Site icon il Simplicissimus

Truffa referendum: dov’è l’opposizione?

Annunci

Quelli che si appellano ogni momento al popolo sovrano, cercano in tutti modi di far tacere il popolo. L’uomo in fuga dai giudici ora è in fuga anche dalla gente. Così dopo il nucleare ci si appresta ad eliminare anche il referendum sulla privatizzazione dell’acqua, per far fallire la consultazione popolare.

In entrambi i casi si tratta di pure truffe, perché le norme cancellate oggi, possono essere ripristinate in qualsiasi momento, non appena passata la data del referendum e salvato il padrone dalla possibilità che sia cancellato il legittimo impedimento. Ci sarebbe davvero da rivoltarsi con questo governo rivoltante.

Soprattutto si dovrebbe cercare in ogni modo di impedire che il sabotaggio delle consultazioni popolari vada a buon fine. E visto che i tempi sono abbastanza stretti, non è impossibile riuscirci. Ostruzionismo, qualche imboscata parlamentare: non sono gli strumenti che mancano e men che meno la furbizia.

Ciò che manca è l’opposizione o almeno la gran parte di essa, il Pd. Fa finta di non capire che si tratta di un trucco e parla di vittoria perché l’affossamento dei referendum è per lei una gradita novità che lo esime dallo schierarsi e dunque dal dividersi.

Nonostante una vittoria nella consultazione popolare possa essere un passaggio importante, se non essenziale nel mandar via Berlusconi, il maggior partito di opposizione preferisce dar credito a una truffa evidente piuttosto che dare battaglia rischiando di creare malumori tra i nuclearisti di casa propria e soprattutto tra quelli che vogliono l’acqua privata. Sembra passato un secolo da quando Bersani disse ” il più anti berlusconiano sarà chi manderà a casa Silvio Berlusconi”.

Purtroppo il Pd in questa sua pilatesca soddisfazione sembra non rendersi conto di avallare un devastante metodo di governo che è tutt’uno con il continuo tentativo di scardinare le istituzioni: non si può combattere una cosa, chiudendo un occhio sull’altra. Così non si manda a casa Berlusconi. E soprattutto si coltiva con amore il Berlusconi che in noi. Anzi in loro.

Exit mobile version