Site icon il Simplicissimus

Porka Troika, ma meglio non dirlo in tv

Annunci

Chiude la televisione pubblica greca. Per risparmiare dice il governo e lasciare senza lavoro 2800 persone, per ubbidire alla troika e mettere in piedi un marchingegno legislativo che servirà a privatizzare ciò che resta del Paese a favore degli squali che già da due anni nuotano famelici nell’egeo. Si possono avere occhi e orecchie foderati di prosciutto, ma  quest’ultimo stazione nella via crucis della Grecia è l’incontrovertibile dimostrazione che i diktat che hanno travolto il Paese avevano sì lo scopo di togliere le castagne dal fuoco delle banche tedesche e francesi, avevano certo l’intento di non far spendere un quattrino alla Germania, erano senza dubbio costruiti per favorire la speculazione sui titoli, ma avevano al cuore uno scopo politico: distruggere lo stato, il welfare e i diritti, preparare il terreno per una privatizzazione integrale.

Un esperimento di cui i greci si sono trovati a fare da cavia e la cui natura appare del tutto evidente nel comportamento della troika e soprattutto del Fondo monetario internazionale che da una parte ha completamente rinnegato le politiche di austerity dichiarandole sbagliate e controproducenti, salvo però continuare ad imporle ad Atene come del resto negli altri Paesi in crisi. Delle due l’una: o ci troviamo di fronte a gruppi dirigenti completamente impazziti oppure le ricette proposte con ottusa pervicacia hanno scopi diversi da quelli puramente economici e contabili che vengono dati in pasto alle opinioni pubbliche. E del resto un riflesso di tutto questo balugina anche da noi, dove ormai si lega la politica dell’asuterità a una riforma costituzionale in senso più autoritario.

Il disegno è reso ancor più evidente dalla scelta del governo filotroika di Atene e suggerita a Bruxelles di cancellare la radio televisione pubblica dove tutti avevano comunque un diritto di tribuna: l’informazione è il terreno vincente dell’operazione. Si elimina un concorrente, si lascia la televisione e la radio totalmente in balia di privati che come è noto non soltanto sono facilmente condizionabili dal potere finanziario, ma mostrano intrecci a doppio filo  tra appaltatori e fornitori pubblici, secondo un modello “mediterraneo” di conflitto di interessi. E infine si favorisce la creazione di qualche network multinazionale orientato a sedare la protesta e a magnificare le sorti progressive della Grecia  in mano ai suoi strozzini e ai loro bravi governativi. Tanto “bravi” in senso manzoniano che lo stesso amministratore della tv pubblica, ha denunciato la propria cattiva amministrazione pur di favorire lo smantellamento.

Così la Grecia rischia di diventare l’unico Paese non solo nel continente, ma probabilmente nel mondo intero,  senza alcuna rete informativa pubblica.  E’ questo che intendono Letta, Napolitano e vegliardi vari della pampers society italiana quando dicono che ci vuole più Europa? Proprio questa Europa che sta diventando arsenico per la democrazia a causa del tralignamento verso il pensiero unico e gli egoismi nazionali? Se rispondete in cattiva fede sarete sorteggiati per partecipare ad “Amici” , altrimenti arrangiatevi.

Exit mobile version