il Simplicissimus

La crisi dei pensierounisti comincia dalla Nato

Annunci

wagenknechtSi può capire benissimo come una sinistra ridotta a fare solo crossdressing rispetto alla destra con le pezze del politicamente corretto, continui nello sterile esercizio di demonizzare Trump, non rendendosi conto che la sua elezione costituisce un cambiamento che va ben oltre la personalità e o le idee dell’uomo in sé, del tycoon conservatore, qualcosa che andrebbe analizzato, compreso e sfruttato se solo lo si volesse fare, se solo si volesse usare lo spazio che si è aperto dentro una situazione in cui il vero nuovo è il declino del vecchio. Sta di fatto che a pochi giorni dal suo insediamento ci sono segnali inequivocabili di progressiva liberazione dai paradigmi quarantennali che hanno quasi distrutto la democrazia. Uno di questi segnali viene dagli Usa dove Bernie Sanders, il candidato della sinistra fatto fuori dalla Clinton con ignobili trucchetti che si è tentato di nascondere dietro il paravento della campagna anti Russia, ha conquisto un’ampia maggioranza di delegati nel partito democratico della California, nell’ambito di un programma volto a trasformare radicalmente il volto dei democratici americani. E non è cosa da poco visto che la California è lo stato più abitato degli Usa ed è anche l’unico che ha dato ad Hillary Clinton quella prevalenza nel voto popolare che tanto viene citata. Dunque la vittoria di Sanders, nonostante la massiccia mobilitazione degli obamiani, costituisce  un forte segnale  che con tutta probabilità verrà ribadito anche in altri stati chiave e contribuirà a spezzare il bipartitismo obbligato e politicamente privo di senso che ha congelato nell’imperialismo più sfacciato e ipocrita tutta la politica americana.

Ma c’è di più, uno dei leader più in vista della Linke tedesca, Sahra Wagenknecht non si è fatta scappare l’occasione di dire che la Nato è “un’organizzazione anacronistica, che dovrebbe essere sciolta e sostituita da un sistema di sicurezza collettiva che comprenda anche la Russia”. Non è certo la stessa cosa che dice Trump, ma insomma la soffocante cappa di pensiero unico si va sfaldando persino in un’Europa che tramite il suo parlamento da paghi 2 e prendi 3 ha decretato l’oscuramento dei media russi o vicini a Mosca contro ogni principio di libertà di espressione e di stampa che vuole pretendere di insegnare agli altri. Si tratta comunque di un’affermazione che non si era mai sentita in Germania da parte di un membro del Parlamento per di più sorvegliato per anni dai servizi segreti della Nato stessa, fin dal lontano ’56, anno nel quale la Corte costituzionale mise al bando il partito comunista, cosa che invece, significativamente, non è  accaduta con i neonazisti il 19 gennaio scorso con la stravagante motivazione che “perseguono obiettivi anticostituzionali, ma non ci sono elementi concreti tali da suggerire che l’azione del partito possa avere successo”.

 

 

 

Exit mobile version