Archivi tag: etica senza spessore

Assange e la coscienza a basso costo

Seg-assange-arrestL’anno 2019 verrà ricordato negli annali come quello in cui accanto al marcio sistema neoliberista rappresentato dalla detenzione illegale di Julian Assange, si è tentato di mettere lo sporco sotto il tappeto servendosi di mitopoietiche costruite a tavolino, di gusci vuoti e di rappresentazioni distraenti tra le quali possiamo elencare Carola, Greta e le sardine, insomma il netflix obbligatorio del capitalismo di nuovo conio che crea le sue stesse finte opposizione.  Tra i tanti esempi che avrei potuto prendere e di cui il 2019 è stato particolarmente ricco ho scelto Assange perché qui ci si trova in maniera inconfutabile di fronte a una forma di censura totalitaria che rivela tutta la strumentalità e l’inconsistenza della libertà proclamata, che fa apparire una vergognosa ipocrisia la campagna sulle fake news proposta da chi le produce e al tempo stesso mette di fronte di fronte a una reazione tiepida, a un’atarassia politica di quella stessa parte che poi insegue come gli ignavi danteschi ogni inconsistente banderuola.

Si potrebbe anzi costruire una storia psicologica di questa inerzia politica e morale che prende gran parte dell’opinione più dozzinale e disarmata, vittima designata di qualsiasi slogan e riflesso condizionato. Quando all’inizio della vicenda hanno inventato le accuse di stupro in Svezia, palesemente false, anche perché lanciate molto dopo tempo  e alla fine ritirate perché inconsistenti, non ci si è sentiti di immischiarsi in questioni che potevano sembrare di retroguardia o magari di mettere in forse affermazioni che dovrebbero essere credute di per sè; quando si è detto che Assange aveva tradito gli Usa ci si è dimenticato che si parlava di un giornalista australiano; quando hanno fatto finta che Assange avesse fatto perdere Hillary Clinton si è stati zitti per paura di sembrare poco progressisti e di favorire Trump; quando hanno insinuato che Assange fosse un agente russo, ci è completamente scordati che WikiLeaks aveva pubblicato centinaia di di rivelazioni imbarazzanti sulla Russia. Quando hanno rifiutato ad Assange il diritto di asilo politico, non si è reagito pensando che davvero nelle democrazie occidentali, i diritti umani venissero prima sulla ragion di Stato e degli arcana imperii,  nonostante la conclamata esistenza di carceri e di torture illegali; quando, dopo il lungo asedio nell’ambasciata dell’Ecuador, lo hanno arrestato  e messo in isolamento in una zona di massima sicurezza della prigione di Belmarsh si è fatto finta di non vedere l’arbitrio della detenzione preventiva, la violazione dei diritti della difesa o le torture psicologiche inflitte. E si è fatto anche finta che tutto rientrasse nello stato di diritto. Ci si è buttati alle spalle con noncuranza la carta di Mnaco sui diritti e i doveri dei giornalisti il cui primo articolo recita: Rispetto la verità, qualunque siano le conseguenze per se stessa, e questo, a causa del diritto che il pubblico deve conoscere la verità.

Ma evidentemente questo pubblico vuole conoscere solo le verità suggerite, ama le parole d’ordine, non fa alcuno sforzo per uscire dalla propria passività per nonchalance, debolezza e indifferenza, perché questo pubblico non comprende che a forza di credere tutto ciò che viene dai circuiti ufficiali si finisce per accettare tutto e che accettando tutto si finisce per approvare tutto lasciandosi sedurre da una coscienza a basso costo, messa a bagno in un’ etica senza spessore e priva di qualunque drammaticità, acquisita nel supermercato della comunicazione.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: