della piazza sta per santissimi.

*Soci sostenitori dell’ Aspen italiana:

ABB SpA
Accenture SpA
Acea SpA
Aeroporti di Roma SpA
Alcatel Italia SpA
Alitalia SpA
API SpA
Assicurazioni Generali SpA
AstraZeneca SpA
A.T. Kearney SpA
A.T.M. SpA
Atos Origin
Autostrade SpA
Banca Antonveneta
Banca di Roma
Banca Intesa SpA
Banca Nazionale del Lavoro SpA
BNP Paribas
Booz-Allen & Hamilton Inc.
BP Italia SpA
British American Tobacco
Cassa di Risparmio di Firenze
Celestica Italia
Cisco Systems Italy
Citigroup
Coeclerici SpA
Confcommercio
Confindustria
Cuneo e Associati Srl
Datalogic SpA
e.Biscom
Edison SpA
EDS Italia SpA
EMC Computer Systems Italia
ENEL SpA
ENI SpA
ERG SpA
Ernst & Young Financial Business Advisors SpA
Etnoteam SpA
FAID Federdistribuzione<BR< SpA
Farmindustria
Ferrero International
Ferrovie dello Stato SpA
Ferrovie Nord Milano SpA
FIAT SpA
Finarvedi SpA
Fincantieri SpA
Finmeccanica SpA
FIN.PART SpA
Fondazione Italiana Accenture
Fondazione Pfizer
Francesco Micheli Associati
Geox SpA
GlaxoSmithKline SpA
Gruppo BPU Banca
Gruppo Marcegaglia Srl
H3G SpA
IBM Italia SpA
Impregilo SpA
ING Direct Italy SpA
Italtel SpA
Kedrion SpA
KPMG Business Advisory Service SpA
Lexmark International srl
Lloyd Adriatico SpA
Lutech SpA
Manpower SpA
McDonalds Development Italy, Inc.
Mediaset SpA
Mediocredito Centrale
Meliorbanca SpA
Microsoft Italia
Morgan Stanley
Netsystem SpA
Nortel Networks SpA
Philip Morris Corporate Services Inc.
Pirelli SpA
Poste Italiane SpA
RAI
RAS SpA
RCS MediaGroup SpA
Rolls-Royce International Limited
San Paolo IMI SpA
Saras SpA – Raffinerie Sarde
SEA SpA
Siemens SpA
Siemens Informatica SpA
Sigma-Tau SpA
Società dell’Acqua Pia Antica Marcia pA
Sol SpA
Studio Legale Bonelli Erede Pappalardo
Sun Microsystems Italia
Sviluppo Italia SpA
T-Systems Italia SpA<
Techint SpA
Tecnimont SpA
Telecom Italia SpA
Todini Costruzioni Generali SpA
Vodafone Omnitel SpA
Zoppas Industries.