Site icon il Simplicissimus

Le parole degli altri: il nuovo ordine secondo Ulrich Mies

Ogni tanto mi  piacerebbe scatenare la penna contro quelle “pelli di zigrino” che fanno dei cosiddetti vaccini (in realtà sono preparati genici) un talismano per la loro povertà morale e intellettuale e  per tutti quei dipendenti della pubblica amministrazione assunti in quota politica che essendo ormai dei puri nullafacenti beneficati dalla pandemia, sono diventati dei troll vaccinali, alcuni perché proprio non hanno la testa, altri per farsi belli agli occhi dei capi, altri ancora su suggerimento esplicito degli stessi. I servi sciocchi non mancano mai, sono anzi la materia umana in assoluto più abbondante e dunque senza valore. Ma mi sono reso contro che non ci sono armi efficaci contro la stupidità e la malafede due caratteristiche che messe insieme, diventano invincibili: costoro sono come la falange macedone, invincibile se presa frontalmente, ma inerme se presa di fianco come fecero i Romani a Cinocefale. Perciò mi sono risolto a pubblicare un intervento del politologo  Ullrich Mies sul  nuovo ordine avanzante che mi sembra un buon tema di riflessione.

“Dopo 16 mesi di terrore da coronavirus è chiaro agli osservatori critici: siamo bloccati in una gigantesca pandemia di menzogne, nel mezzo di un’operazione di guerra psicologica orchestrata a livello transnazionale contro i popoli. Poco dopo la dichiarazione della cosiddetta pandemia, le contraddizioni, le misure arbitrarie e la violazione permanente della legge sono diventate evidenti. E qualche mese dopo le seguenti misure e attività dei governi avrebbero dovuto far riflettere tutti:

La crisi pandemica è la continuazione perfetta del terrore con altri mezzi. L’obiettivo  è sempre stato quello di temere la popolazione generale sotto controllo. Il terrore auto prodotto dal sistema inizia già negli anni ’60 e ’70  con l’Italia come laboratorio, abbiamo Monaco nel 1972 e Bologna nell’agosto 1980. Da allora ci sono stati attacchi a Londra, Madrid, Amsterdam, Oslo, Parigi, Bruxelles, Nizza, al Maidan/Ucraina,  Berlino e Hanau. Gli attacchi rimangono per lo più irrisolti e si perdono nell’oscurità  delle operazioni dei servizi segreti e della polizia segreta di stato. Tutti gli attacchi riguardavano la strategia della tensione, la produzione di paura in Europa, ma anche nel mondo. Poi è arrivato l’11 settembre e la produzione di paura si è delineata come guerra al terrore islamico e poiché la paura si era ampiamente placata alla fine del 2019, è stata necessaria una nuova grande offensiva, che si è svolta dal febbraio 2020 con il COVID-19 come una “guerra all’infezione” .

Chi sono gli autori? Sono i globalisti e la loro complessa architettura di governo. Sono costituiti da big money, ovvero i ricchi e super ricchi, oligarchi e plutocrati, le agenzie di raccolta di capitali come BlackRock , Vanguard & Co., Big Corporations, tra gli altri Big Data, Big Pharma e Big Tech, i militari- il complesso della sicurezza industriale, i servizi segreti, le agenzie di propaganda e di pubbliche relazioni, i conglomerati dei media aziendali – tutti hanno innumerevoli gruppi di pressione mentre i governi sono divenuti niente altro che organi esecutivi di queste visioni. Il nuovo mezzo di dominio dei globalisti è una dittatura sanitaria basata su un regime di infezione che può essere attivato in qualsiasi momento. Ieri COVID-19, oggi variante Delta, domani mutante Omega, dopodomani attacco “Biological Warfare”: i globalisti vogliono bloccare il ritorno a qualsiasi forma di vita che abbia a che fare con la “normalità”. Dopo la precedente distruzione dell’economia e della società, questo comunque non è più possibile così essi alimenteranno e ingrasseranno il loro regime di infezione con politici corrotti, scienziati, agenzie di pubbliche relazioni, media al potere e mercenari di propaganda per tutto il tempo necessario per attuare il loro desiderato Nuovo Ordine.

La grande preoccupazione della politica per la “salute pubblica” è la cosa più menzognera della storia umana. In nessun momento nel mondo ci sono stati sforzi coordinati per combattere i veri killer della popolazione su scala pandemica che accompagnano da decenni i paesi industrializzati: malattie cardiovascolari, diabete, sovrappeso e obesità, cancro e depressione. Milioni di persone muoiono prematuramente a causa di queste malattie legate allo stile di vita Eppure tutte queste malattie  non potrebbero nemmeno avvicinarsi a delineare  le misure dittatoriali che stiamo vivendo oggi con questa pandemia inventata. Questo non esisterebbe nemmeno se l’ OMS non avesse cambiato la definizione di pandemia nel 2009. Ciò significa che ha lavorato per la pandemia da 10 anni!

Il coronavirus è – come lo definì il principe Filippo d’Inghilterra, fan del Word economic forum – la “finestra di opportunità” e quindi nient’altro che uno scenario di uscita, cambio e distruzione. I globalisti si sono resi conto che non potevano più continuare con il loro vecchio modello di capitalismo e avrebbero sbattuto il pianeta contro il muro. Coronavirus è ora il nome del nuovo modello di business di transizione fino a quando, con il “Grande Reset” e la “Quarta Rivoluzione Industriale”, sono arrivati ​​dove vogliono davvero essere: il “Nuovo Ordine Mondiale” o “Un solo Ordine Mondiale” E in questo Nuovo Ordine Mondiale, le vecchie cricche che ora si nascondono dietro l’ideologia della protezione della salute e presto passeranno a quella del clima. Non gliene frega niente della democrazia, e infatti l’hanno già buttata nella spazzatura della storia.

Al più tardi da febbraio 2020, abbiamo a che fare con una pandemia di un tipo speciale in Occidente, con una piaga politico-mediatica. Questa grave malattia politica strutturale segna la fase finale del capitalismo catastrofico occidentale e la transizione verso un nuovo regime di profitto capitalista. I governi stanno aprendo la strada a questo come palle da demolizione della democrazia, mentre i media sono degenerato in un ‘industria dell’idiozia. Hannah Arendt ha detto: “Nessuno ha il diritto di obbedire”. La maggioranza ora ovviamente si sottomette all’ingiustizia prescritta e si sente sicura nell’obbedienza autoinflitta. Qui la storia si ripete come tragedia. Le masse timorose sviluppano anche una disgustosa mentalità da informatore e considerano i non vaccinati come nemici, o almeno li considerano “sgradevoli”. Non si tratta di ragione, non di argomenti: l’obbedienza è richiesta.  La paura e lo stato di emergenza dovrebbero essere permanentemente impressi nella coscienza profonda delle persone e la gente dovrebbe abituarsi alla sospensione delle costituzioni, dei diritti civili e delle  libertà fondamentali. 

La maggioranza si sottomette, aspetta la misericordia dall’alto e prende gli ‘ordini del giorno dalla televisione; non facciamoci illusioni, per la maggioranza la democrazia non è mai stata altro che un bene di consumo e questo articolo è già scomparso dal segmento dell’offerta. Il consumo politico forzato prescritto è ora chiamato: Stato di sorveglianza totalitario, Centralizzazione e Governo globale.

I veri attori sulla scena mondiale sono i gestori di capitali e le raccolte fondi grandi e piccole, che hanno l’incredibile potere di investimento e corruzione di ben oltre 100 trilioni di dollari: questi sono i veri centri di potere mentre i politici  eseguono la distribuzione della ricchezza dal basso verso l’alto e il saccheggio dei beni statali. Con il blocco come strategia shock, l’industria finanziaria vuole portare tutti gli stati nel debito totale e immergere le future generazioni nella schiavitù del  debito. E dopo il virus scoprirete la  grande preoccupazione per l’ambiente e il clima. Non gliene è fregato un cazzo dell’ambiente per 50 anni: la preoccupazione per l’ambiente e il clima ha l’unico scopo di imporre il loro centralismo senza democrazia.

Permettetemi di dire cosa invece vorrei che fossero le cose: dissoluzione delle lobby corruttive, scioglimento dei servizi segreti, almeno la loro massiccia riduzione, risoluzione di tutti i contratti con l’avvocatura internazionale e l’industria della consulenza che da decenni scrivono leggi contro gli interessi della popolazione, rinascita dell’Unione europea come “Europa dei popoli”, non come economia aziendale e élite di potere, dissoluzione della Nato, uscita dalla Banca Mondiale e  Fmi come inizio per il ridimensionamento della finanza internazionale, punizione dei responsabili della vicenda coronavirus e di coloro che hanno violato le costituzioni, nuova concezione della separazione dei poteri, completa riorganizzazione dei media, con  subordinazione al controllo democratico popolare”.

 

 

Exit mobile version