Site icon il Simplicissimus

Kabul, più morti degli americani

Annunci

Ecco l’ultima pagina del libro del fare che il premier sta facendo distribuire in questi giorni. Viene venduta la solita storia della missione di pace: invece con i quattro soldati morti oggi siamo arrivati a 34 caduti.

E’ compatibile questa strage con una missione di pace?

Direi proprio di no. Gli americani che non negano affatto di essere lì a fare la guerra al terrorismo, qualunque cosa voglia significare questa stravagante espressione, hanno avuto in proporzione meno morti di noi.

Su un contingente che con varie oscillazioni è stato comunque sempre 40 volte, a volte 50 volte superiore al nostro e con regole d’ingaggio che fino a un anno e mezzo fa erano assolutamente diverse, hanno avuto circa 1300 caduti. In proporzione noi ne avremmo avuti 1360.

Aggiungiamo a questo che da novembre, quando i tedeschi ritireranno i loro sei Tornado, l’Italia sarà l’unico Paese ad avere in Afganistan degli aerei da combattimento in pianta stabile, i 4 Amx che secondo l’ineffabile ministro La Russa dovrebbero sparare solo con i cannoncini e non gettare bombe. Gli stessi americani hanno i loro aerei basati in Pakistan e in Uzbekistan.

In questo ha ragione il premier, è il governo del fare. Del fare la guerra, spacciandola per pace.

Exit mobile version