Annunci

Rivoluzioni in punta di pussy

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Premesso che Putin è uno zar cialtrone e feroce, e come tale poco illuminato, comunque affine più al terribile Ivan che a Caterina la Grande. Premesso che le tre squinzie hanno comunque un agente molto efficiente. Premesso che all’amico di Berlusconi e anche di Monti non importa nulla del dio degli ortodossi e nemmeno di quello degli altri. Premesso che invecchiando sono sempre più prudente nel seguire la lezione di Voltaire, ma che va sempre garantita la libertà di espressione soprattutto se cerca di esercitarsi contro i poteri costituiti, spesso anticostituzionali e sempre forti. Premesso che a volte la Siberia sarebbe un buen retiro consigliabile per una opportuna pedagogia e rieducazione, ad esempio del suddetto zar e dei suoi famigli, beneficati di letti e condotte di gas, malgrado anzi grazie alla pessima condotta. Premesso che comunque Siberia, gulag e galera sono comunque pene sproporzionate per brutte canzoni e abiti quanto mai punitivi di buon gusto ed eleganza.

Premesso tutto questo, ritengo sacrosanto e doveroso manifestare solidarietà per le tre ragazze tacciate di teppismo antireligioso, anche se l’entusiastico ritrovato laicismo – oltre alla sempre troppo poco esercitata militanza a fianco di chi manifesta contro più o meno esplicite tirannidi e più o meno cruente dittature, si dovrebbero esprimere anche in patria.
Ma d’altra parte è comprensibile che al nostro tempo e al nostro sdegno si addicano battaglie che mettono in gioco la visibilità più che la reputazione, le immagini più dei contenuti, la grancassa mediatica più della potenza dell’offesi.
In fondo le tre eroine si ambientano nelle nostre visioni contemporanee più opportunamente di Rosa Luxemburg, chè i martiri belli e dannati sono sempre più graditi di sgorbi intelligenti, ma meno piacenti, come avviene per via di quell’imbastardimento estetico di certi miti rivoluzionari e della preferenza per la satira che per la politica.

Ma siccome sono bacchettona non finirò di sentirmi oltraggiata dal risalto e dall’adesione esaltata attribuiti alle Pussy Riots nello stesso giorno nel quale è passato sotto un silenzio, gravido di minacce per l’umanità, l’eccidio di 30 minatori, vittime di una esecuzione amabilmente oscurata per non ferire i nostri occhi civili e wasp, per il nostro pensiero occidentale e democratico, che vuole persuadersi che l’apartheid, la repressione padronale della libertà, della dignità e dei diritti sia solo il contesto narrativo dei libri di Gordimer, efferatezze finite con Mandela osannato alle olimpiadi, scempi che da noi non potrebbero mai verificarsi.
E non finirò di sentirmi offesa come persona, come giornalista, anche per una volta come donna, della pompa che i regimi dittatoriali concedono anzi promuovono in favore di oppositori più accettabili, meno apocalittici, più sgargianti, meno infausti, più spettacolari, meno scomodi, a nascondere la condanna al silenzio, all’oblio e alla morte di tanti, ricordati in qualche anniversario come Anna Politkovskaja.
E non finirò di sentirmi ingiuriata dalla condanna di governi democratici che denunciano i misfatti contro i diritti e la repressione, brutale o sobria che sia, purché a margine del biasimo si possano a stringere o baciare mani, accettare doni principeschi in cambio del consenso, siglare opache alleanze o profittevoli accordi commerciali.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Rivoluzioni in punta di pussy

  • anna lombroso

    Si, il fatto è che ognuno si sceglie le grandi cause che si merita. E di solito quelle che distraggono se stesso e gli altri. E’ un peccato perchè così non ci si accorge delle galere che ci aspettano, con o senza sbarre. Non credo e naturalmente mi auguro che le tre ragazze non facciano nemmeno un giorno di gabbia, Kasparov lo farà, temo, ma comunque la mia invettiva era proprio rivolta a chi prefersice volgere gli occhi verso cause e eroi mediatici e spettacolari forse per non guardare la prigione che ha dentro, di conformismo e ipocrisia. Come denunciava la Politovskaia

    Mi piace

  • Stefano Dall'Agata

    Se vuole trovarsi lei un agente altrettanto efficiente ed andare a farsi 2/3 anni di galera vera, magari in nome dell’approfondimento della “scrittura creativa”. Che pena.

    Mi piace

  • mariaserena peterlin

    Sono parecchio perplessa: come vessilli di libertà le tre grazie in questione mi sembrano alquanto scarsine; e non sono per niente curiosa (mentre di solito lo sono sempre in questo campo) nei confronti della loro musica.
    Forse sarei più attenta alle loro disavventure se i media non ce ne assordassero con assiduità ossessivamente zelante e, a questo punto, sospetta. Cui prodest?
    Del resto un’irruzione come la loro, le croci abbattute con la sega elettrica dai sostenitori non mi aiutano a simpatizzare al di là di una questione di principio: mesi di galera prima di un processo non sono mai accettabili, le manette a tre giovani donne nemmeno.
    Ma quando i tiggì parlano di galere russe poco comode, allora penso ai nostri carcerati, stipati in modo disumano e che, attendendo per anni il giudizio, a volte si tolgono la vita o muoiono di malattia.
    Tanto snobismo verso il sistema russo è giustificato?
    E che dire di quello del paese dove di giustiziano portatori di handicap o si ammazzano a pistolettate? può scagliare pietre?
    Faticosissimo, per me, schierarsi un solo millimetro oltre la linea della solidarietà umana. Per quella ideologica e/o politica… citofonare a Voltaire, ma anche ad altri.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: