Site icon il Simplicissimus

Fumo degli occhi

Annunci

Lo spaventoso declino della scuola lo si vede dal fatto che non soltanto vi è bandita ogni educazione al pensiero critico, ma anche per il motivo  che essa non si riferisce più alla solida architettura culturale del passato, ma nemmeno ai temi e ai problemi del presente. Non immaginavo che in questo Paese ci fosse questa sorta di adorazione della scienza visto tra l’altro che per sciocca convenzione l’intrattenimento popolare ostenta un insano menefreghismo nei confronti della matematica o del sapere scientifico. Ma andando a vedere dentro questa improvviso e improvvisato amore scientifico da pandemia, si scopre che pochissimi  hanno un’idea di cosa sia la scienza e di come funzioni la ricerca. altrimenti non verrebbero scritte e dette stratosferiche cazzate ad ogni minuto secondo. Ma se la scienza è così importante perché la scuola non fornisce nemmeno la più piccola idea di cosa sia il metodo scientifico e soprattutto di  di come esso si incarni e si innervi nel tempo presente, invece di sfornare solo sapere cristallizzato ? 

Così si deve assistera alla penosa e ignorante trenodia dei covidici che tutte le volte nelle quali si dà un dato qualsiasi e soprattutto sui decessi dopo il vaccino subito dicono che non è provata la correlazione. Già questa è una solenne idiozia perché la correlazione temporale è evidente, vaccino → decesso e semmai c’è da capire se questa correlazione sia significativa oppure soltanto inconsistente, se insomma ci sia un nesso di causa ed effetto oppure no. Ma siccome viene sempre usato nel linguaggio tecno – mediatico correlazione ( probabilmente confondendo l’uso che se ne fa in matematica economica, ossia variazione di una variabile in funzione di un’altra) , ecco che anche i responsabili della sanità pandemica si fanno scudo di questa parola  dietro la quale si intuisce una lunga coda di paglia. In realtà sarebbe molto difficile per non dire impossibile provare che un decesso dopo il vaccino sia da attribuirsi all’iniezione o ad altre cause, solo  il metodo statistico può dare delle indicazioni. Tutti noi sappiamo che il fumo fa male compresi i più accaniti fumatori, ma non è possibile provare che una singola persona sia morta a causa delle conseguenze del fumo tanto che la battaglia scientifica sul fumo di tabacco è andata avanti 15 anni: sappiamo però una volta cercati e aggregati i dati che i fumatori hanno il 52% in più di contrarre il cancro ai polmoni e diverse altri tipi di tumori sebbene in percentuale più bassa. Ed è solo per questo che possiamo dire che il fumo provoca il cancro ai polmoni, magari con l’aiuto delle inquinamento e delle polveri sottili. Ora 6000 morti dopo il vaccino in Europa, oltre 700 in Gran Bretagna, quasi 4000 in Usa e cosi andare oltre a centinaia di migliaia di reazioni avverse ( e si tratta solo di casi segnalati quindi probabilmente molto inferiori al reale)  non possono essere semplicemente considerate delle coincidenza senza significato, una pura casualità magari opponendo l’argomento, ah ma era così vecchio e malato che poteva morire da un momento all’altro, oppure dicendo muoiono tot anziani ogni giorno, ma non possiamo dare la colpa alla vaccinazione antinfluenzale. A parte che probabilmente la cosa non è mai stata studiata a fondo visto il danno che ne deriverebbe a Big Pharma in caso si riscontrasse una qualche connessione, ma che senso ha suggerire che se un vaccino non ha conseguenze accertate e studiate  allora nessuno può averne? Tanto più che qui parliamo di vaccini sperimentali con meccanismi di azione radicalmente differenti da quelli finora utilizzati.  

Uno che dice una stronzata del genere ( e in Italia c’è stato chi lo ha fatto) dovrebbe essere preso per le orecchie e messo a fare il posteggiatore, altro che il luminare, ma la stragrande massa degli italiani nemmeno si accorge delle enormità che vengono dette semplicemente perché manca della cultura di base per accorgersene . E che dimostrano una sola cosa: una sanità e una medicina legata al profitto non ha assolutamente interesse di curare,  perché vive di malattia. 

Exit mobile version