Archivi categoria: Covid 19

Virus, i fatti e le balle

Come avevo previsto un mese fa, non appena chiuse le urne, si ritorna alle segregazioni e alle chiusure vitali per una politica ormai in pieno degrado, tanto che già il confine con la Francia è semi sigillato, aperto solo a chi lo attraversa per lavoro o per periodi di non oltre 72 ore: tutti provvedimenti che svelano da se medesimi la loro pretestuosità e il loro obiettivo terroristico visto che il virus non si diffonde selettivamente tra chi va in vacanza o a spasso per più o meno un certo periodo di tempo:  se ci fosse un reale timore allora la chiusura dovrebbe essere totale, ma evidentemente non è questo lo scopo del provvedimento, bensì quello di ricreare in toto la paura e allontanare dalla pur ottenebrata consapevolezza dei cittadini, le conseguenze del disastro economico imminente. C’è però una grande differenza, diciamo così morale, tra la primavera e questo autunno da noi come altrove: sei mesi fa l’allarme per il Covid era in qualche modo giustificato dalla “novità”, dalle poche conoscenze che arrivavano, dagli allarmi che venivano diffusi e anche se fin da subito si è cominciato a barare pesantemente sui numeri si poteva ancora invocare  un qualche residuo di buona fede al fondo della retorica apocalittica. Oggi invece la pandemia assume la sua inequivocabile veste di eterogenesi dei fini sanitari, essendo ormai chiara da una parte la debolezza del virus e la sua scarsissima pericolosità, dall’altra la volontà di una parte del potere economico mediatico di gestirlo come peste per ottenere trasformazioni sociali ottenibili solo attraverso il ricatto del terrore.

Esiste in Svizzera un noto progetto di ricerca, chiamato Swiss Policy Research, che studia in termini rigorosi come i media affrontano i problemi che di volta in volta arrivano alla cronaca. Si tratta  di una sorta di sorveglianza condotta da esperti e da giornalisti che si focalizza principalmente sull’informazione in lingua tedesca e su quella che proviene dalle tre principali agenzie di stampa mondiali: l’Associated Press, la Reuters e France presse. Ci sarebbe un mondo di cose da dire e materiale per almeno un centinaio di post, ma quello che in specifico ci interessa ora è il panorama che  queste fonti informative ufficiali  forniscono in termini di numeri e dati sulla cosiddetta pandemia da coronavirus, ma che  vengono presentati, come suggeriscono ben note tecniche di disinformazione, in maniera “disaggregata” e isolata dentro l’incessante flusso di chiacchiere e allarmi, in modo tale da permettere qualsiasi indebita narrazione. Nondimeno essi esistono, sono forniti dalle stesse autorità competenti e una volta recuperati dalla discarica del mainstream e rimessi insieme come i frammenti di uno specchio rotto restituiscono finalmente l’immagine della realtà. Ecco dunque quali sono le reali notizie recuperate da Swiss Policy nella sua opera di fact checking:

  1. Secondo gli ultimi studi immunologici, la mortalità complessiva del Covid-19 nella popolazione generale varia tra lo 0,1% e lo 0,5% nella maggior parte dei paesi, il che è paragonabile alle pandemie influenzali del 1957 e del 1968.
  2. Nella maggior parte dei luoghi, il rischio di morte per la popolazione in buona salute in età scolare ed in età lavorativa è paragonabile a un viaggio quotidiano in macchina per andare al lavoro . Il rischio è stato inizialmente sovrastimato perché molte persone con sintomi lievi o assenti non sono state prese in considerazione.
  3. Circa l’80% di tutte le persone sviluppa solo sintomi lievi o nessun sintomo. Anche tra i 70-79 anni, circa il 60% sviluppa solo sintomi lievi . Circa il 95% di tutte le persone sviluppa sintomi al massimo moderati e non necessita di ricovero.
  4. Fino al 60% di tutte le persone potrebbe già avere una risposta immunitaria parziale dei linfociti T contro il nuovo coronavirus a causa del contatto con precedenti coronavirus (cioè virus del raffreddore). Inoltre, fino al 60% dei bambini e circa il 6% degli adulti possono già avere anticorpi cross-reattivi.
  5. L’ età media dei decessi da Covid nella maggior parte dei paesi occidentali è di oltre 80 anni – ad esempio 84 anni in Svezia – e solo il 4% circa dei deceduti non aveva precondizioni gravi. A differenza delle pandemie influenzali, l’età e il profilo di rischio dei decessi corrispondono quindi essenzialmente alla mortalità normale .
  6. In molti paesi, fino a due terzi di tutti i decessi aggiuntivi si sono verificati in case di cura , che non beneficiano di un blocco generale. Inoltre, in molti casi non è chiaro se queste persone siano realmente morte per Covid-19 o per settimane di estremo stress e isolamento .
  7. Fino al 30% di tutti i decessi aggiuntivi potrebbe essere stato causato non da Covid-19 , ma dagli effetti del blocco, del panico e della paura . Ad esempio, il trattamento di infarti e ictus è diminuito fino al 40% perché molti pazienti non hanno più avuto il coraggio di andare in ospedale.
  8. Molti resoconti dei media di persone giovani e sane che muoiono di Covid-19 si sono rivelati falsi: molti di questi giovani o non sono morti a causa di Covid-19, erano già  gravemente malati anche se non sempre – come nel caso delle leucemie – queste patologie erano state diagnosticate.
  9.  Il  dichiarato aumento della malattia di Kawasaki nei bambini si è rivelato esagerato . Come scrive la Ul Kawasaki disease foundation: “Molti di questi articoli sui media erano confusi e contenevano poche informazioni concrete.Attualmente si registrano meno casi di malattia di Kawasaki di quanto ci si aspetterebbe normalmente in questo periodo dell’anno, non di più”.
  10. Le curve esponenziali spesso mostrate dei “casi corona” sono fuorvianti , poiché anche il numero di test è aumentato esponenzialmente. Nella maggior parte dei paesi, il rapporto tra test positivi e test complessivi (cioè il tasso di positività) è rimasto sempre al di sotto del 20% . In molti paesi, il picco dello spread era già stato raggiunto ben prima che il blocco entrasse in vigore.
  11. Diversi media sono stati beccati mentre cercavano di drammatizzare la situazione negli ospedali, a volte anche con immagini e video manipolatori . In generale, la segnalazione non professionale di molti media ha massimizzato la paura e il panico nella popolazione. Di conseguenza, secondo sondaggi internazionali, la maggior parte delle persone sovrastima drammaticamente la mortalità e la mortalità del Covid-19.
  12. kit di test per virus utilizzati a livello internazionale possono produrre risultati falsi positivi e falsi negativi, ma soprattutto reagire a frammenti di virus non infettivi  o reagire ad altri coronavirus comuni con una sequenza genica parzialmente simile.
  13. In nessun momento c’era una ragione medica per la chiusura delle scuole elementari , poiché il rischio di malattie e trasmissione nei bambini è estremamente basso . Non ci sono nemmeno ragioni mediche per classi piccole, maschere o regole di “allontanamento sociale” nelle scuole elementari.
  14. Diversi esperti medici hanno descritto i vaccini express contro il coronavirus come non necessari o addirittura pericolosi . Infatti, il vaccino contro la cosiddetta influenza suina del 2009, ad esempio, ha portato a casi di gravi danni neurologici e cause legali a milioni. Anche nella sperimentazione di nuovi vaccini contro il coronavirus sono già state segnalate gravi complicazioni e fallimenti .
  15. Gli infermieri statunitensi hanno descritto una cattiva gestione medica spesso fatale per i pazienti Covid a causa di incentivi finanziari discutibili e protocolli medici inappropriati. Tuttavia, in molti luoghi la letalità di Covid è diminuita in modo drastico a causa di migliori opzioni di trattamento.
  16. Il numero di persone che sono rimaste disoccupate o che soffrono di depressione  o che subiscono violenza  domestica a causa delle misure anti coronavirus ha raggiunto livelli record storici . Diversi esperti prevedono che le misure cisteranno  molte più vite del virus stesso. Secondo le Nazioni Unite 1,6 miliardi di persone nel mondo corrono il rischio immediato di perdere i propri mezzi di sussistenza.
  17. Uno studio dell’OMS del 2019 sulle misure contro l’influenza pandemica ha rilevato che dal punto di vista medico, il “tracciamento dei contatti” è “non raccomandato in nessuna circostanza” . Tuttavia, le app di tracciamento dei contatti sono già diventate parzialmente obbligatorie in diversi paesi .

Si tratta solo di alcuni fatti, quelli più importanti, supportati da una cinquantina di link ad articoli che compaiono sulla stessa stampa che poi alimenta il millenarismo pandemico anche grazie alle generose donazioni di Bill Gates. A mio parere la situazione è anche meno grave di quella che appare nei report seri e nei dati non allarmistici, dal momento che esiste pur sempre un grande pressione non solo sul pubblico, ma anche sui presidi sanitari. C’è comunque molto materiale per meditare sulla riorganizzazione autoritaria del neo liberismo che si serve di un virus peraltro debole per aumentare la posta della sua lotta di classe al contrario. E per non cadere vittime del sonno della ragione.


Virus, i fatti e le balle

Come avevo previsto un mese fa, non appena chiuse le urne, si ritorna alle segregazioni e alle chiusure vitali per una politica ormai in pieno degrado, tanto che già il confine con la Francia è semi sigillato, aperto solo a chi lo attraversa per lavoro o per periodi di non oltre 72 ore: tutti provvedimenti che svelano da se medesimi la loro pretestuosità e il loro obiettivo terroristico visto che il virus non si diffonde selettivamente tra chi va in vacanza o a spasso per più o meno un certo periodo di tempo:  se ci fosse un reale timore allora la chiusura dovrebbe essere totale, ma evidentemente non è questo lo scopo del provvedimento, bensì quello di ricreare in toto la paura e allontanare dalla pur ottenebrata consapevolezza dei cittadini, le conseguenze del disastro economico imminente. C’è però una grande differenza, diciamo così morale, tra la primavera e questo autunno da noi come altrove: sei mesi fa l’allarme per il Covid era in qualche modo giustificato dalla “novità”, dalle poche conoscenze che arrivavano, dagli allarmi che venivano diffusi e anche se fin da subito si è cominciato a barare pesantemente sui numeri si poteva ancora invocare  un qualche residuo di buona fede al fondo della retorica apocalittica. Oggi invece la pandemia assume la sua inequivocabile veste di eterogenesi dei fini sanitari, essendo ormai chiara da una parte la debolezza del virus e la sua scarsissima pericolosità, dall’altra la volontà di una parte del potere economico mediatico di gestirlo come peste per ottenere trasformazioni sociali ottenibili solo attraverso il ricatto del terrore.

Esiste in Svizzera un noto progetto di ricerca, chiamato Swiss Policy Research, che studia in termini rigorosi come i media affrontano i problemi che di volta in volta arrivano alla cronaca. Si tratta  di una sorta di sorveglianza condotta da esperti e da giornalisti che si focalizza principalmente sull’informazione in lingua tedesca e su quella che proviene dalle tre principali agenzie di stampa mondiali: l’Associated Press, la Reuters e France presse. Ci sarebbe un mondo di cose da dire e materiale per almeno un centinaio di post, ma quello che in specifico ci interessa ora è il panorama che  queste fonti informative ufficiali  forniscono in termini di numeri e dati sulla cosiddetta pandemia da coronavirus, ma che  vengono presentati, come suggeriscono ben note tecniche di disinformazione, in maniera “disaggregata” e isolata dentro l’incessante flusso di chiacchiere e allarmi, in modo tale da permettere qualsiasi indebita narrazione. Nondimeno essi esistono, sono forniti dalle stesse autorità competenti e una volta recuperati dalla discarica del mainstream e rimessi insieme come i frammenti di uno specchio rotto restituiscono finalmente l’immagine della realtà. Ecco dunque quali sono le reali notizie recuperate da Swiss Policy nella sua opera di fact checking:

  1. Secondo gli ultimi studi immunologici, la mortalità complessiva del Covid-19 nella popolazione generale varia tra lo 0,1% e lo 0,5% nella maggior parte dei paesi, il che è paragonabile alle pandemie influenzali del 1957 e del 1968.
  2. Nella maggior parte dei luoghi, il rischio di morte per la popolazione in buona salute in età scolare ed in età lavorativa è paragonabile a un viaggio quotidiano in macchina per andare al lavoro . Il rischio è stato inizialmente sovrastimato perché molte persone con sintomi lievi o assenti non sono state prese in considerazione.
  3. Circa l’80% di tutte le persone sviluppa solo sintomi lievi o nessun sintomo. Anche tra i 70-79 anni, circa il 60% sviluppa solo sintomi lievi . Circa il 95% di tutte le persone sviluppa sintomi al massimo moderati e non necessita di ricovero.
  4. Fino al 60% di tutte le persone potrebbe già avere una risposta immunitaria parziale dei linfociti T contro il nuovo coronavirus a causa del contatto con precedenti coronavirus (cioè virus del raffreddore). Inoltre, fino al 60% dei bambini e circa il 6% degli adulti possono già avere anticorpi cross-reattivi.
  5. L’ età media dei decessi da Covid nella maggior parte dei paesi occidentali è di oltre 80 anni – ad esempio 84 anni in Svezia – e solo il 4% circa dei deceduti non aveva precondizioni gravi. A differenza delle pandemie influenzali, l’età e il profilo di rischio dei decessi corrispondono quindi essenzialmente alla mortalità normale .
  6. In molti paesi, fino a due terzi di tutti i decessi aggiuntivi si sono verificati in case di cura , che non beneficiano di un blocco generale. Inoltre, in molti casi non è chiaro se queste persone siano realmente morte per Covid-19 o per settimane di estremo stress e isolamento .
  7. Fino al 30% di tutti i decessi aggiuntivi potrebbe essere stato causato non da Covid-19 , ma dagli effetti del blocco, del panico e della paura . Ad esempio, il trattamento di infarti e ictus è diminuito fino al 40% perché molti pazienti non hanno più avuto il coraggio di andare in ospedale.
  8. Molti resoconti dei media di persone giovani e sane che muoiono di Covid-19 si sono rivelati falsi: molti di questi giovani o non sono morti a causa di Covid-19, erano già  gravemente malati anche se non sempre – come nel caso delle leucemie – queste patologie erano state diagnosticate.
  9.  Il  dichiarato aumento della malattia di Kawasaki nei bambini si è rivelato esagerato . Come scrive la Ul Kawasaki disease foundation: “Molti di questi articoli sui media erano confusi e contenevano poche informazioni concrete.Attualmente si registrano meno casi di malattia di Kawasaki di quanto ci si aspetterebbe normalmente in questo periodo dell’anno, non di più”.
  10. Le curve esponenziali spesso mostrate dei “casi corona” sono fuorvianti , poiché anche il numero di test è aumentato esponenzialmente. Nella maggior parte dei paesi, il rapporto tra test positivi e test complessivi (cioè il tasso di positività) è rimasto sempre al di sotto del 20% . In molti paesi, il picco dello spread era già stato raggiunto ben prima che il blocco entrasse in vigore.
  11. Diversi media sono stati beccati mentre cercavano di drammatizzare la situazione negli ospedali, a volte anche con immagini e video manipolatori . In generale, la segnalazione non professionale di molti media ha massimizzato la paura e il panico nella popolazione. Di conseguenza, secondo sondaggi internazionali, la maggior parte delle persone sovrastima drammaticamente la mortalità e la mortalità del Covid-19.
  12. kit di test per virus utilizzati a livello internazionale possono produrre risultati falsi positivi e falsi negativi, ma soprattutto reagire a frammenti di virus non infettivi  o reagire ad altri coronavirus comuni con una sequenza genica parzialmente simile.
  13. In nessun momento c’era una ragione medica per la chiusura delle scuole elementari , poiché il rischio di malattie e trasmissione nei bambini è estremamente basso . Non ci sono nemmeno ragioni mediche per classi piccole, maschere o regole di “allontanamento sociale” nelle scuole elementari.
  14. Diversi esperti medici hanno descritto i vaccini express contro il coronavirus come non necessari o addirittura pericolosi . Infatti, il vaccino contro la cosiddetta influenza suina del 2009, ad esempio, ha portato a casi di gravi danni neurologici e cause legali a milioni. Anche nella sperimentazione di nuovi vaccini contro il coronavirus sono già state segnalate gravi complicazioni e fallimenti .
  15. Gli infermieri statunitensi hanno descritto una cattiva gestione medica spesso fatale per i pazienti Covid a causa di incentivi finanziari discutibili e protocolli medici inappropriati. Tuttavia, in molti luoghi la letalità di Covid è diminuita in modo drastico a causa di migliori opzioni di trattamento.
  16. Il numero di persone che sono rimaste disoccupate o che soffrono di depressione  o che subiscono violenza  domestica a causa delle misure anti coronavirus ha raggiunto livelli record storici . Diversi esperti prevedono che le misure cisteranno  molte più vite del virus stesso. Secondo le Nazioni Unite 1,6 miliardi di persone nel mondo corrono il rischio immediato di perdere i propri mezzi di sussistenza.
  17. Uno studio dell’OMS del 2019 sulle misure contro l’influenza pandemica ha rilevato che dal punto di vista medico, il “tracciamento dei contatti” è “non raccomandato in nessuna circostanza” . Tuttavia, le app di tracciamento dei contatti sono già diventate parzialmente obbligatorie in diversi paesi .

Si tratta solo di alcuni fatti, quelli più importanti, supportati da una cinquantina di link ad articoli che compaiono sulla stessa stampa che poi alimenta il millenarismo pandemico anche grazie alle generose donazioni di Bill Gates. A mio parere la situazione è anche meno grave di quella che appare nei report seri e nei dati non allarmistici, dal momento che esiste pur sempre un grande pressione non solo sul pubblico, ma anche sui presidi sanitari. C’è comunque molto materiale per meditare sulla riorganizzazione autoritaria del neo liberismo che si serve di un virus peraltro debole per aumentare la posta della sua lotta di classe al contrario. E per non cadere vittime del sonno della ragione.


Il Bezos di Giuda

In che cavolo di mondo vogliamo vivere? Quello in cui una rete di super miliardari che negli anni si sono letteralmente comprati tutto, media, università, politica, elite di supporto, decidono che è meglio terrorizzare con una peste giornalistica i popoli sempre più recalcitranti al nuovo ordine cresocratico? Dovremmo avere paura della paura invece di andare in giro col burka perché è proprio questo il ricatto dei potenti a cui non si dovrebbe sottostare nemmeno se la loro favola di morte fosse reale e non uno scenario. Del resto quello che ci attende è sotto gli occhi di tutti  e può essere esemplificato da ciò che è accaduto con Amazon, il cui fondatore, Jeff Bezos ha visto quasi raddoppiare la sua ricchezza durante la pandemia, dai 113 miliardi di dollari marzo ai 206 miliardi di oggi, mentre l’insieme dei 467 plutocrati americani ha visto crescere  di oltre mille miliardi le proprie ricchezze.

Ma come si è realizzato questo enorme profitto? Con la pura e semplice speculazione da mercato nero trasferita nel commercio on line: all’inizio della pandemia i prodotti Amazon Essential negli Usa hanno subito aumenti vertiginosi proprio nel momento in cui essi erano i più richiesti. Tanto per fare un esempio tratto dallo studio portato avanti  da Public Citizen: mascherine usa e getta + 1.000%, igienizzante per le mani + 48%, spray disinfettante + 87%, Sapone antibatterico+ 470%, guanti monouso in nitrile + 336%, carta igienica +528%, asciugamani di carta + 303%, farina + 425%, Zucchero + 520%, amido di mais+1010%. Nel complesso rispetto all’inizio dell’anno c’è stato un aumento medio di 11 volte. E questo mentre in numerosi stati degli Usa l’aumento del 10% dei beni essenziali durante situazioni di emergenza costituisca  una violazione di legge. Ma non è questo che scandalizza, ciò che davvero ci restituisce il senso di questa evoluzione delle cose è il fatto che numerosi dipendenti di Amazon abbiano salari così bassi da essere costretti ad accedere agli aiuti alimentari per poter campare e molti di loro stanno perdendo la casa non riuscendo più a pagare il mutuo. Questo nonostante la vita d’inferno che si vive nei magazzini dell’azienda ( per esempio non si può parlare con i colleghi per non distrarsi e non si può andate alla toilette più di una volta per turno) e la caterva di straordinari che di fatto vengono imposti dall’azienda.  Ma invece di dare un aumento di salario, pur in un momento di profitti stratosferici, “l’ arcifilantropo ” Bezos che per esempio ha donato ben tre minuti dei suoi guadagni per spegnere i vasti incendi in Australia, ha deciso di avviare una fondazione di beneficenza  chiedendo alla gente che di questi tempi non se la passa di certo benissimo di donare denaro per aiutare i propri dipendenti  a pagare i beni di prima necessità. E quando il personale del Whole Foods Market di proprietà di Bezos ha chiesto una retribuzione più alta e migliori condizioni di lavoro, la società ha invece regalato loro una maglietta gratuita che li chiamava “eroi”  per aver affrontato la pandemia. 

E’ difficile immaginare qualcosa di più repellente, di più simile alla sanguisuga nella scala dell’evoluzione,  eppure l’uomo più ricco del mondo, è anche quello che sostiene con infinita ipocrisia  Black lives matter mentre sottopaga i neri equamente neri e bianchi al suo servizio, dimostrandosi vessillifero di un sospetto antirazzismo da ultraricchi che nasconde la traslazione delle discriminazione dal colore della pelle al colore di soldi. Dall’etnia al reddito. Credere nella buona fede di questi “filantropi” è talmente ingenuo da sfiorare la balordaggine, quasi come pensare che gli allarmi apocalittici per la pandemia che emanano dagli stessi ambienti, abbiano uno scopo umanitario. 


I nuovi Balilla del fascismo sanitario

C’è un nemico invisibile
che si crede invincibile
ha la corona in testa
e chiunque lo detesta
se tutti ci impegneremo
questo nemico sconfiggeremo…

indossa sempre la mascherina
portala sempre ogni mattina
allarga le braccia dentro la stanza
e la misura della distanza
se queste cose ricorderai
tu al sicuro sereno sarai…

Anche se non siamo a carnevale
indossiamo una mascherina speciale
che non è per nulla spaventosa
ma è anzi una mascherina molto preziosa
ferma le goccioline saliva pericolose
che possono essere davvero dannose
perché contengono un virus malvagio
che ha diffuso un brutto contagio.

Non sappiamo chi sia l’autore di questo capolavoro di indottrinamento infantile, il creatore di inni per nuovi balilla della paura,  fiero l’occhio, svelto il virus, ma di certo non è affatto vero che non siano a carnevale, anzi ci siamo in pieno, perché non può essere che tutto questo nasca per un virus, o meglio un’ipotesi virale, che nel 99,6 per cento dei casi non dà alcun sintomo e la cui effettiva patogenicità non è ancora stata dimostrata, mentre l’unica cosa certa sono le manipolazioni statistiche ed emotive con cui si stanno mettendo nella galera del terrore le popolazioni umiliate e rabbiose nei confronti dei miracoli neoliberisti. E non ci sono solo le filastrocche, ma c’è anche il demenziale diario di Zaia, il raffinato intellettuale dei cinesi che mangiano i topi vivi, nel quale questi imbecilli vengono presentati ai bambini come supereroi. Un carnevale senza fine che dà luogo a perfetti assurdi, a misurazioni della temperatura con strumenti di infimo costo sulla cui taratura non giurerebbe nemmeno il diavolo e peraltro utilizzati da persone che non hanno la minima idea del problema. Per cui basta una misurazione sbagliata di qualche decimo di grado, magari poi inutilmente corretta da altre misurazioni per far scattare misure di allontanamento dalla scuola  e confinamento in quarantena. per arrivare alla chiusura dell’intera classe o della scuola.  E’ davvero un  carnevale quello dei banchi a rotelle e dei distanziamenti o del divieto di parlare a voce alta o di cantare perché diffonde troppe goccioline di saliva perché se anche fosse vero (e non lo è) che la distanza di sicurezza è un metro, in un ambiente chiuso come un’aula o un bus o una metropolitana le correnti d’aria che sono inevitabili non fosse altro che per le differenze termiche tra corpi e ambiente, spostano l’eventuale virus a distanze ben maggiori ed ecco perché la mascherina che per un virus è come la porta girevole del grand hotel o le altre eventuali precauzioni sono del tutto inutili a fermare la diffusione: infatti per l’influenza stagionale nessuno si sogna di usarle a tale scopo. Ma in compenso, siccome le finestre dovranno essere aperte ogni ora, avremo milioni di infreddature. E’ un carnevale che la “società della conoscenza” sia così ignorante, non dico dei problemi che riguardano il riconoscimento di un patogeno, il suo sequenziamento e i problemi posti dai test diagnostici che letteralmente sono privi di senso quando si tratta di microrganismi per così dire “emergenti”, cosa che smonterebbe immediatamente la pandemia, ma anche delle cose più ovvie ed evidenti da essere facilmente messa nel sacco da asini in camice bianco alla ricerca di facile protagonismo o costretti a portare il basto delle bugie o da avvoltoi che dalla pandemia hanno tutto da guadagnare in un modo o nell’altro. Ci vorrebbe molta più scuola per dare alla scuola un futuro.

Ad ogni modo è significativo che proprio la scuola pubblica sia l’epicentro di questo di questo crollo cognitivo essendo stata fin da subito l’obiettivo principale del sistema neo liberista, prima facendola scadere di qualità proprio per evitare che si fosse in grado di decrittare le parole d’ordine del potere, poi sottraendola al naturale compito di dare una cultura a tutti per essere ridotta ad addestramento al lavoro e alle sue nuove logiche schiavistiche e infine trasformata in luogo di volgare indottrinamento. Basta poco: in fondo l’infima filastrocca  dovrà servire per pochi giorni, fino alle elezioni regionali e al referendum, dopo di che si chiuderà di nuovo baracca e burattini per l’impossibilità di andare avanti con regole assurde e con l’assillo di una paura del tutto irragionevole anche dando per buoni  i numeri pur ampiamente manipolati della “pandemia” narrata, ma mai  ufficialmente dichiarata, cosa che viene nascosta come se fosse il quarto segreto di Fatima.  In questi mesi non si è fatto nulla (salvo qualche affare di banchi e mascherine) proprio nella prospettiva di costringere a regole così insensate messe a punto da esperti di prebende e merende pubbliche da rendere di fatto impossibile la continuazione dell’anno scolastico. E se all’inizio della narrazione pandemica si poteva dire che questo valeva per tutti i Paesi occidentali, che tuttavia poi hanno riaperto le aule dopo due mesi , adesso siamo l’unico che farà perdere due anni di scuola alle sue nuove generazioni. Saranno fuori da ogni competizione, ma in compenso sapranno recitare “Anche se non siamo a carnevale…”:  sono belle soddisfazioni.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: