Site icon il Simplicissimus

Strangolamento lento

Annunci

Dopo che stavamo tutti per morire adesso si vuole riaprire ogni cosa dal 3 dicembre affinché tutti rivivano per un po’ , magari perché il virus più capriccioso della storia ha deciso di prendersi la settimana bianca e quindi si chiudono le stazioni sciistiche. E poi terza ondata. Se qualcuno si stupisce di questa insensatezza delle misure, delle contraddizioni e dei contrordini allora dovrebbe cominciare ad aprire gli occhi e rendersi conto che la narrazione pandemica è tutta basata su una falsa equazione, ovvero quella tra positivi al test Pcr e malati. Ma non è affatto così, questi test sono del tutto fuorvianti ( vedi Manuale di difesa: il raggiro dei tamponi spiegato bene) ma possono essere facilmente gestiti per aumentare a dismisura i cosiddetti infettati dando alla pandemia dei numeri del tutto fasulli. E non solo, ma servono anche ad aumentare artatamente il numero dei decessi per Covid, La causa di morte era definita dallo stesso Oms“la malattia o la lesione che ha avviato il treno di eventi che hanno portato direttamente alla morte” ma ora tutto è cambiato e le istruzioni ufficiale del Cdc americano  e degli analoghi presidi di moltissimi altri Paesi soprattutto occidentali sono di pompare l’epidemia : “ci si aspetta che le regole per la codifica e la selezione della causa facciano sì che il Covid 19 sia la causa principale il più delle volte”. E se non ci credete leggetevi questo agghiacciante documento ufficiale dell’Istituto di statistica sanitaria americano:  in soldoni vuol, dire che se prima avevate un cancro terminale e un virus o un germe qualsiasi vi davano il colpo di grazia eravate morti per cancro. Ora se il malato terminale è positivo al test è morto di Covid, punto e basta.

Ora è fin troppo chiaro che l’uso improprio dei test e il ribaltamento dei protocolli usati fino a un anno fa per stabilire le cause della morte non sono frutto di errori o di fraintendimento sono frutto di una strategia intenzionale da parte dei governi – supportati dai media dominanti e da consigli scientifici prostituiti ai profitti dell’industria sanitaria – per giustificare misure eccessive e assurde, per forzare la caduta dei diritti costituzionali, negare in via definitiva la libertà di parola e accelerare la distruzione di larghi settori di economia renitenti alla concentrazione globale e multinazionale con il pretesto di una pandemia basata su una serie di test Pcr positivi, e non su un numero reale di pazienti e di malati. La morte però deve essere veloce, ma non può  essere immediata per ragioni di contabilità e ordine pubblico. Così la pandemia procede a fisarmonica: si strangola per un po’ e si allenta il laccio perché la vittima tiri un po’ il fiato, poi si stringe di nuovo e così via fino al decesso finale, naturalmente segnalato come morte dell’economia da Covid. Purtroppo trent’anni di distruzione della cultura politica oltre che della cultura tout court rendono quasi impossibile suscitare una reazione efficace delle vittime e addirittura proprio la aree più critiche nei confronti del sistema sono quelle che sono cascate mani e piedi in questa narrazione.

La situazione è tale che contestare in maniera scientifica e incontrovertibile la pandemia diventa negazionismo e intravvedervi uno scopo che non ha niente di sanitario, a parte i giganteschi affari sui vaccini non sperimentati, diventa complottismo: possibile che nessuno sappia che è stato proprio Klaus Schwab, fondatore e direttore esecutivo del World Economic Forum ad pubblicare a luglio un libro complottista: Covid 19 il grande Reset” ( se volete leggerlo potete scaricarvelo da qui ) in cui la pandemia viene vista un’occasione imperdibile per far sì  “le aziende private diventino custodi della società” e per varare progetti strategici per promuovere organismi geneticamente modificati , proteine ​​prodotte in laboratorio che già si sono rivelate fallimentari, e prodotti farmaceutici e chimici industriali come soluzioni sostenibili per problemi di dieta e salute, ma anche  partenariati che includono i più grandi attori nella raccolta di dati, telecomunicazioni, produzione di armi, finanza, prodotti farmaceutici, biotecnologia e industria alimentare. Basta leggere. E vediamo benissimo come in questi mesi si sia realizzata per intero l’alleanza tra Big Pharma e Big Tech, producendo una soffocante censura. Del resto sono ormai parecchi anni che un’epidemia viene invocata come chock per un cambiamento che in situazioni normali non si potrebbe ottenere. Ma non c’è bisogno di aspettare che ci sia una vera e terribile pandemia, basta semplicemente evocarla mediaticamente, perché ormai la vera realtà in cui si vive è la narrazione , mentre la realtà sottostante è solo un’ipotesi.

Exit mobile version