Annunci

Oltre il cilicio niente

Binetti cardinal

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ma vi ricordate i tempi peraltro non così remoti nei quali si diceva che le donne al potere avrebbero portato qualità e specificità di genere, segnate dalla sensibilità, da una compiuta sentimentalità coerente con istanze di praticità e realismo, da una vocazione all’ascolto e alla comprensione per gli altri, in specie i più deboli e vulnerabili? Vi ricordate quando una sia pur frettolosamente esplorazione nelle geografie degli scandali e del malaffare registrava una egemonia maschile attribuibile a un più ridotto spirito di servizio, a una minore preoccupazione per il futuro, a un superiore ego, forse intrinsecamente condizionato dal testosterone? Come se si trattasse solo di differenze tra uomini e donne, di disuguaglianze tra sessi e non della vecchia perenne lotta di classe, della sopraffazione ancora bestiale e sempiterna di ricchi sui poveri, cui si aggiungono altre diversità come un infame valore aggiunto per annettere iniquità a iniquità.

Non bastavano le esternazioni imprudenti intimidatorie e inopportune delle nostre ministre, indicatori di comportamenti e scelte regressive, desiderate o eseguite come un compito doveroso, incivili e discriminatrici, punitive di vocazioni, aspirazioni, talenti, garanzie e diritti. Non bastava il dispotismo della cancelliera. Ecco che la loro autorità di riferimento sovranazionale dal trono del Fondo Monetario, una donna, si dice, esprime con sgangherata e provocatoria franchezza il senso vero della loro ideologia: non provo pena per i bambini greci che patiscono la fame.. i loro genitori invece pensino a pagare le tasse. Indifferenti al fatto che il debito sia degli Stati e non dei cittadini, che l’evasione sia un fenomeno diffuso si, ma che la pressione principale sul debito pubblico e sul depauperamento dei servizi e dello stato sociale sia da addebitare a una cerchia di “infedeli” ristretta e protetta dai governi; sprezzanti dei bisogni e animosi verso gli altri, chiuse in una bolla di delirante superiorità e separatezza, le sacerdotesse del neo liberismo, come baccanti folli, diventano sbracate nell’esternazione del loro credo, ché tanto le brache sessiste, tiranniche e sopraffattrici le hanno messe alle loro teste, forgiate sui modelli di una enclave dirigente che vuole scardinare con sistematicità ottusa e un accanimento delirante l’edificio dei diritti e della democrazia.

E vi ricordate quando si diceva che la fede, quella militante, professata con la parole e gli atti, faceva diventare i fortunati possessori, vincitori di una sfida con il male, tanto da essere esempio di comportamenti virtuosi, da privati e da cittadini. Eh lo so, toccava sopportare certe intemperanze, toccava subire un bel po’ di invadenza negli affari di Stato, toccava essere indulgenti con una entusiastica vocazione all’ubbidienza cieca a certe gerarchie, toccava difendersi dall’esuberanza di una morale religiosa che voleva sostituirsi all’etica, è vero. Ma a volte noi laici eravamo ammirati, forse addirittura invidiosi di tanta cocciuta volontà di “far bene”, di tanto impegno che da intimamente devoto si declinava in comportamenti “politici” di dedizione agli altri, di solidarietà, fino al sacrificio.

Ma esagerare è diabolico, lo dovrebbe ricordare la Binetti che in tempi di crisi delle istituzioni, alla quale non si sottrae la Chiesa, con disprezzo della ragione, dello Stato e dello stato di diritto, del suo ruolo di rappresentante in Parlamento, difende con nebbiosa protervia l’intoccabilità e il primato delle regole “confessionali” della sua religione rispetto alle leggi del suo Paese. “Un sacerdote, ha sostenuto nel corso di una intervista nel corso del programma radiofonico “La Zanzara“,. non è obbligato a denunciare un pedofilo”. Che lo dica la Cei – ne abbiamo parlato qui – è indecente e deprecabile, ma che lo sostenga un parlamentare, che le leggi dovrebbe promuoverle e rispettarle in nome e nel rispetto dei cittadini, è più che scandaloso, illegittimo, delittuoso, sovversivo. Non perdo nemmeno un minuto a rilevare che una cristiana, dedita a mortificazioni edificanti tramite cilicio, della quale si magnifica il piglio da zarina nelle cure che dedica a un importante organismo vocato alla salute, di cui si registra una certa focosa mobilità nell’aderire a movimenti e partiti seguendo probabilmente indicazioni che vengono dall’alto, forse dall’Altissimo, proprio lei dovrebbe insorgere indignata contro delitti tra i più ignobili che devastano l’innocenza, riducono la speranza, feriscono irrimediabilmente l’aspettativa del futuro, mortificano per sempre l’infanzia e il bambino che è bello conservare in sé anche una volta adulti. E non mi chiedo neppure se l’omissione di denuncia valga e sia legittima anche per quanto riguardi l’autodenuncia e anche quella di latri sacerdoti probabilmente vista come una indebita e condannabile delazione, una spiata da ‘nfami, nella miglior tradizione delle cupole, mafiose o di San Pietro che siano, perché l’inclinazione di certe vocazioni è sempre quella a lavare i panni sporchi in casa.
Dovrebbero essere i credenti a manifestare scandalo per l’iniquità, l’ipocrisia e l’infedeltà ai principi delle gerarchie ecclesiastiche. Ma devono essere i cittadini a espellere dalle loro assemblee di rappresentanza gli eletti per la loro infedeltà alle leggi, allo Stato e alle sue istituzioni.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Oltre il cilicio niente

  • frankramsey1903

    Non c’è nessun dubbio che la posizione del mons. Crociata e della Binetti sia estranea al Vangelo. Crociata si attacca ad un cavillo giuridico della nostra legge ed ad una prassi consolidata del nostro sistema giuridico per contrastare le parole di Gesù sulla pedofilia. Purtroppo ci ritroviamo sempre nel sonetto del Belli: (cito a memoria) ma de quelli chissà quanti credono in Dio (riferito ai prelati romani).

    Mi piace

  • Gina

    bè la Kraft in Germania è un ottimo esempio di donna che porta cambiamento..certo se si cita la Binetti…un pò come se per dimostrare che gli uomini sono da sempre inetti governanti , depauperatori di risorse umane, naturali economiche .e si volesse motivare la loro esclusione dal potere,si citassero solo come esempio berlusconi, hitler, mussolini, franco, stalin, castro, ma senza andare a pescare tar questi titani di merda .basta pescare dal mucchio enorme dei mediocri nostrani come bersani, d’alema, veltroni….e a destra e a sinistra oddio la lista è lunga…..mi fermo qui ..
    direi che abbattendo la discriminazione delle donne come accesso al potere magari cambia la stessa concezione del potere che ne dici?

    La discriminazione nei confronti delle donne è da sempre la prima originaria su cui si innestano tutte le altre discriminazioni..solo per questo noi “sfigate” senonoraquandistefemministe o chiamaci come ti pare, forse solo per questo vogliamo si eccome!!, vogliamo la partecipazione delle donne alla responsabilità della gestione della cosa pubblica….

    magari perchè non è giusto discriminare per il genere sessuale punto e basta…e non è giusto discriminare per religione, gusti sessuali e magari così mettendo la base della partecipazione alla cosa pubblica si comincia a pensare il potere in modo diverso…è una speranza sai, un ingenuità….?

    p.s a proposito di lotta di classe..anche gli operai fanno i machi testosteronici con le donne, gli stessi che vanno alle riunioni sindacali e reclamano diritti poi magari vanno a casa e pestano la moglie e inorridiscono per il figlio “frocio”…

    non è la classe sociale il punto è fallocefalocrazismo ma quello colpisce tutti ricchi e poveri occupati e disoccupati…

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: