Site icon il Simplicissimus

Tutto sta andando a Bilderberg

tumblr_m3j1ik0icJ1rt47g5o1_1280La riunione del Bilderberg si è chiusa nel più assoluto silenzio, con i partecipanti che hanno fatto di tutto, anche ricorrendo a trucchi grottesci  per evitare domande e risposte, persino quelle più semplici e ingenue, che palesemente non sanno dare o non possono dare essendo distruttive anche per opinioni pubbliche allevate come polli da consumo. Quelle a cui si può dar da bere – faccio un esempio italiano – che il pil è aumentato mentre tutti i consumi energetici sono diminuiti. Ma del resto c’era da immaginarselo che questa volta anche i narcisisti più interperanti non avrebbero spezzato la catema del silenzio  perché le cose sono arrivate a un punto di non ritorno, a un degrado che viene soltanto nascosto dalle statistiche ufficiali, dalle econometrie di comodo buone per gli allocchi. Per esempio gli Usa hanno avuto sulla carta la crescita più lunga della storia e allo stesso tempo anche la più debole pur senza fare la tara delle manipolazioni numeriche: 96 mesi alla fine dei quali si scopre che gli indici azionari sono 24 volte magiori degli utili reali, sancendo la definitiva trasformazione in casinò dei mercati, anche se a dire il vero nelle case da gioco gli squilibri sono inferiori.

Tuttavia se Wall Street, naviga in un mondo di pura fantasia tra mille bolle pronte a scoppiare, Main Street soffre e non poco perché gran parte degli utili reali così inferiori alle quotazioni è passato dal lavoro al capitale, ovvero dai poveri ai ricchi e questo ormai non può più essere nascosto con le acrobazie numeriche: nonostante i tassi al minimo si sta cominciando a vedere il tracollo del debito studenti, dei prestiti per le auto, di nuovo dei mutui casa che trascinano con sé anche quello della vendita al dettaglio: dal dicembre del 2015 c’è stata una riduzione complessiva di 1 milione e 400 mila posti nel settore, mentre la grande distribuzione fa registrare cali del 50% in termini reali (30% in valore nominale) rispetto al periodo pre crisi, (una caduta del 15% solo l’anno scorso) sebbene circa il 20% delle famiglie grazie alla polarizzazione del debito e alla disguglianza galoppante abbia potuto spendere un po’ più di prima. Insomma, la politica del debito facile necessaria a mantenete in piedi la fatiscente baracca, non può più artificialmente tenere alti i consumi:  il Financial Times annuncia che gli americani hanno oltre 1000 miliardi debito solo sulle carte di credito, le aziende 7,8 mila miliardi e che il debito complessivo pubblico e privato è arrivato al 350% del Pil.

In queste condizioni, basta un soffio per far crollare il castello di carte e far scoppiare la bolla di Wall Street con effetti a catena perché le stesse politiche replicate in tutto l’occidente e imposte alle colonie hanno prodotto un debito globale  che assomma a 225.000.000.000.000 miliardi di dollari (225 mila miliardi, ma scritto in numero si rende meglio l’idea dell’enormità). Perciò al Bilderberg si tace, perché sta diventando sempre più chiaro che questi debiti non potranno mai essere ripagati e che gli esiti futuri sono soltanto due: un nuovo schiavismo generalizzato e collegato a forme feudal aziendali senza stato, diritti e libertà oppure la fine ingloriosa e drammatica del neoliberismo politico che ha creato le oligarchie e combattutto la democrazia con l’ovvia caduta delle elites responsabili e della loro ideologia. Insomma una lunga stagione di lotte o di atonia della civiltà i cui esiti sono indecifrabili. Ma c’è una terza ipotesi, un’uscita di emergenza forse più semplice nel suo orrore che sembra attrarre i ceti di comando e che probabilmente si riverbera e promana dai think tank liberisti e globalisti, ovvero la guerra che permetterebbe di azzerare molte situazioni e di ricominciare il gioco da una posizione di forza o così pensano i magnati che non sanno pensare. Non si tratta di un piano o di un programma e nemmeno di un’intezione, ma semplicemente di una disponibilità e di una tentazione ad accettare il peggio per l’umanità nel tentativo di preservare il meglio per loro: da qui nasce l’incoscienza dal va o la spacca nel buttarsi in avventure che al di là di ogni precauzione possibile possono dar fuoco alle polveri, come dimostra tutto il vaniloquio sulla necessità di far rientrare la Russia nel nuovo ordine mondale.

Ma tutto questo non si può nemmeno accennare pubblicamente, il Bilderberg tace ancora più di prima non facendo trapelare nulla di cosa si sia detto, di come le elites si trovino da dover misurare i sentieri interrotti in cui si sta tramutando l’autostrada liberista.

Exit mobile version