Annunci

Archivi tag: Pentagono

Videogioco di morte in Venezuela

Federation-Day-ScreenSpesso, anzi ormai quotidianamente, parlo di informazione perché è un settore della comunicazione dove la propaganda del sistema è più facile da decrittare, ma il vero “apostolato” del neo liberismo e dei suoi poteri si serve di altri canali per mettere a dimora i suoi pregiudizi e i suoi memi,  per farli attecchire e crescere nelle menti perché le persone agiscano contro i propri interessi e si colpevolizzino quando il sistema le schiaccia  Non solo giornali e notiziari, non solo notizie false e tendenziose, non solo libri ed articoli pensosi, tutte cose che alla fine raggiungono una modesta percentuale di persone, ma soprattutto serie televisive, film, app, distrìbuzione musicale. social e persino videogiochi, insomma quell’insieme ludico – emozionale che permette di raggiungere la gran parte delle persone e iniettare loro dosi massicce di pensiero unico senza che se ne accorgano.

A volte temi e strategie vengono anticipati in qualche modo da queste forme di comunicazione e per quanto riguarda la vicenda venezuelana si rimane colpiti da come alcuni videogiochi anticipassero le mosse future. Per esempio il sabotaggio delle linee elettriche per appoggiare il tentativo di colpo di stati di Guaidò è stato prefigurato nel dettaglio in Call on Duty – Gost lanciato sul mercato nel 2013, l’anno in cui con la morte di Hugo Chavez, Washington sperava di poter spazzare via in poco tempo il bolivarismo. Il gioco è ambientato in un futuro distopico dopo la distruzione nucleare del  Medio Oriente  ( nel 2013 la guerra siriana era al suo apice e l’Isis aveva proclamato la sua unificazione con la branca siriana di Al Qaeda).  Un generale venezuelano sale al potere, stabilendo una federazione di stile socialista che si diffonde in tutta l’America Latina come una malattia, unendo tutte le nazioni produttrici di petrolio e espellendo i cittadini statunitensi.Come giocatori si fa parte di una forza d’élite statunitense che invade il Paese, uccidendo il leader socialista e distruggendo la sua federazione. Le forze speciali statunitensi aprono il loro assalto lanciando un razzo su una diga che sembra straordinariamente simile alla diga del  Guri, dove si è effettivamente svolto il tentativo di golpe elettrico e subito dopo entrano in una centrale elettrica e inseriscono un virus informatico nella rete elettrica, immergendo Caracas nell’oscurità. Quasi esattamente ciò che è effettivamente successo. La città viene ricreata con dettagli vividi, fino ai graffiti chavisti che colorano i muri, mentre la missione si conclude con l’uccisione del leader del Venezuela, che viene colpito alla schiena dai migliori tiratori d’America. 

Ma non basta: in un altro videogioco sparatutto, “Mercenaries 2: World in Flames,”un demagogo  populista di nome Ramon Solano si impadronisce del Venezuela con un colpo di stato e si impegna a riportare i profitti petroliferi del paese alla sua popolazione, guarda caso esattamente quello che ha fatto Chavez. I giocatori sono dalla parte di Mattias Nilson, un sociopatico svedese che è disposto a uccidere chiunque se il prezzo è giusto. Sotto contratto da una multinazionale petrolifera, Nilson conquista il Venezuela e  finisce per far saltare il cervello di Solano nel suo palazzo – che sembra assolutamente somigliante al complesso 4F dove Hugo Chavez lavorava quando era presidente. così milioni di ragazzini finiranno per considerare normale,anzi scontata la demonizzazione del Venezuela socialista e altrettanto normale la sua distruzione manu militari, non rifletteranno nemmeno un minuto sul significato di tutto questo mischiando gioco e realtà in tutto unico. 

Non è certo un caso dei i videogiochi violenti  vedono come protagonisti e finanziatori il Pentagono e la Cia. Nel 2003, agli albori della cosiddetta guerra al terrore, Pandemic Studios – la società di  Mercenaries 2 – fu ingaggiato come parte di un progetto da 45 milioni di dollari formata messo a punto alcuni anni prima dall’esercito per collegare l’ambiente accademico di storici e analisti con l’intrattenimento e l’ industria di videogiochi. Un decennio più tardi, Dave Anthony, stilista di Call of Duty, fu arruolato da un ex funzionario del Pentagono di nome Stephen Grundman per consigliare il progetto The Art of Future War – un’iniziativa del think tank non ufficiale della NATO a Washington, il Consiglio Atlantico. Nel progetto è stato coinvolto anche Oliver North , il fanatico militare di estrema destra condannato per i crimini commessi nella  destabilizzazione dell’America Centrale durante gli anni ’80 e che ha lavorato specificamente per mettere a punto Call of Duty. Chi voglia cominciare ad approfondire il tema può andare a questo link dove in epoca non sospetta già si parla di questo rapporto speciali fra complesso militare e industria del software ludico, ma non è certo un mistero se l’esercito americani consideri i videogiochi come parte di un addestramento preventivo che evidentemente non riguarda solo lo sparacchiare, l’apprendimento di tattiche e strategie, ma soprattutto quello ideologico, abituando i futuri cittadini dell’impero e magari anche delle disgraziate colonie europee e di altre aree del mondo alla normalità della prepotenza. Anzi del male volendo parlare con il linguaggio semplificato e infantile dei padroni.

Annunci

F 35, fuoco a salve della Corte dei conti

F35tPurtroppo non esiste un girone dantesco dove dovrebbero scontare la pena eterna tutti quelli che ci hanno portato a sperperare una pazzesca quantità di denaro, peraltro ancora da determinare con precisione, ma certamente non inferiore ai 20 miliardi complessivi per l’acquisto degli inutili F35. Fra i traditori della patria senza dubbio perché hanno dissipato risorse preziose per il Paese in cambio di un “giocattolo” di guerra mediocre e inutile che non porta alcuna ricaduta tecnologica e appena un po’ di lavoro temporaneo solo per 1600 persone che saranno incaricate di costruire un’ala del caccia come succede alle colonie di serie c visto che gran parte della commessa iniziale è stata già da parecchi anni depistata verso la Turchia. Ma anche tra i barattieri per le tangenti che certamente saranno passate in abbondanza per poter far passare una scelta del tutto irrazionale e persino antieuropea. E anche tra gli ipocriti, i ladri, i ruffiani, i fraudolenti e i falsari per tutte le menzogne che sono state dette al fine di far passare questa follia dalla quale peraltro si sono giù ritirati molti Paesi e dalla quale si ritirerebbe volentieri anche il Pentagono dove l’omertà tipica del sistema militar industriale viene sempre più spesso incrinata da dichiarazioni distruttive sulla sostanza dell’F35.

La Corte dei conti ha finalmente sollevato il sudario su questa operazione demenziale rendendo finalmente ufficiale il fatto che il costo di questi arei è raddoppiato nel tempo, che il programma è in ritardo di 5 anni a causa degli innumerevoli difetti di questo mezzo e che infine le ricadute di lavoro con quali un ceto politico infame ha ricattato il Paese, sono risibili rispetto a ciò che era stato prospettato. Del resto anche la diminuzione del numero di caccia da acquistare da 131 a 90 ha causato uno psicodramma nel Pd e soprattutto in Napolitano. Il loro agente a Roma, in veste di lobbista della Lockheed  ha fatto di tutto per evitare che vi fosse un ripensamento su questa mattana, arrivando persino a convocare un fantomatico consiglio supremo di difesa per appoggiare la scelta degli F35.

Così ci sveneremo per acquisire il caccia più costoso della storia, che tuttavia e praticamente inutile anche  nel caso che i difetti vengano risolti e largamente inferiore agli aerei con i quali dovrebbe scontrarsi . Un ex alto responsabile del Pentagono ha detto che di fronte ai Sukhoi 35 ( peraltro è già in via di costruzione il modello di nuova generazione il Su T 50) l’unica chance per gli F 35 sarebbe fuggire o farsi difendere dai vecchi e buoni caccia tipo l’Eurofighter. Del resto in tutte le prove sul campo effettuate il Sukhoi 30 della precedente generazione ha sempre prevalso sull’ F35. Ma non si tratta solo di singole persone che infrangono il muro del silenzio:  lo stesso Pentagono ha stilato 3 anni fa un rapporto sul caccia certificando in via ufficiale ciò che già si sapeva dai resoconti  che si susseguono da anni senza che i vari governi italiani si siano sognati di bloccare l’acquisto:

  • Le prestazioni dell’aereo sono “immature” e dunque “inaccettabili” per le operazioni di combattimento. 
  • Il costo della manutenzione è tre volte superiore alle specifiche richieste.
  • I test sull’affidabilità raggiungono a mala pena il 37% dei risultati e il 30% per il modello da portaerei
  • L’aereo è troppo pesante e lento
  • Il software è pieno di errori
  • Il sistema virtuale di guida con relativo e costosissimo casco fa vedere immagini incerte e traballanti
  • Temporali e fulmini mettono in serio pericolo l’apparecchio
  • E’ stato condotto a termine solo il 54% dei test previsti e il 21% di essi ha rivelato la necessità di rimettere mano al progetto
  • Ci sono stati pochissimi progressi nel rimediare ai difetti dell’aereo
  • E’ necessario comparare sul campo l’F35 agli altri aerei in dotazione delle forze armate Usa per chiarire se questo apparecchio non rappresenti in realtà un grosso passo indietro.

Quest’ultima prova è stata fatta più volte conrisultati sempre favorevoli ai vecchi caccia. Ma qui è necessario chiarire una cosa che risulta evidente da quanto viene sostenuto, anche se non detto apertis verbis: non si tratta di qualche difetto che può essere corretto, ma proprio di un progetto sbagliato, messo a punto quando si pensava che le capacità stealth, ossia di relativa invisibilità ai radar, fosse la carta vincente del futuro e a questa caratteristica sono state sacrificate tutte le altre, ossia velocità, carico bellico, manovrabilità, autonomia di volo, affidabilità e facilità di manutenzione. Solo che nei vent’anni trascorsi dall’idea alla realizzazione i nuovi radar vedono gli F35 come in una televisore Hd  (il Canada si è ritirato proprio per questo) rendendo perciò completamente sbagliato il progetto. Ecco perché dire come fa la Corte dei conti che ormai si sono spesi 4 miliardi ed è dannoso ritirarsi, è un pericoloso e ambiguo non senso.

Per fortuna che la ministra Pinotti ha le idee chiare su tutto questo ed esprime il suo favore all’acquisto con la chiarezza cartesiana dei totali incompetenti, quella stessa per cui questo personaggio compra mediocri blindati a costi di gran lunga superiori ai migliori carri armati del mondo: «… di fatto i cacciabombardieri servono perché, a parte che se tu hai delle truppe, dove c’è necessità di avere una difesa aerea, però potrebbe succedere che qualcuno decide di sparare… un missile magari… e potrebbe decidere, ormai ci sono dei missili che possono arrivare a distanze estreme, potrebbero decidere di volere, con quello, distruggere o… ehm… ovviamente creare, oggi purtroppo le armi sono micidiali».

In altri tempi si sarebbe tirata la catena. Ora siamo noi incatenati ai corrotti e agli imbecilli.


L’impero pentagonale

484a72252cd059894a2000541172bfccDeludo subito chi nel titolo vuole scorgere esoterismi di qualche tipo o estrapolazioni fantastiche, perché mi riferisco al Pentagono come edificio, quello che ospita il quartier generale della difesa Usa: la sua sola presenza dovrebbe rendere piuttosto sospette e ingenue le vulgate sulla storia della seconda guerra mondiale e le successive concatenazioni di eventi o quanto indurre a qualche curiosità e a qualche domanda. In effetti quell’edificio, tutt’ora il più grande del mondo, ha qualcosa di magico perché il suo gigantismo esprime una verità evidente che tuttavia viene negata e appare insodanbile: esso testimonia del fatto che l’idea organica dell’impero sia nata molto prima del conflitto mondiale e non sia una sua fortuita conseguenza, che molto della retorica che accompagna l’intervento americano copre in realtà questo scopo dominante.

Stando alla narrazione ufficiale l’11 settembre 1941, data di inizio della costruzione del Pentagono, gli Usa erano una potenza pacifica, formalmente non coinvolta nel conflitto, ignara di ciò che i giapponesi stavano preparando a Pearl Harbor, ancora incerta se entrare in guerra o meno anche se le tendenze isolazioniste erano quelle di gran lunga più diffuse e superabili solo attraverso uno choc. Nonostante questo sin dall’anno precedente si era deciso di costruire un nuovo gigantesco centro nevralgico delle forze armate ( che peraltro pochi anni prima avevano già una loro nuova sede) del tutto sproporzionato rispetto alle ambizioni ufficialmente espresse e anche alle necessità poste dall’eventuale entrata nel conflitto, come se ci si aspettasse che quei seicentomila metri quadri, quei sessanta ettari di stanze, corridoi, sale e bagni per bianchi e per neri (la separazione era totale) dovessero servire a compiti più globali e impegnativi.

Quando la costruzionè venne avviata è probabile – visto che tutti gli indizi concordano – che Roosevelt e Hoover sapessero di un colpo di mano in progetto da parte del Giappone, peraltro un’ottima occasione per entrare in una guerra da cui la maggior parte degli americani voleva rimanere fuori, ma la decisione di costruire questo enorme falansterio della guerra risale a mesi prima e si concreta quando l’operazione Barbarossa contro l’Unione sovietica ottiene un succcesso folgorante, facendo temere che una Germania in grado di sfruttare le enormi risorse russe potesse oscurare il dominio anglosassone. E’ in quel momento che prende avvio concretamente il progetto i cui disegni vengono approntati appena prima della costruzione delle varie strutture per fare più in fretta. Praticamente in contemporanea con la decisione finale di entrare in qualche modo nel conflitto, persino a fianco del “pericolo comunista”: ideologicamente le elites Usa non potevano immaginare che un regime sovietico tra l’altro accreditato di sfavore popolare e di purghe che col passare degli anni hanno attinto cifre del tutto fuori controllo, potesse non solo resistere all’urto delle armate tedesche, ma passare al contrattacco e dopo la vittoria far loro concorrenza, diventare in pochi anni una superpotenza con cui dover fare i conti. Infatti due anni dopo, quando le armate sovietiche cominciarono ad avanzare su tutto l’immenso fronte, la preoccupazione cambiò totalmente di segno e l’incubo divenne quella di una Unione sovietica in grado di sfruttare la tecnologia e la scienza tedesche, un pericolo ancora peggiore per l’impero che impose un’accelerazione nelle operazioni belliche fino ad allora condotte con una certa flemma, magari sperando che i bombardamenti a tappeto inducessero un cambio di regime in Germania.

Ma insomma in quel 1941 la decisione di mettere in piedi un enorme centro nevralgico per la guerra, peraltro vulnerabile perché fu usato poco ferro in previsione delle necessità del conflitto, con un gigantismo pressoché inutile visto che i comandi reali e operativi erano altrove, ebbe un valore più che altro simbolico, quello di edificare una stele in pietra per significare una volontà di dominio globale. Infatti sebbene l’edificio possa ospitare 40 mila persone, mediamente ce ne lavora poco più della metà, molte delle quali appartenenti non alle forze armate propriamente dette, ma ai servizi e al personale diplomatico. Insomma un colosso simbolico per la gestione politica della forza che precede la guerra e progettato in vista del dopoguerra.

 


La jihad americana

C_2_fotogallery_3010703_0_imageIeri mi sono preso la briga di mettere in luce la figuraccia delle armi americane nella tentata distruzione dell’aeroporto siriano di Al Sharyat, sul quale sono caduti solo 23 dei 59 missili lanciati, provocando danni del tutto marginali in rapporto alla forza usata. Una cosa che non si accorda certo con la tesi mediatica ex post dell’attacco “simbolico” e dimostrativo visto che solo un pugno di idioti avrebbe pensato di ottenere questo scopo mettendo in forse l’efficienza del gigantesco apparato militare a stelle e strisce e la vantata precisione dei Tomahawk, mostrando che non è tutto oro quel che riluce. Ma che questo “incidente”  sia stato dovuto alla vetustà dei missili in questione, a imperfetta manutenzione, a superficialità produttive o  magari più plausibilmente a contromisure elettroniche russe di insospettata efficacia o all’intercettazione non prevista dei missili o infine a tutti questi fattori collegati, credo che sia importante in questo momento prendere le esatte misure della effettiva potenza americana e dei suoi limiti in conflitti che non siano ad alta dissimetria.

Cullarsi su questa idea di potenza assoluta e inscalfibile è molto pericoloso soprattutto per  le colonie europee le cui opinioni pubbliche sono indotte a sottovalutare i venti di guerra, a non pensarsi a rischio dietro il fantomatico scudo Usa e a non allarmarsi per la tendenza dei loro governi ad assecondare gli stranamore d’oltreoceano.  Proprio pochi giorni fa il principale di questi, ovvero il generalissimo Joseph Votel, comandante in capo del Pentagono,  ha sostenuto davanti alla commissione forze armate del congresso che: ” si devono cercare le opportunità di destabilizzare l’Iran, sia attraverso  strumenti militari che di altri tipi” poiché in questa visione ormai delirante Teheran rappresenterebbe “la più grande minaccia a medio termine per la stabilità”. Si buttano insomma a mare gli accordi del 2015 e si ricomincia a parlare strumentalmente del pericolo nucleare iraniano nonostante il fatto che tutte e 17 le agenzie di intelligence a cui può far riferimento il Pentagono neghino l’intenzione iraniana di dotarsi di armi nucleariE’ fin troppo chiaro che siano di fronte a una sorta di paranoia e di delirio di onnipotenza, che non ha bisogno di nessun confronto con la realtà e che in effetti rappresenta un’infinita jihad degli Usa timorosi di perdere l’egemonia mondiale e assieme ad essa anche quella monetaria ed economica che provocherebbe la caduta delle elites di comando, di quel feudalesimo democratico che è il tratto distintivo delle istituzioni americane, se appena si esce dalle mitologie.

Ma siccome nel delirio non mancano mai aspetti paradossali ecco che la rinnovata belligeranza anti iraniana dello stranamore di Washington, viene anticipata di qualche giorno da un grottesco video dell’Isis, inviato a Khamenei  nel quale il Califfato dichiara guerra all’Iran colpevole non soltanto di perseguire l’eresia sciita, ma anche di ” tollerare gli ebrei”. Certo questi vaneggiamenti fanno impressione, ma non sono poi così diversi da quelli del dipartimento di stato che considera Putin alla stregua di Hitler, demonizza i rapporti commerciali e gli scambi tecnologici fra Mosca e Teheran, sembra davvero credere alle proprie stesse favole dell’aggressione russa  in Ucraina e nell’Europa dell’Est. E’ una situazione pirandelliana  nella quale non si distingue più il confine tra finzione e follia bellica e, come nell’Enrico IV, il ruolo focale passa dal protagonista agli amici e alla servitù del personaggio che ne possono determinare la guarigione o la dissoluzione: finché daranno corda alla follia, essa continuerà a svilupparsi e a produrre sempre nuovi deliri, mentre solo se resisteranno, se avranno la forza di contraddirlo e sostenere la realtà potranno sperare di allontanare concretamente deflagrazione di un conflitto globale che tra i suoi effetti assolutamente certi avrà la distruzione del continente.

Ma con l’Europa di Bruxelles che si rivela sempre più una creatura della finanza sorretta non dal consenso, ma dalla Nato, tutto questo è fantascienza: continueremo a dire di sì alla jihad americana cullandoci in illusorie certezze, confidando che gli 8 milioni di Tomahawk  siano invincibili.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: