Annunci

Le candele votive accese a Berlino

candele-acceseC’è da rabbrividire a leggere certi quotidiani nostrani che sulla sola base dell’incidente dei liberali, fuori dal Parlamento tedesco, vaneggiano di una Merkel condizionata a sinistra e quindi di una possibile svolta europea. Da rabbrividire perché la politica estera viene affidata a persone che non la seguono e che non sanno come Spd e Verdi abbiano votato tutto ciò che la Merkel ha proposto e che, almeno al Senato, la maggioranza di Angela era in minoranza da tempo a causa delle elezioni regionali che cambiano la composizione dell’assemblea. Da  darsi pizziccotti per accertarsi di essere svegli e di non sognare, perché é proprio il Senato ad avere competenza nelle questioni che riguardano l’Unione europea, con i risultati che sappiamo.

Ma i brividi vengono soprattutto perché dietro tutto questo si scorge un Paese che non ha la forza di opporre la minima resistenza alla deriva presa dall’Europa e arriva a sperare che sia proprio il massimo sponsor dell’austerità a cavarci in qualche modo dai guai. Siamo ormai all’iper irrealismo perché è evidente che la vittoria tutta personale della cancelliera condizionerà qualsiasi eventuale alleato anche più di quanto non accadesse prima. E gli unici che non vorranno adeguarsi sono proprio gli antieuro cresciuti a sorpresa quasi al 5%: se qualcosa cambierà sarà proprio in quella direzione sempre più in crescita, nonostante il Parlamento sia sfuggito per qualche decimo.

Questo senza dire che la disfatta dei socialdemocratici e dei Verdi è dovuta in gran parte alle astensioni degli elettori più a sinistra, stanchi di appiattimenti sulla Merkel, tanto da rendere questo tipo opposizione complice e/o superflua. Una ennesima lezione per il Pd che di questo passo rischia di prendere una batosta non da una cancelliera di ferro che ha perseguito con tetragona ostinazione gli interessi tedeschi del momento, ma dal morto che cammina Berlusconi. Certo è difficile che ci facciano un pensiero visto che già Napolitano ha detto che la Merkel rafforza l’Europa e si sa Napolitano non si tocca. Ci tocchiamo noi, semmai.

Dire che proprio oggi il Financial Times pubblica un documento contro l’austerità firmato da molti economisti di rilievo europei e promosso dagli italiani Brancaccio e Realfonzo : si mostra come le previsioni nere fatte nel 2010 e sottoscritte da 300 economisti si siano puntualmente realizzate. Si invoca l’addio a politiche rivelatesi nefaste, quelle stesse accettate senza riserve dal nostro sistema politico tutto teso a ubbidire senza fiatare e a vendere stravaganti verità ai cittadini nella speranza che essi non si accorgano di essere eterodiretti. Con un Pd che un giorno acclama Renzi e l’altro Letta in una furibonda ricerca di una strada maestra per l’auto perpetuazione. .

Ma di questi italiani non si parla sui media, né raccolgono l’attenzione dei vegliardi della Repubblica che preferiscono accendere impossibili candele votive.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Le candele votive accese a Berlino

  • Angelo Kinder

    I deliri di (Non-)E’u(n)genio Scalfari e sottoposti si commentano da soli tanto sono smentiti dai fatti del giorno stesso in cui vengono propagandati, come i cornetti alla crema pessima, i quali, dopo due ore che sono stati sfornati, si possono buttare.
    Come avevo modestamente paventato mesi fa, la Linke doveva morire e invece vive e vegeta. I voti veri a Sinistra sono rimasti a casa o sono andati alla Linke. Se avessimo una Sinistra anche in Italia, capirebbero la lezione che proviene da Berlino dove i signori impresentabili della SPD e i Gruenen almeno hanno il buon gusto di non spartirsi il potere con un guitto pluri-condannato miracolosamente a piede libero, mentre i nostri pidioti fischiettano facendo finta che loro non facevano i pali mentre quello svaligiava il caveau-Italia. Da noi hanno superato quella fase. Gioiscono alla vittoria della ‘Kanzerin’ feldmarescialla, e proseguono l’opera di demolizione dei diritti. Arriverà anche per loro il redde rationem e per i loro velinari che gli reggono il megafono (i quali peraltro perdono migliaia di copie al giorno), pencolanti tra un berlusconiano (lettino il comodino) e un berluschino (renzino il paraculino). Ma stavolta Napisan non li potrà più mondare e disinfettare.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: