Site icon il Simplicissimus

United States of Alzheimer

Annunci

Ecco in che mani siamo, quelle che non si capisce come possano rassicurare qualcuno, fosse anche il più cieco. Occorre assolutamente guardare questa intervista fatta  a Biden dalla Cnn perché dopo averla vista tutto sarà molto, ma molto più chiaro e non solo riguardo alla pandemia. La domanda fatta all’inquilino della Casa Bianca è “perché dovremmo vaccinare i bambini sotto i 12 anni? 

Risposta di Biden: “Questo è in arrivo, come con l’altra domanda [parola incomprensibile], ho sentito che ne parli, forse non sono [parola incomprensibile], sei sempre diretto in quello che stai facendo, e la domanda è se dovremmo essere in la posizione in cui ti trovi – perché non possono gli… gli … gli esperti dicono: sappiamo che questo virus, infatti… sarà… o… scusami – sappiamo perché tutti  i farmaci non sono solo approvati per un periodo di tempo limitato, ma sono approvati su base permanente. Anche questo è in arrivo. Mi aspetto che accada presto”.

L’unica frase comprensibile è una bugia, perché anche negli USA i vaccini di cui stiamo parlando non sono farmaci in quanto tali e hanno solo un’approvazione di emergenza. Come è possibile pensare seriamente che Joe Biden sia anche lontanamente all’altezza del ruolo di presidente? Come è possibile che la sorte dei bambini possa essere affidata a un individuo in queste condizioni? E come è possibile evitare di pensare che egli faccia parte integrante della commedia pandemica che in realtà si estende ben al di là della vicenda sanitaria? Questo eloquio stentato e surreale, in cui le uniche parole comprensibili sono quelle portatrici di menzogna  fanno immediatamente pensare all’irrealtà del contesto generale in cui quest’uomo è stato “eletto” alla Casa Bianca. E di fatto dopo la pandemia Joe Biden è la maggiore sfida della macchina politico – mediatica per accreditare come presidente,  un uomo ormai palesemente demidiato che mai e poi mai avrebbe potuto prevale in un confronto democratico, anche trovandosi di fronte un avversario come Trump che non è proprio fulmine di guerra o un illuminato statista. Ma prima o poi anche lui si rivelerà un disastro per chi ha voluto mettere al vertice un personaggio in preda a un irreparabile decadimento senile per poter avere mano libera nella nuova ingegneria sociale.

Exit mobile version