Site icon il Simplicissimus

Donne che prendono in giro le donne

Annunci

Molte volte su questo blog è stato detto da me o da Anna Lombroso che il potere è asessuato e che il compiacimento di genere quando qualche donna raggiunge posizioni di vertice, non può prescindere da un giudizio sul singolo personaggio e sul suo ruolo. Quando s’incontra uno squalo affamato nessuno si chiede se sia maschio o femmina e nel mondo umano spesso è anche peggio perché se è vero che una donna deve fare doppia fatica per affermarsi è anche vero che le donne che arrivano a posizioni di vertice tra i poteri forti devono dimostrare di essere il doppio più dure degli uomini. Gli esempi di Lagarde, Marcegaglia e Merkel che hanno riportato indietro l’orologio dei diritti, colpendo con maggior vigore proprio le donne senza tenere in alcun conto il loro “svantaggio”, è un esempio di chiarezza cristallina.

Certo questo accade perché siamo dentro a una società ancora maschile, perché la selezione avviene con questi criteri, perché il liberismo cerca di instillare la divisione dei diritti e di sfruttare a proprio vantaggio anche le battaglie di genere, talvolta agendo sottobanco, talvolta facendone oggetto di volgari pretesti. E’ quanto accaduto ieri con la banchiera docente Elsa Fornero, costretta per pura formalità  ad incontrare la delegazione del forum dei giovani, un ensemble di incerta natura, ma tendente al bocconismo. Ma anche questo era irritante per la neoministra, così non appena ha visto che nella delegazione non c’erano donne ha subito trovato una via d’uscita dall’imbarazzo di doversi confrontare e com’è tipico dei professorini di scarsa vaglia e se n’è andata: «Se neanche i giovani hanno la consapevolezza che il contributo delle donne deve essere valorizzato – avrebbe detto – non si riesce ad andare da nessuna parte. Questo è un atteggiamento culturalmente sbagliato». Elsa dixit.

Io trovo culturalmente sbagliato che questi atteggiamenti siano presi da chi accinge ad aumentare di due anni l’età pensionabile delle donne e di chi si prepara a colpire in particolare le donne con il calcolo contributivo della pensione. Perché sono proprio le donne ad essere più colpite dal lavoro nero, senza diritti e sono esposte ad ogni tipo di ricatto. Anzi a dire la verità trovo questo atteggiamento rivoltante, ma forse è perché ho lo stomaco debole e i rospi non li so baciare con il trasporto necessario e con la dovuta  ipocrisia. Questa fuga di fronte ai giovani con la scusa della mancanza di presenze femminili è solo uno squallido pretesto, una vera presa in giro delle donne.

E’ proprio vero, tira più un pelo sullo stomaco che una coppia di buoi.

 

 

Exit mobile version