Site icon il Simplicissimus

La Margherita sfodera il rosario di Brenno

corona-del-rosario_2566959Persino l’organizzazione di un convegno del partito socialista europeo rischia di spaccare il Pd. Si, quel partito guidato da Martin Schulz (il famoso kapò di Berlusconi) socialdemocratico e amico personale della Merkel che lo vuole tutti i costi presidente della Commissione Ue. Non appena si è diffusa la notizia ecco che i cattolici da sacrestia e soprattutto da questua continua si ribellano: Castagnetti tira fuori la testa dalla madia delle nullità margheritine e mette sulla bilancia il rosario di Brenno: «Non mi pare che il Pd abbia mai deliberato di aderire al Pse». Quasi in contemporanea quello statista di Fico Fioroni ammonisce «Chi lo ha deciso, quando e dove? È una mutazione genetica, un blitz pericoloso e grave, con il quale viene meno l’atto fondativo del Pd. Il partito di centrosinistra diventa di sinistra, errore gravissimo. Allora è annullato anche lo scioglimento della Margherita»

Non c’è dubbio che Fioroni abbia gravi difficoltà di orientamento tanto che persino Schulz o Fassina gli paiono di sinistra, ma non è del numero di neuroni di questo signore che occorre occuparsi, quanto del ricatto continuo che la pattuglia di catto reazionari travestiti, esercita ad ogni minimo movimento del Pd. Senza il quale, tra parentesi sarebbero quattro gatti nel ghetto di Casini, intenti a santificare le loro famiglie allargate, colf e badanti comprese. Però immaginiamoci quale tasso di socialdemocrazia possa venire da un partito che rischia la spaccatura persino per l’organizzazione di un convegno: di un altro partito, è vero, ma comunque guidato da europeisti di provata fede finanziaria e berlinese che si sono fatti complici e artefici dei massacri sociali.

Perciò l’unica risposta razionale, sarebbe: “Accomodatevi”. Basterebbero queste 12 lettere per veder impallidire i biancofiore che hanno trovato una comoda lettiga elettorale del Pd per colpa di dalemoni e compagnia. Se davvero tornassero alla Margherita pochi di loro troverebbero ancora posto sui comodi scranni parlamentari. Invece saranno gli altri a cagarsi sotto in attesa che Renzi si impadronisca del partito trasformandolo da pd in dc e probabilmente sognando di arrivare a metterci una dabliu che fa tanto americano.

Exit mobile version