Site icon il Simplicissimus

Il braccio sinistro del potere

Annunci

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Siamo in  tanti ormai a interrogarci sulla dannazione virale che ha colpito la “sinistra di classe”: gente che guarda con superciliosa sufficienza i fermenti di piazza contro il green pass come se la critica alla gestione politica e sanitaria delle pandemia fosse una scaramuccia da retroguardia da lasciare in regime di concessione alle destre; fanatici del benaltrismo impegnati a istituire gerarchie di temi e mobilitazioni più elevati e degni di vivere e morire per essi.

Ma anche superstiziosi osservanti della scienza e del progresso che hanno offerto loro l’illusione della salvezza vaccinale, persuasi della opportunità di sospendere l’esercizio della critica, dell’opposizione e pure della creatività politica visionaria, in attesa realistica che passi ‘a nuttata per poi riprendere con più lena, probabilmente favorita dal ripetersi di demiurgiche somministrazioni.

Sono questi ultimi i nemici in casa  più pericolosi, premi Nobel, collaboratori e lettori del Manifesto, qualcuno di loro tentato dalla firma in calce al primo appello della storia  a aver chiamato a raccolta intellettuali e pensatori, chiosatori di Carl  Schmitt, in difesa di un governo che aveva introdotto uno stato di eccezione e ora del successivo che l’ha peggiorato dando luogo a  una perenne condizione di emergenza apocalittica e millenaristica.

A ben vedere sono poi gli stessi che si riconoscono, ed è comprensibile, in analisi, diagnosi e conclusioni profonde a proposito del “futuro” per quel poco di domani che l’ideologia dominante concede di immaginare a noi mortali, costretti a interessarci solo del presente tutelato dal dominio della farmacopea.

In sostanza il loro credo, che sarebbe troppo spregiudicato liquidare come post-marxista o assoggettato all’ideologia neoliberista, li convince che il capitalismo sia implacabile, irresistibile e incontrastabile, dando ragione alla signora di ferro che tradusse questa condanna in uno slogan, Tina, per dire che non esiste alternativa possibile. E persuasi che il corollario inevitabile: benessere, successi del progresso, della scienza e della tecnica,   la sua potenza civilizzatrice, rendano impossibile costituire i presupposti per rovesciare il tavolo, per la creazione di un blocco sociale antagonista e ancora peggio, per la produzione di un pensiero eretico e contrastante.

Tanto che l’unica prospettiva liberatoria che ci consegnano consiste nell’auspicare il suicidio del sistema, nella sua implosione causata dalle sue stesse contraddizioni, dai guasti insanabili della finanziarizzazione, che applica gli insensati modelli perdenti della illimitatezza delle risorse alla spirale apparentemente infinita della fabbricazione e circolazione di prodotti finanziari, o dell’impossibilità di controllare il determinismo tecnologico.

L’ideologia dell’accettazione di un dominio al quale si attribuisce una evidente superiorità, quello occidentale,  ha talmente posseduto menti e immaginario dei nostri pensatori da convincerli che il successo dell’economia cinese, tanto per fare un esempio, dipenda unicamente dal suo carattere autocratico che elimina gli ostacoli, i lacci e laccioli propri dei sistemi democratici, fino a ritenere che si debba a questa “carenza di democrazia” la vittoria sul virus, che a noi non sarebbe permessa per via dell’osservanza di regole, prerogative, garanzie e diritti costituzionali.

È questa la religione concessa all’uomo economico, quella i cui dogmi, imposti dal capitale e dal mercato sono promossi a leggi naturali, sicchè la critica e il dubbio diventano eresie che meritano tutta l’esuberanza di aggettivi sparsi in questi mesi, irresponsabili, egoistici, insensati, farneticanti, demenziali, scriteriati.

Così non stupisce che la sinistra di classe (ma esiste ancora fuori dalle riviste, dagli atenei, dalle case editrici?) fin dall’irruzione nella nostra esistenza e nella nostra percezione della pandemia, si sia perlopiù limitata a cogliere il rapporto di dipendenza della dissipatezza suicida del capitalismo nei confronti dell’ambiente. Anche il mantra “nulla sarà come prima” ha perso ogni vigore, dando spazio al ragionevole compromesso di rinviare ogni rivendicazione anti-sistema alla conclusione dell’emergenza sanitaria, quando sarebbe tornato attuale fare i conti con l’emergenza sociale.

Una volta fermenti rivoluzionari, moti antagonistici e di riscatto avevano alla loro guida avanguardie intellettuali, figli della borghesia illuminata che si erano mischiati con èlite operaie. Non vale la pena di sprecare banalità sulla fine della borghesia sostituita da un brodo di nuovo sottoproletariato e di società signorile di massa che ha quattrini sufficienti per abbonarsi a Netflix, o sulla rarefazione del movimento operaio del quale pare non meritino di far parte precari, partite Iva, rider e part time, insieme a quella classe “creativa” imperscrutabile e non identificabile delle professioni  legate alla digitalizzazione.

Certo è che se davvero si può sperare nella costituzione di un blocco sociale di opposizione, di vinti che vogliono vincere con la forza delle proprie visioni di liberazione, beh allora sarà meglio che faccia a meno della guida di intelligenze ormai dominate dall’ideologia totalitaria del neoliberismo,che non escono dalla tana calda delle università, delle edizioni per pochi, delle consulenze di filosofia aziendale, dalle cucce per cagnolini sapienti.

Exit mobile version