Site icon il Simplicissimus

40 miliardi di armi all’Ucraina? L’ennesima balla

E’ ormai quasi impossibile nell’occidente che le autorità di qualunque tipo osino dire qualcosa di vero e di reale: tutto è sempre deformato, ingannevole, filtrato affinché le persone non abbiano la percezione della realtà. Così anche i 40  miliardi in armi che gli Usa hanno deciso di dare all’Ucraina sono una sorta di fake news volta a dare l’impressione che Kiev con un aiutino possa davvero farcela, insomma per tenere insieme il più a lungo possibile il tragico teatrino della guerra e impressionare i sudditi dell’impero della menzogna con lo straordinario rutilare di soldi: la realtà è però un’altra, che quasi niente arriverà sul campo di battaglia e probabilmente quasi niente al popolo ucraino. Vediamo bene la lista della spesa e cominciano a renderci conto che intanto una buona dozzina  di miliardi manca all’appello. Infatti :

Come si vede siamo già scesi a 25 miliardi. Ma 16 dovrebbero andare per il sostegno economico all’Ucraina ( che ha bisogno di 5 miliardi al mese per sopravvivere) altri 6 miliardi di dollari per compiti vari e non specificati come addestramento, equipaggiamento, supporto logistico, stipendi e supporto dell’intelligence alle forze armate. Di queste cifre possiamo già dire che almeno la metà verrà rubata, Quel poco che rimane, quattro miliardi scarsi, anzi 3 visto che 900 milioni andranno ai cosiddetti profughi che diventeranno il terrorismo di domani, saranno effettivamente disponibili per l’acquisto di armi, ma badate bene solo, in America e non altrove, per cui quei soldi rimangono in Usa. Ma cosa potrà comprare Kiev? Forse 400 carri armati Abrams 2 ? Possibile, ma per ottenerli ci vorrebbe un anno e non sarebbero comunque decisivi, visto tra l’altro che l’Ucraina non ha più carristi esperti. Forse una quarantina di F 35, ma ci vorrebbero anni prima di poterli avere e poi si tratta di un aereo decisamente inferiore agli omologhi russi.: questi caccia , come ho avuto modo di dire più volte hanno un solo compito, quello di portare bombe atomiche come fossero un missili lenti a guida umana. Per tutte le altre funzioni sono mediocrissimi.  Certamente  la fornitura sarà assai meno importante, missili a spalla, qualche elicottero, qualche cannone, droni,  insomma l’equipaggiamento che può servire per dare l’impressione di resistere ai russi. Le opinioni pubbliche occidentali abituate ai bombardamenti massici e alle stragi di civili, sono in realtà  sconcertate dalla campagna russa che invece tende a disarmare l’Ucraina e a privarla di quei fanatici che sono stati l’anima del golpe americano. Quindi non hanno fretta e risparmiano le vite dei propri soldati. Non così l’occidente che invece sacrifica ogni giorno qualche centinaio di soldati ucraini tra morti e feriti per una resistenza del tutto inutile e questo mentre Zelensky vive ben protetto dagli americani e ha trasferito la famiglia in Israele dove ha una villa d 8 milioni di dollari: mandarla a Miami dove egualmente ha  una villa da 34 milioni di dollari forse sarebbe un po’ esagerato.

Washington e i suoi infiltrati europei con questa politica oltre a produrre una narrazione che serve a far sembrare meno stupida e inutile  la distruzione dell’economia europea e quella tedesca in particolar modo, ovvero quello che è stato uno degli obiettivi della guerra voluta a tutti i costi da Washington, serve anche tirare avanti fino alle elezioni di metà legislature per tentare di non far sprofondare i democratici e lo stesso presidente. E’ pur vero che gli Stati Uniti vorrebbero fare dell’ Ucraina una seconda Siria e per far questo insieme alle canaglie inglesi tenteranno qualsiasi provocazione, compresa quella di attribuire alla Russia il mancato raccolto dell’Ucraina e pensano addirittura a una sorta di provocazione navale che forse a sua maestà non conviene vito lo stato pietoso della marina reale,  ma intanto in autunno i russi avranno in linea già 50 missili Sarmat inintercettabili che significa almeno 50 bombe piazzate sicure nel culo  dello zio Sam, il quale ci delizia con la barzelletta di voler fare la guerra alla Russia e alla Cina insieme, roba che solo gli imbecilli da quinta dose possono credere. Il fatto è che l’Ucraina non esiste più e non c’è alcuna speranza che torni nei confini artificiali che nel corso del XX° secolo ,  per varie ragioni, le sono stati attribuiti, mai pensando che avrebbe potuto diventare un cavallo di troia di Washington E chiunque non sia obnubilato vede con chiarezza il crollo dell’occidente e dei suoi falsi profeti che si sono sostituiti alla democrazia.

Exit mobile version