Site icon il Simplicissimus

Chutney di tangenti

Annunci

La corruzione è talmente penetrata dentro la società che ormai è difficile non sfiorarla, anche in televisione, anche davanti ai manicaretti veri o fasulli  ammanniti dal culinarismo dilagante. Si è scoperto che la vincitrice della seconda edizione di Masterchef italia, tale Tiziana Stefanelli è la moglie del di uno dei protagonisti dello scandalo di Finmeccanica. Sì, la consorte di Paolo Girasole, numero uno dell’azienda in India dal 2009 fino al marzo del 2012, L’intermediario svizzero Guido Haschke, regista della vicenda,  sostiene di aver consegnato all’alto dirigente una somma complessiva tra i 200 e i 220 mila euro “per tenerselo buono” ed evitare che mettesse becco nell’opera di corruzione per vendere gli elicotteri.

E anzi proprio la lunga permanenza in India avrebbe permesso alla Stefanelli, di professione avvocato, di impratichirsi nell’uso delle spezie che pare le abbia fruttato la vittoria. Tuttavia non solo di curry vive l’uomo e la signora, si occupava anche  di uno studio legale, la Stefanelli & Partners legato con una collaborazione esclusiva a uno studio indiano  O.P.Khaitan &Co tra i cui soci compare anche l’avvocato Gautam Khaitan, uno dei partner di Haschke e della sua squadra di corruttori. Ora di certo la signora sarà un’abilissima cuoca, ma è inutile negare che sulla sua vittoria, come in tante altre vicende italiane, si stende l’ombra delle spinte che possono aver dato l’influenza e il potere. Alle quali di certo non devono essere insensibili i severi giudici che ormai guadagnano milioni con il sudore delle pietanze.

Mi chiedo anche come venga fatto il casting e con quale criterio vengano selezionati i concorrenti, se ci sia dietro solo l’abilità ai fornelli o l’alchimia non sia di diverso genere. Ma in ogni caso ormai la corruzione è come il prezzemolo finisce in ogni piatto, direttamente, indirettamente, per contatto, per metafora, per parentela. E’ un tipico ingrediente dell’italian taste. E ormai c’è davvero da perdere l’appetito.

Exit mobile version