Site icon il Simplicissimus

Il Cdc cancella “i fatti” sui vaccini: erano solo menzogne

Si può dire che ogni giorno un lembo della narrazione pandemica e vaccinale cada in pezzi tanto che è ormai difficile seguire la sassaiola di studi e ricerche  a confutazione  delle menzogne dette in oltre due anni  e mezzo e difese a spada tratta da un sistema informativo – repressivo che usa scudi, manganelli e lacrimogeni di ogni tipo. Questa difesa ad oltranza serve evidentemente non soltanto a proteggere le “conquiste” del reset, ovvero lo stato di eccezione e gli strumenti di controllo che lo accompagnano, ma anche a cancellare le tracce delle bugie che le burocrazie sanitarie hanno detto perché dopotutto non si sa mai ciò che può succedere. Proprio questa opera di cancellazione mette in evidenza che c’è stato dolo e non solo errore. Per esempio come si vede dall’immagine sotto,  il Cdc  americano nel luglio del 2021, ovvero sette mesi dopo l’inizio delle vaccinazioni di massa, scriveva nel suo elenco di “fatti” riguardanti i sieri genici:

I tre punti principale come si vede sono:

I vaccini mRna non usano un virus vivo ( sottintendendo che non possono causare il covid)

Non interagiscono i  nessuna maniera con i nostro  Dna (cosa anche questa che si è dimostrata falsa)

Le nostre cellule scompongono l’mRna  subito dopo che questo ha finito di trasmettere le proprie istruzioni

Quest’ultimo è un punto fondamentale perché il filamento di mRna contenuto dal vaccino ordina alle cellule di fabbricare proteine spike, valle a dire quella del virus che sono tossiche.  Se venissero create sempre nuove spike per un periodo di settimane ecco che insorgerebbero molti dei problemi delle più comuni delle reazioni avverse, gravi, gravissime e letali che vediamo.  E’ in sostanza la chiave del discorso.

Perciò è assolutamente singolare che lo stesso Cdc, un anno dopo, il 22 luglio di quest’anno cambi versione e nella stesso schema sui “Fatti” dica sostanzialmente una cosa diversa almeno per quanto riguardagli ultimi due punti. Intanto sostiene  che il filamento di mRna non viene scomposto subito, ma “entro pochi giorni” che è tutt’altra cosa. Infatti il Cdc deve aggiungere : “Gli scienziati stimano che la proteina spike, come altre proteine ​​create dal nostro corpo, possa rimanere nel corpo fino a poche settimane.” Insomma il subito diventa genericamente qualche giorno e la permanenza delle proteina spike si allunga per qualche settimana, ma questa è solo una stima non più un fatto e questo veleno tossico potrebbe rimanere più a lungo nell’organismo Ecco l’immagine.

Ma è clamoroso che appena il giorno dopo, ovvero il 23 luglio 2022  tutto questo scompaia completamente e i fatti riguardo al vaccino si riducano alla presunta impossibilità ( ripeto: smentita da alcune ricerche)  che il filamento di mRna  possa alterare il Dna. Ecco l’immagine:

Probabilmente qualcuno si è accorto che cambiare versione può essere compromettente per i “fatti” che il Cdc pretendeva di sapere e diffondere considerando tutto il resto “disinformazione”. Meglio togliere tutto e far cadere nell’oblio ogni cosa. Ma con il web è difficile passarla liscia.

Ora tutto questo non è che un’introduzione a ciò che voglio dire: possibile che di fronte a queste evidenze non si sia ancora riusciti a smascherare l’inganno e a trascinare alla sbarra i responsabili o almeno qualcuno di loro? Cosa ha smesso di funzionare nella società perché un’intero ceto dirigente medico e politico abbia potuto fare una massa incredibile di morti senza che il sistema immunitario della società sia intervenuto a stroncare l’ insorgere di questo male oscuro? Cosa impedisce che anche adesso di fronte alla prova provato non solo dell’inutilità, ma anche della estrema dannosità di questi pseudo vaccini essi  che essi siano tolti dalla circolazione. E come può accadere che anzi si tenti  di imporre nuove dosi? Deve davvero essere una democrazia agonizzante quella che non lascia ai cittadini altra strada per difendersi che la disobbedienza e probabilmente la rivolta? Rispondere a queste domande credo che sia l’unico programma politico praticabile.

Exit mobile version