Ieri eravamo tutti sulla stessa barca, espressione usata nella poco opportuna coincidenza del varo dello yacht di Piersilvio. Oggi Silvio dice “abbiamo rimesso la barca sulla giusta rotta”. Il linguaggio del premier con la senilità passa man mano dal calcio alla marineria, quasi si rendesse conto di aver trasformato il Paese in un Titanic. O più semplicemente si sta precostituendo un alibi per quando dovrà ammettere che le sue promesse erano da marinaio.